“PER ME IL RISPARMIO ANDREBBE FATTO SULLA SPESA MILITARE. MI TACCIO, TANTO LO SAPETE CHE C'HO RAGIONE IO". FLAVIO INSINNA A “OGGI” PARLA DELLA “SOLITA CANIZZA POLITICA” SUSCITATA DAL SUO NO ALL’AUMENTO DELLE SPESE MILITARI DURANTE “L’EREDITA’”: “LA LIBERTA’ NON È GRATIS, LO SO. SE CI SARANNO CONSEGUENZE LE AFFRONTERO’” - DICO QUELLO CHE PENSO ANCHE IN TV, NON PERCHE’ MI SENTA FIGO MA PER DARE UNA MANO A CHI HA MENO. SE TORNASSI INDIETRO FAREI IL…” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da oggi.it

 

flavio insinna flavio insinna

«Dico quello che penso anche in televisione perché non abdico alla mia identità. La libertà non è gratis, lo so. Se un giorno le mie parole porteranno a delle conseguenze, le affronterò», dichiara Flavio Insinna al settimanale OGGI in edicola da domani, dopo quella che chiama «la solita canizza politica» suscitata dal suo No all’aumento delle spese militari.

 

«È più forte di me, non posso vedere la parola “risparmio” e non dire che tutti i governi hanno sempre tagliato per prima cosa sanità, scuola e lavoro… Non sono contro questo o quel partito, sono contro la guerra e contro l’ingiustizia sociale», spiega l’attore e presentatore del game show l’Eredità.

 

flavio insinna 2 flavio insinna 2

«Ho la consapevolezza di essere fortunato e sento il dovere di darmi da fare in prima persona. Non ho alcun senso di colpa, lo faccio solo perché è giusto e perché dà un senso che mi piace alla mia esistenza», spiega Insinna che in merito al film tv di Rai 1 di cui sarà protagonista,  A muso duro, dice: «Farò il medico, è il mio sogno. Mio padre, un grande padre, ha dedicato la vita alla medicina e ai più sfortunati e io ora avrò l’onore di interpretare Antonio Maglio, medico e dirigente Inail che rivoluzionò il mondo della disabilità organizzando le prime Paralimpiadi, a Roma nel 1960».

 

«Se tornassi indietro farei il medico. Forse la mia idealizzazione della medicina racchiude il solito cruccio: sento che avrei potuto fare di più per gli altri con indosso il camice… Avevo anche superato il Test per Medicina ma sono agofobico.

flavio insinna l eredita' flavio insinna l eredita'

 

Mio padre ci aveva provato ad aiutarmi ma è più forte di me. Se c’è da fare un prelievo di sangue scappo via», conclude l’attore che a proposito di fortune ammette per la prima a volta a Oggi: «La mia compagna, Adriana, è un’altra fortuna. Vediamo le cose fondamentali della vita nello stesso modo e condividiamo le stesse battaglie. Non è solo una compagna di viaggio, è una compagna di salite e di discese, quando c’è il sole e quando piove».

flavio insinna don bosco 2 flavio insinna don bosco 2 flavio insinna e adriana riccio 1 flavio insinna e adriana riccio 1 flavio insinna 3 flavio insinna 3 flavio insinna 2 flavio insinna 2 flavio insinna l eredita flavio insinna l eredita flavio insinna e adriana riccio flavio insinna e adriana riccio

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

business

cronache

DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

sport

“A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute