“NON ME NE VADO PER SEMPRE, SE RICORDI IL MIO NOME” – UN BARBONE, UNA BAMBINA CHE BIASCICA UN COMICO “FANGULO'' E UNA BANDA DI CRIMINALI NEL ROMANZO-THRILLER DI CARLA VISTARINI – UN GIALLO PIENO DI COLPI DI SCENA E UNA VERITA’ DA SCOLPIRE NELL’ANIMA: “FINCHÉ C’È QUALCUNO CHE RICORDA LA STESSA COSA CHE RICORDI TU, ALLORA NON SEI SOLO”

-

Condividi questo articolo


carla vistarini carla vistarini

Flaminia Marinaro per Il Foglio

 

E’ un giallo leggero e brillante, a tratti ironico il secondo romanzo di Carla Vistarini. L’autrice è figlia d’arte con un curriculum importante alle spalle, costruito da tanti programmi televisivi di successo e molte tra le più belle e famose canzoni di musica leggera degli ultimi anni.

 

Nel 2014 decise di affacciarsi alla narrativa con un romanzo che immediatamente conquista il pubblico, tanto da farle scrivere quest’anno il seguito.

 

In Se ricordi il mio nome ricompare “lo Smilzo”, un protagonista curioso che si era fatto voler bene da subito per le sue qualità da eroe buono e bizzarro, faccendiere prima, filibustiere poi, barbone e infine latitante miliardario che anziché bearsi dei suoi oziosi passatempo nell’atmosfera incantata dei Caraibi, si logora nel tormento di una solitudine forzata.

CARLA VISTARINI CON I SUOI TELEGATTI CARLA VISTARINI CON I SUOI TELEGATTI

“Anch’io dovrei essere custodito nel cuore di qualcuno… non posso essere passato invano… perché finché c’è qualcuno che ricorda la stessa cosa che ricordi tu, allora non sei solo”.

 

Nascosto nella trama fitta di un thriller pieno di suspense, il racconto di Carla Vistarini è profondo, introspettivo, tocca le corde pericolose della bioetica, indagando il confine sfumato e labile tra le conquiste tecnologiche e il rispetto della vita.

 

Con tenerezza descrive la bimbetta vittima di un disegno criminale aberrante. Concepita con il solo scopo di rendersi portatrice di organi. Non le dà un nome, la descrive come un batuffolo di dolcezza di poco più di tre anni incapace di parlare a parte biascicare un comico “fangulo”, che utilizza come unico modo di comunicare con un mondo anomalo e ostile che la circonda.

 

grazia metalli carla vistarini grazia metalli carla vistarini

Nell’inconsapevolezza di avere una condanna a morte che aleggia in modo oscuro sul suo capo, la bambina percepisce e comprende il bene e il male, respinge “l’uomo sbagliato” e si affeziona a quello “buono”, ricercato e incompreso dall’universo dei grandi.

 

L’istinto di sopravvivenza è talmente forte che la bambina scappa e mette in movimento un circuito di avvenimenti e di colpi di scena in cui trovano un ruolo molti personaggi che escono dai pallidi contorni della storia per assumere una veste decisiva, dai due anziani signori che la trovano sola e ferita nel bosco al commissario di polizia che dietro un aspetto ingenuo e credulone riesce a risolvere il puzzle.

 

carla vistarini mita medici intervitate da gino castaldo carla vistarini mita medici intervitate da gino castaldo

L’autrice spazia nell’uso della lingua adattandola ai personaggi, utilizza una cifra stilistica semplice quando immerge il racconto nei pensieri della bambina e si riappropria di un linguaggio studiato per dar voce agli altri personaggi mentre le immagini arrivano nitide e potenti durante la lettura quasi fossero dei fotogrammi di un film.

dario salvatori e carlo vistarini dario salvatori e carlo vistarini IL ROMANZO DI CARLA VISTARINI IL ROMANZO DI CARLA VISTARINI

 

Condividi questo articolo

media e tv

"E' NATA MIA FIGLIA MA NON E' DI ANDREA PEZZI, CON LUI CI SIAMO LASCIATI" – DOPO TOTTI E ILARY, WANDA NARA E ICARDI, LA MARCUZZI E PAOLO CALABRESI, E’ FINITA ANCHE LA STORIA TRA CRISTIANA CAPOTONDI E ANDREA PEZZI: “SIAMO SEPARATI DA PIU’ DI UN ANNO E MEZZO MA GLI HO CHIESTO DI STARMI ACCANTO PER LA NASCITA DI MIA FIGLIA ANCHE SE NON ERA LUI IL PADRE. ANNA E’ VENUTA ALLA LUCE VENERDI’ 16 SETTEMBRE…” – IN PASSATO L'ATTRICE AVEVA DICHIARATO DI NON AVER AVUTO PER UN PERIODO DI TEMPO RAPPORTI SESSUALI CON IL...

politica

business

ABBIAMO SCHERZATO! ELON MUSK CI RIPENSA E RINNOVA LA PROPOSTA D'ACQUISTO DI TWITTER PER 44 MILIARDI DI DOLLARI. OSSIA LA CIFRA ORIGINARIA OFFERTA LO SCORSO APRILE – LO SVALVOLATO PROPRIETARIO DI TESLA SPERA COSÌ DI FERMARE LA CAUSA CHE DOVREBBE ESSERE DISCUSSA IL 17 OTTOBRE PROPRIO PER GIUDICARE LA SUA RINUNCIA ALL’ACQUISTO – TWITTER STA VALUTANDO LA PROPOSTA PERCHÉ SOSPETTA CHE SIA SOLO UNA MANOVRA PARACULA PER SCOMBINARE IL PROCEDIMENTO LEGALE – INTANTO IL TITOLO DEL SOCIAL SCHIZZA IN ALTO

cronache

sport

cafonal

CAFONAL MONSTRE! – UN BOMBARDAMENTO DI ZIGOMI RIGONFI E COLATE DI BOTOX HANNO INVASO LA FESTA DI COMPLEANNO DI GIACOMO URTIS. PER FESTEGGIARE I 44 ANNI DEL CHIRURGO DEI VIP SI SONO RITROVATI LA PRINCIPESSA FAKE LULÙ SELASSIÉ, SANDROCCHIA MILO CON LE GUANCE SMALTATE CHE FACEVANO SCOPA CON QUELLE DI CARMEN RUSSO. NELLA GALLERIA DEGLI ORRORI FINISCONO PER DIRETTISSIMA LA GIACCA IN PELLE DI MASSIMO BOLDI, I CAPELLI DI GIUCAS CASELLA E… - LE PRIMAVERE SFIORITE DELLA CALDONAZZO E IL MISTERO DELLA COTONATISSIMA MARIA MONSE'

viaggi

salute