“PAOLO PETRECCA FA RIMA CON PATACCA”- I CRONISTI DI RAINEWS SBEFFEGGIANO IL DIRETTORE CUSTODE DI “TELEMELONI” CHE, ALL’INDOMANI DELLA BUFERA SCATENATA DALLA SCELTA DI APRIRE IL TG, LA SERA DELLE ELEZIONI FRANCESI, CON IL FESTIVAL DELLE CITTÀ IDENTITARIE IN CUI SI ESIBIVA LA COMPAGNA, DENUNCIA I COLLEGHI DEL SINDACATO INTERNO E IN RIUNIONE DICE: "TRATTIAMO BENE SANGIULIANO CHE SI LAMENTA PERCHÉ I CRONISTI FANNO DOMANDE INAPPROPRIATE" - LA VIGILANZA CHIEDE UNA RELAZIONE URGENTE SUL CASO RAINEWS24 – LA LETTERA DI PETRECCA AL "CORRIERE" IN CUI RISPONDE A GRAMELLINI…

-

Condividi questo articolo


Giovanna Vitale per "la Repubblica" - Estratti

 

ALMA MANERA PAOLO PETRECCA ALMA MANERA PAOLO PETRECCA

Nel fantastico mondo di “Patapetrecca” non è successo niente.

 

All’indomani della bufera scatenata dall’incredibile scelta di aprire il Tg di Rainews24, la sera delle elezioni francesi, con il Festival delle Città identitarie in cui si esibiva la compagna — e lui seduto in prima fila, a godersi lo spettacolo in quel di Pomezia, mentre tutte le tv del pianeta trasmettevano in diretta i risultati del voto — il direttore del canale all news si è presentato in redazione con la consueta sicumera di chi sa di non aver nulla da temere.

 

Troppo coperte le spalle, irrobustite da un’antica militanza in An e assidui interventi ad Atreju. Troppo influente la madrina, citofonare Palazzo Chigi, per aver paura di perdere il posto.

 

Paolo Petrecca Alma Manera Paolo Petrecca Alma Manera

Paolo Petrecca che «fa rima con patacca », da cui il nomignolo coniato dai cronisti della testata Rai che dovrebbe dare le notizie in tempo reale ma ha antenne solo per quelle gradite a Giorgia Meloni, il segnale oscurato se il ministro Lollobrigida ferma i treni o l’ex first gentleman si produce in siparietti scostumati, è arrivato a Saxa Rubra intorno alle 8, un’ora dopo ha convocato la solita riunione del mattino e... non ha detto una parola sul fatto del giorno. Non si è giustificato, non è nel suo stile.

 

Né si è assunto la responsabilità di una scelta scaricata sin dalla sera prima su Ida Baldi, la vice in quota Pd che per protesta si è dimessa, sebbene i più maliziosi sentano puzza di combine: di una messa in scena per salvare la faccia al direttore e, di conserva, la sua poltrona.

meloni comizio su rainews24 meloni comizio su rainews24

 

E così, mentre tutt’intorno fioccavano interrogazioni parlamentari, esposti all’Agcom e persino richieste di licenziamento, il primo “fratello” ad espugnare un telegiornale Rai già al tempo del governo dei migliori per intercessione di Antonio Di Bella — che nel ‘21 lo suggerì all’allora capo- azienda Carlo Fuortes, a caccia di compensazioni per FdI tagliato fuori dal Cda — è rimasto impassibile.

meloni comizio su rainews24 meloni comizio su rainews24

 

Non degnando neppure di uno sguardo i colleghi del sindacato interno, rei di averlo colpito negli affetti e per questo addirittura denunciati all’Ordine: se il gran sacerdote di TeleGiorgia aveva preferito la kermesse pontina alle elezioni in terra di Francia era per accendere i riflettori su Alma Manera, la fidanzata canterina ospite dello show.

 

Peraltro da poco gratificata, a dispetto di doti artistiche misconosciute ai più, di una ricca consulenza al Maxxi diretto da Alessandro Giuli: un altro pulcino della nidiata meloniana, dove il “tengo famiglia” di longanesiana memoria è un motto praticato con insaziabile voracità in ministeri, istituzioni, aziende pubbliche.

 

paolo petrecca foto di bacco paolo petrecca foto di bacco

La fedeltà al primo posto. Alla causa, oltre che ad amici e parenti. «Mi ha telefonato Sangiuliano, si è lamentato dei cronisti della Tgr che lavorano per noi, gli fanno domande inappropriate, dobbiamo dire loro di cambiare registro», ha sollecitato Petrecca l’altro ieri durante la riunione di redazione. Ennesima genuflessione alla fiamma che arde nei palazzi.

 

Da celebrare o coprire, a colpi di censure e di pressioni. «Non ne ho mai subite tante come adesso», raccontò due mesi fa Enrica Agostini, svelando «il corpo a corpo quotidiano» dei colleghi di Rainews, spesso costretti a ritirare la firma dai servizi riveduti e corretti dal direttore per compiacere il governo. Campo in cui Petrecca è medaglia d’oro.

 

Fu lui a occultare la notizia del Frecciarossa fermato dal ministro Lollobrigida, data solo dopo molte ore che altre testate l’avevano diffusa per la protesta formale del Cdr.

Idem i fuorionda di Andrea Giambruno. O l’accusa di stupro per il figlio di Ignazio La Russa. 

 

(...)

paolo petrecca alma manera paolo petrecca alma manera

 

1 - CASO RAINEWS24, INTERVENGONO I VERTICI E LA VIGILANZA CHIEDE UNA RELAZIONE URGENTE

Antonella Baccaro per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

Sul caso della copertura delle elezioni francesi, da parte di Rainews24, la presidente della Rai, Marinella Soldi, ieri ha scritto all’amministratore delegato Roberto Sergio e al direttore generale Giampaolo Rossi, tornando a sollecitare maggiore attenzione alla qualità dell’informazione, partendo dai dati della reputazione del servizio pubblico, in calo, e portando a compimento il lavoro del tavolo sull’informazione diretto da Monica Maggioni. Soldi sottolinea anche l’occasione persa di utilizzare la buona informazione come prodotto di successo.

 

paolo petrecca foto di bacco paolo petrecca foto di bacco

Ma Soldi non è stata l’unica ieri a intervenire: la presidente della commissione di Vigilanza Rai Barbara Floridia ha convocato, anche su questo tema, l’ufficio di presidenza della commissione per martedì prossimo. Floridia ha chiesto a Sergio di portarvi «una relazione urgente e dettagliata» sull’accaduto. Richiesta accolta dall’ad. Il gruppo grillino in Vigilanza girerà il caso all’Autorità per le comunicazioni per eventuali sanzioni.

Batte un colpo anche il leader Giuseppe Conte, per il quale serve una riforma della Rai, «a partire dalla governance».

 

(...)

 

2 - «NOTIZIE E PLURALISMO QUESTA È LA NOSTRA REDAZIONE»

Lettera di Paolo Petrecca al “Corriere della Sera”

 

Caro direttore, ti scrivo pregandoti di darmi spazio sul tuo quotidiano, lo stesso che pubblica Il caffè di Massimo Gramellini ogni giorno e che nelle ultime ore si è occupato addirittura di me.

 

paolo petrecca paolo petrecca

Vorrei rispondere, semplicemente perché trovo ingiusto offendere un collega senza conoscerlo e, con lui, offendere il lavoro della sua redazione. Gramellini è Gramellini, d’accordo, lo ammiro e lo leggo da anni. E l’ho sempre visto anche in Rai, con i suoi programmi e i suoi editoriali meravigliosi.

 

Non sono un editorialista di chiara fama come lui, ma lavoro da 34 anni e faccio semplicemente il giornalista. E da oltre due anni e mezzo guido una squadra di persone che, nel bene e nel male, fanno quel che faccio io: cerchiamo di raccontare il mondo.

Non sempre ci riusciamo. Proviamo a non prendere buchi, sbagliamo come tutti, a volte anche aprendo i tg (ne facciamo circa una ventina al giorno) con notizie diverse da quelle scelte dalle testate principali. Ma due cose le facciamo sempre: non siamo omologati, per scelta editoriale e perché non facciamo tg generalisti, e soprattutto andiamo alla fonte, per verificare le notizie.

 

paolo petrecca paolo petrecca

Cerchiamo di non scrivere di altri se non chiediamo loro almeno un parere. È una delle regole principali del giornalismo, che io, te e il caro Gramellini siamo stati in qualche modo costretti a recepire da giovani. Ricordi le famose 5 W che non fanno più gola a nessuno in questo mondo dei social e degli smartphone...

 

Siamo gli unici, noi di Rainews24, per esempio, che ancora incessantemente insistono a non mollare il racconto della guerra in Ucraina. Pensa, direttore, che ogni giorno, intorno alle 15, facciamo un tg in lingua ucraina. Per i profughi che sono stati costretti a fuggire dalle bombe di Putin.

alma manera alma manera

 

Non fa ascolto, certo, il tg ucraino, ma è servizio pubblico. Come quello di raccontare la storia di città, centri minori, piccoli paesi, dove sono nati i miti, gli eroi, i nostri antenati. Anche per riportarli ai nostri figli. E a proposito di giovani: pensa ai miei di figli, direttore, che leggendo le parole di Gramellini hanno scoperto di avere un padre «ottuso» perché ha dedicato solo poche ore al voto in Francia domenica sera.

 

A Rainews24, nonostante tutto, facciamo sforzi continui per esserci, ovunque e comunque. Nel segno del pluralismo e in tutta la nostra «ottusità». Un’ottusità felice, però, che sfugge ai salotti e risplende della genuinità della gente comune. La stessa che incontri nei bar, nelle piazze, nei cinema, nei teatri, sulle spiagge, nelle scuole, nelle università, in Francia come in Italia, in Gran Bretagna come negli Stati Uniti .

Alma Manera Alma Manera alma manera canta foto di bacco (2) alma manera canta foto di bacco (2)

paolo petrecca foto di bacco paolo petrecca foto di bacco paolo petrecca paolo petrecca

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)