“NON VOGLIO ESSERE OSPITATA IN UN FESTIVAL AL FEMMINILE, MI MORTIFICA” – LA REGISTA EMMA DANTE PORTA AL COSTANZI L’OPERA PROIBITA DI PROKOFIEV “L’ANGELO DI FUOCO”: “RENATA È OSSESSIONATA DAL DESIDERIO E PUNITA. LA SESSUALITÀ DELLE DONNE È SEMPRE STATA CONSIDERATA OSCENA. SE AL POSTO DI DON GIOVANNI CI FOSSE STATA UNA DON GIOVANNA, SAREBBE FINITA NEL ROGO PURE LEI” – “LE COSE NON CAMBIERANNO CON LE QUOTE ROSA. IL PROBLEMA STA…”

-

Condividi questo articolo

Simona Antonucci per “il Messaggero”

 

l'angelo di fuoco emma dante 2 l'angelo di fuoco emma dante 2

«Descriviamola con ironia: Renata è una donna ossessionata dal desiderio. Direi assatanata. Una visionaria, spregiudicata, che finisce nel fuoco dell' Inquisizione. Del resto, la sessualità delle donne è sempre stata considerata oscena. Vietata. Se al posto di Don Giovanni ci fosse stata una Don Giovanna, sarebbe finita nel rogo pure lei».

 

 

Emma Dante ha incontrato una femmina impegnativa, Renata, la protagonista del mondo cupo e sconvolto dell' Angelo di fuoco, l' opera proibita che Prokofiev non vide mai rappresentata, in scena all' Opera di Roma dal 23 maggio (repliche fino al primo giugno).

 

emma dante emma dante

Dirige l' orchestra il maestro Alejo Pérez, cantano Leigh Melrose, Evgenia Muraveva, Sergey Radchenko, Maxime Paster, Mairam Sokolova e Goran Juri. Dopo una travagliata stesura della partitura, ispirata al romanzo blasfemo di Brjusov, il capolavoro andò in scena a trent' anni dal suo completamento e a due anni dalla morte del compositore. Ora Renata, che ha trascorso la sua breve vita tra stregonerie e conventi, dimenandosi nel fervore allucinato della musica, cerca rifugio nella creatività della regista palermitana.

Una nuova donna per il suo repertorio molto femminile.

l'angelo di fuoco emma dante 5 l'angelo di fuoco emma dante 5

 

«Solo donne. Infernale. Non so neanche se le cerco. Mi arrivano e mi prendono. La mia prima opera è stata Carmen, alla Scala. Poi Macbeth a Palermo, dove tutto ruota intorno alla Lady. La muette de Portici al Petruzzelli. Al cinema, uguale. Ho iniziato con Via Castellana Bandiera, duello al femminile nei vicoli di Palermo, e ora Le sorelle Macaluso. Qui a Roma, l' Angelo di Fuoco e subito dopo la ripresa della Cenerentola di Rossini. Ma aldilà delle mie scelte, vorrei che almeno nell' arte non si parlasse più di uomini. O di donne. Liberiamoci dai generi e concentriamoci sulle persone».

 

Renata, Cenerentola: come si fa a passare dai conflitti novecenteschi tra superstizione e razionalità a una favola?

l'angelo di fuoco emma dante 4 l'angelo di fuoco emma dante 4

«Persone diverse. Anche se Cenerentola i suoi guai in famiglia li ha. Nel mio spettacolo viene massacrata di calci dal patrigno, le spose rivali sono armate fino ai denti. Proprio edulcorata, la mia lettura non è. Renata, invece, fa tutto da sola. Persino la regia. E alle sue visioni, ho contrapposto le mie».

 

Le evochiamo?

«Per me è una martire. Posseduta dal Bene e dal Male, vive nelle catacombe, morirà come una martire e non come una strega. Trafitta dalle spade».

 

E l' Angelo?

EMMA DANTE EMMA DANTE

«Ha due anime e in alcuni momenti due interpreti: un ballerino di break dance e uno di capoeira. C' è molta psicanalisi in quest' opera, ragione contro follia, superstizione e scienza. Quando Agrippa fa i suoi esperimenti tra magia e ricerca, il cadavere sul tavolo anatomico diventa Cristo».

 

Spiritualità e carnalità, che cosa racconta?

bestie di scena emma dante bestie di scena emma dante

«Renata è una giovane che fin da bambina vive affiancata da un angelo. Quando se ne innamora, lei diventa peccatrice e l' angelo una colonna di fuoco. Una macchia anche l' incontro con Ruprecht. E poi Glock. Insomma, quando si libera dagli uomini viene posseduta dal Demonio e definitivamente condannata. Se non è martire lei?».

l'angelo di fuoco emma dante 1 l'angelo di fuoco emma dante 1

 

Salutiamo le donne del passato: quelle di oggi, come stanno?

«Ci dobbiamo pacificare. Le cose non cambiano così. Sicuramente non grazie alle quote rosa. Io non voglio essere ospitata in un Festival al femminile. Mi mortifica.

Bisogna mettere a fuoco il problema. Che secondo me sta nella mediocrità. Siamo pieni di uomini mediocri. Le donne, invece, per emergere devono essere eccellenti. Ce ne sono fortunatamente. Ora però bisogna rivendicare il diritto alla normalità».

l'angelo di fuoco emma dante 3 l'angelo di fuoco emma dante 3

 

Progetti?

«Misericordia! Quest' Angelo è un delirio. Poi Cenerentola, sempre al Costanzi, dall' 8 giugno. Il film da finire. Al festival di Spoleto a luglio debutto con Esodo: Edipo in viaggio con i suoi fantasmi. E a gennaio, Misericordia, al Piccolo: tre prostitute che crescono un bambino autistico. Misericordia è una parola che amo».

 

bestie di scena emma dante bestie di scena emma dante

Una regista richiesta nei teatri del mondo: che cosa si porta dietro della sua Sicilia?

«Il nostro modo di parlare, comunicare. Il gesto, il nostro, se lo allunghi, se lo porti fino in fondo, diventa teatro».

emma dante emma dante odissea a:r emma dante px odissea a:r emma dante px emma dante 102 emma dante 102 macbeth di emma dante 420x280 macbeth di emma dante 420x280 macbeth emma dante teatro massimo il direttore d'orchestra con gli attori 0 macbeth emma dante teatro massimo il direttore d'orchestra con gli attori 0 odissea a r emma dante ph ok x web odissea a r emma dante ph ok x web

 

Condividi questo articolo

media e tv

FICARRA E PICONE VINCONO TRIONFALMENTE IL PRIMO WEEKEND NATALIZIO CON 3,1 MILIONI E BATTONO, SENZA UNA PAROLACCIA DA CINEPANETTONE, SENZA NEANCHE UN “MINCHIA!” DA CINECANNOLO, IL POTENTE ''FROZEN 2''  ALLA SUA TERZA SETTIMANA. TERZO POSTO PER ''L’IMMORTALE'' DI MARCO D’AMORE (5 MLN TOTALI) - IN AMERICA LA DISNEY DEVE CEDERE IL PASSO AL NUOVO ''JUMANJI'', CHE FARÀ SFRACELLI PURE DA NOI. PARTE CON SOLI 5 MILIONI ''RICHARD JEWELL'' DI EASTWOOD, IL SUO PEGGIOR RISULTATO IN 40 ANNI (MA PUÒ RECUPERARE)

politica

“DA NOI VANNO IN PIAZZA DIVERSE TIPOLOGIE DI COGLIONI, TIPO LE SARDINE” - MASSIMILIANO PARENTE: “COM’È CHE OGNI VOLTA CHE SI RITROVA IN PIAZZA UN’OPPOSIZIONE DI SINISTRA, DI GIOVANI, DI RIBELLI, DEVONO CANTARE QUELLA CAGATA DI BELLA CIAO? POSSIBILE NON CI SIA NESSUN’ALTRA CANZONE? SE IN ITALIA NON ENTRAVA LA QUINTA ARMATA DEL GENERALE CLARK QUI STAVAMO ANCORA A CAMMINARE CON IL PASSO DELL’OCA, ALTRO CHE PARTIGIANO. FOSSI UN GIOVANE ANTIFASCISTA E ANTICOMUNISTA CANTEREI L’INNO AMERICANO…”

business

cronache

sport

CINE-SOVRANISMO A STELLE E STRISCE - IL FILM ‘LE MANS 66’ SULLA SFIDA TRA FERRARI E FORD CONTIENE DIVERSI ERRORI PER NON INDISPETTIRE IL PUBBLICO AMERICANO - DAL PRESENTARE LA FORD MOTOR COMPANY COME UN PICCOLO "DAVIDE" DI CONTRO ALLA FERRARI "GOLIA" DI MARANELLO (QUANDO INVECE ERA VERO TUTTO IL CONTRARIO) ALLE OMISSIONI SUL PATRIOTTISMO DEL ‘DRAKE’ CHE NON VOLLE VENDERE AGLI AMERICANI – MA QUELLO CHE LA PELLICOLA NON RICORDA E’ LA RIVINCITA DI DAYTONA E LA STORICA TRIPLETTA DEL CAVALLINO – VIDEO

cafonal

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute