“AVREI VOLUTO TANTO ESSERE DI SINISTRA MA PURTROPPO NON C’ERA PIU’ POSTO” - VITA, BATTUTE E GAG-ATE DI PIER FRANCESCO PINGITORE, IL REGISTA DEL "BAGAGLINO" - LA COMICITÀ DI OGGI IN TV? SPIACENTE, NON LA FREQUENTO - CHE COSA LA FA RIDERE? I DISCORSI IN TV DEGLI "OPINIONISTI" CHE UNA VOLTA SI CHIAMAVANO CAZZARI – A QUALI VALORI SI ISPIRA? AI VALORI BOLLATI” – MA COSA DICE PINGITORE DEL ARTICOLO “SPIONISTICO” FIRMATO DA LUI SU ALDO MORO E DELL'ORGANIZZAZIONE PARAMILITARE TERRORISTICA FRANCESE OAS-ORGANISATION ARMÉE SECRÈTE DI CUI ERA CONSIDERATO SOSPETTO SEGUACE…

Condividi questo articolo


pierfrancesco pingitore foto di bacco pierfrancesco pingitore foto di bacco

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/passato-oscuro-pier-francesco-pingitore-caporedattore-306427.htm

 

Estratto dell'articolo di Paolo Graldi per “il Messaggero”

 

(...)

Nella sua lunga vita di artista ha goduto di più la gioia di vivere o patito la fatica di vivere?

«La gioia di vivere».

 

C'è una frase ascoltata nella sua infanzia che l'ha accompagnata per tutta la vita?

«"Scendiamo al rifugio", durante la guerra tornata di terribile attualità»

 

Che cosa ama di più vedere o sentire il pubblico?

«Sfottere chi comanda».

 

C'è qualcosa che rimpiange del passato?

«Il passato».

il gian burrasca di pingitore 4 il gian burrasca di pingitore 4

 

Le qualità di un grande attore?

«Non credersi un grande attore».

 

Il peggior difetto di un attore?

«Credersi un grande attore».

 

Qual è il vizio che detesta di più e perché?

«L'invidia. Perché sono troppo presuntuoso per abbassarmi a invidiare qualcuno».

 

Come nasce l'idea di uno show tipo Bagaglino?

«Dalla voglia di ridere, scherzare, sfottere, giocare, rendere omaggio alle donne. Se belle, meglio. Molto meglio».

pamela prati pier francesco pingitore valeria marini pamela prati pier francesco pingitore valeria marini

 

Il regista ha un segreto, una firma: la sua qual è?

«Mettercela tutta. Sempre. Si tratti di uno sketch o di un film per Hollywood, io ci metto sempre lo stesso impegno. (Almeno credo, non avendo mai girato film per Hollywood. Finora)».

 

Le piace la satira di oggi: la differenza con quella del passato qual è?

pamela prati pier francesco pingitore pamela prati pier francesco pingitore

«Quella del passato era satira».

 

Che cosa la fa ridere al di là del palcoscenico, nella vita?

«I discorsi alla tv dei cosiddetti "opinionisti". Che una volta si chiamavano cazzari».

 

La politica messa alla berlina perché piace tanto?

«Perché è l'unica vendetta che il popolo si può concedere».

 

pierfrancesco pingitore foto di bacco pierfrancesco pingitore foto di bacco

I politici, generalmente, si offendono e protestano o accettano la satira che li colpisce e li rappresenta?

«Purché si parli di loro i politici si farebbero tirare anche le torte in faccia. Lo dico per esperienza».

 

Chi si offendeva e chi ne sorrideva?

«Sorridere sempre. Offendersi mai. Crepare di rabbia, qualche volta»

 

La satira aiuta a capire le crepe della politica?

«La politica crepa per conto suo, senza bisogno della satira».

pamela prati pier francesco pingitore valeria marini 1 pamela prati pier francesco pingitore valeria marini 1

 

Come è cambiata la satira negli anni?

«La satira è sempre quella che Orazio duemila anni fa definiva: "Dire la verità ridendo". Ma trovarne in giro oggi è difficile».

 

Le piace la comicità rappresentata oggi in televisione?

«Spiacente, ma non la frequento».

 

C'è una battuta nei suoi innumerevoli spettacoli che è diventata virale e che magari si ricorda ancora?

gian burrasca by pingitore gian burrasca by pingitore

«Avrei tanto voluto essere di sinistra. Ma purtroppo non c'era più posto».

 

(...)

 

La donna sempre al centro dei talk show, perché? È un mistero che si presta a tante sfumature e allusioni?

«La donna a poco a poco sta diventando il centro di tutto. Meglio così. È tempo che gli uomini si riposino».

 

Ci sono nella sua storia di inesauribile autore teatrale e di regista dei miti ispiratori?

pier francesco pingitore leo gullotta pamela prati pier francesco pingitore leo gullotta pamela prati

«Roma, la libertà, le donne, Dumas, la cioccolata».

 

(...)

 

Il brano che rappresenta per lei qualcosa di irripetibile?

«Il canto di Paolo e Francesca della Divina Commedia. Per i morti alle Termopili di Simonide tradotto da Quasimodo. Je ne regrette rien, cantata da Edith Piaf».

 

A quali valori si ispira?

«Ai valori bollati. Gli unici che non cambino nel giro delle generazioni. E delle degenerazioni».

 

pier francesco pingitore pier francesco pingitore PINGITORE 16 PINGITORE 16 pingitore cover pingitore cover pingitore castellacci pingitore castellacci mario castellacci pingitore wendy mario castellacci pingitore wendy pingitore berlusconi pingitore berlusconi berlusconi al bagaglino con pingitore 13 berlusconi al bagaglino con pingitore 13 berlusconi al bagaglino con pingitore 7 berlusconi al bagaglino con pingitore 7 berlusconi al bagaglino con pingitore 8 berlusconi al bagaglino con pingitore 8 berlusconi al bagaglino con pingitore 11 berlusconi al bagaglino con pingitore 11 pingitore 1 pingitore 1 pietrangelo buttafuoco pier francesco pingitore foto di bacco pietrangelo buttafuoco pier francesco pingitore foto di bacco

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?