“NON HO SFIDATO CHIARA FERRAGNI, LA SUA RISPOSTA MI HA DELUSA” – PARLA L’11ENNE, PROMESSA DELL’EQUITAZIONE, CHE HA CRITICATO LA FOTO SEMINUDA DELLA INFLUENCER: "MI HANNO CHIUSO IL PROFILO INSTAGRAM" – LA MAMMA INSORGE: “NON POSSO ACCETTARE CHE MIA FIGLIA, PER AVER ESPRESSO UN’OPINIONE, PERALTRO CONDIVISA DA TANTE PERSONE, SIA STATA MESSA A TACERE, BANNATA, ELIMINATA” – “IL PAPÀ: “SI DEVE AVERE PIÙ FIDUCIA NELLO SPIRITO CRITICO DEI RAGAZZINI"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Elvira Serra per il “Corriere della Sera”

 

 

(...)

 

chiara ferragni e le critiche della 11enne promessa dell'equitazione chiara ferragni e le critiche della 11enne promessa dell'equitazione

Ieri, dopo varie sospensioni, con la mamma che mandava e rimandava il documento di identità per le verifiche, il profilo di Giulietta è stato cancellato da Instagram per via dell’età. Guarda caso, due giorni dopo essere passata agli onori delle cronache come la bambina che «ha sfidato» Chiara Ferragni, dicendo, un po’ come nella favola di Andersen, che il re è nudo.

 

Giulietta, però, chiarisce subito: «Io stimo Chiara Ferragni. Ho il suo astuccio, tante penne, le gomme, le felpe, l’accappatoio e il pigiama. Però quella foto non mi è piaciuta e gliel’ho scritto, non è che l’ho sfidata. Ma nemmeno la sua risposta, dopo, mi è piaciuta».

 

Riepilogo. Sabato Giulietta commenta l’immagine allo specchio in perizoma della imprenditrice digitale scrivendo, tra le altre cose: «A parte che in questa foto non fai vedere vestiti o costumi da bagno, ma praticamente te stessa nuda. Qual è il messaggio per noi ragazzine? Che per farci notare dobbiamo metterci nude? (...)

 

Mia mamma ha 34 anni e le foto in costume al mare le mette, ho una bella mamma, ma se mettesse una foto così io mi sentirei malissimo, penserei che mi dovrei vergognare». Dopo un po’ Ferragni le risponde: «Il messaggio per tutte, ragazzine e non, è semplice: nessuno ci può giudicare o farci sentire sbagliate. Pubblicare una foto così non dovrebbe far vergognare nessuno e anzi dimostrare che ognuno è libero di essere se stesso (...). Faccio incazzare i puritani? Missione compiuta allora».

GIULIA PROMESSA DELL EQUITAZIONE e le critiche a chiara ferragni GIULIA PROMESSA DELL EQUITAZIONE e le critiche a chiara ferragni

 

Giulietta dalla risposta è rimasta delusa. E non tanto per la valanga di chi ha messo in dubbio che avesse scritto lei quelle parole (sabato era impegnata a una festa di compleanno e domenica l’ha trascorsa in maneggio a giocare con un puledro di tre giorni; i commenti, quindi, non li ha letti).

 

Ma perché, spiega: «Secondo me ognuno può sentirsi libero anche indossando una felpa, e non è che poi lo deve far sapere al mondo. Quando una delle mie amiche più grandi pubblica una foto di spalle, con i capelli che coprono il sedere, io glielo dico che non mi sembra appropriata, perché non siamo al mare».

 

chiara ferragni e le critiche della 11enne promessa dell'equitazione chiara ferragni e le critiche della 11enne promessa dell'equitazione

Se fino a domenica il dispiacere maggiore della mamma, già fotografa di safari, era che in troppi avessero insinuato ci fosse lei dietro il commento, adesso la sua rabbia si concentra sulla chiusura del profilo. Si sfoga: «Io non posso accettare che mia figlia per aver espresso un’opinione, peraltro condivisa da tante persone, sia stata messa a tacere, bannata, eliminata.

 

Inoltre, con la chiusura del profilo perdiamo cinque anni di ricordi, di gare, di momenti belli condivisi con la comunità dell’equitazione». Il papà Stefano, dirigente, ammette: «Credo si debba avere più fiducia nello spirito critico dei ragazzini, che hanno la testa sulle spalle». Giulietta adesso piange. Non immaginava che un commento a Chiara Ferragni le sarebbe costato così caro.

CHIARA FERRAGNI NUDA IN SUDAFRICA CHIARA FERRAGNI NUDA IN SUDAFRICA chiara ferragni chiara ferragni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...