“ZELENSKY È UN PAGLIACCIO, BISOGNA TRATTARE CON PUTIN. BERLUSCONI E' IL MEDIATORE PERFETTO” - L’AMBASCIATORE DEL BELIZE PRESSO L'UE, PUPI D’ANGIERI, SCATENATO A LA ZANZARA SU "RADIO 24" – “BERLUSCONI IN UN MOMENTO DI LUCIDITÀ HA DETTO LE COSE COME STANNO, IN DONBASS PRIMA DELLA GUERRA HANNO UCCISO 150MILA PERSONE. BISOGNA LASCIARE A PUTIN I TERRITORI CONQUISTATI E FARE LA PACE. IL CAVALIERE È UNO DEI POCHI DI CUI PUTIN SI FIDA” – E POI SFANCULA PARENZO…

-

Condividi questo articolo


Da La Zanzara - Radio 24

 

pupi d'angieri pupi d'angieri

Pupi D’Angieri, ambasciatore del Belize presso l’Unione Europea, a La Zanzara su Radio 24 torna ad attaccare il presidente ucraino Zelensky: “Ha trascinato nel baratro il suo popolo, non lo dico io, lo dice la realtà basta accendere la televisione, questa guerra fatta ha distrutto tutta l’Ucraina". “Quel pagliaccio lì – prosegue – è uno che fa ammazzare tutta la sua gente, di certo non è uno stinco di santo. Trattare con Putin, non c’è altra via". 

 

Poi dà ragione a Berlusconi: "Il Presidente Berlusconi l’altro giorno in un momento di grande lucidità ha detto le cose come stanno, ha raccontato la vera storia. C’è una parte dell’Ucraina che si chiama Donbass dove sono stati uccisi, dove hanno ucciso 150.000 persone, lo ha detto anche Berlusconi e ha ragione”. "Io avuto l’onore di stare ventidue anni con Arafat – dice ancora - e capire cos’è un conflitto, e come bisogna trattare. Berlusconi potrebbe fare il mediatore perché è uno dei pochi che conosce il signor Putin, meglio di Erdogan senza ombra di dubbio".

putin berlusconi putin berlusconi

 

Dice ancora D’Angieri: “Bisogna essere molto obiettivi: la Russia può perdere la guerra? No. Questo è il punto. Io penso che il Donbass è una questione persa, se non vogliono perdere altri territori che alzino le mani e dicano trattiamo. La Russia non si riterrà mai ormai sono terreni conquistati fine, è meglio che uno alzi la mano e dica proviamo a trattare invece il signor Zelensky dice che lui non tratterà mai e allora che succede? Succede il disastro che sta succedendo.

 

VLADIMIR PUTIN E SILVIO BERLUSCONI IN SARDEGNA NELL APRILE 2008 VLADIMIR PUTIN E SILVIO BERLUSCONI IN SARDEGNA NELL APRILE 2008

Il risultato qual è? Che noi dobbiamo pagare la luce più cara, il gas più caro perché poi cade tutto no?”. A quel punto David Parenzo lo attacca: “Lei ha difeso i peggio terroristi del mondo, quel criminale di Arafat, uno che andava alle Nazioni Unite con la pistola”. D’Angieri: “Non si permetta di parlare così di Arafat, vada affanculo, lei non ha studiato. Lei non ha visto un cazzo, io ho vissuto la guerra di Israele…”.

pupi d'angieri pupi d'angieri ZELENSKY ZELENSKY PUPI D'ANGIERI 11 PUPI D'ANGIERI 11 pupi d'angieri pupi d'angieri pupi d'angieri 5 pupi d'angieri 5 PUPI D'ANGIERI ARAFAT PUPI D'ANGIERI ARAFAT

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)