“ZELENSKY È UN PAGLIACCIO, BISOGNA TRATTARE CON PUTIN. BERLUSCONI E' IL MEDIATORE PERFETTO” - L’AMBASCIATORE DEL BELIZE PRESSO L'UE, PUPI D’ANGIERI, SCATENATO A LA ZANZARA SU "RADIO 24" – “BERLUSCONI IN UN MOMENTO DI LUCIDITÀ HA DETTO LE COSE COME STANNO, IN DONBASS PRIMA DELLA GUERRA HANNO UCCISO 150MILA PERSONE. BISOGNA LASCIARE A PUTIN I TERRITORI CONQUISTATI E FARE LA PACE. IL CAVALIERE È UNO DEI POCHI DI CUI PUTIN SI FIDA” – E POI SFANCULA PARENZO…

-

Condividi questo articolo


Da La Zanzara - Radio 24

 

pupi d'angieri pupi d'angieri

Pupi D’Angieri, ambasciatore del Belize presso l’Unione Europea, a La Zanzara su Radio 24 torna ad attaccare il presidente ucraino Zelensky: “Ha trascinato nel baratro il suo popolo, non lo dico io, lo dice la realtà basta accendere la televisione, questa guerra fatta ha distrutto tutta l’Ucraina". “Quel pagliaccio lì – prosegue – è uno che fa ammazzare tutta la sua gente, di certo non è uno stinco di santo. Trattare con Putin, non c’è altra via". 

 

Poi dà ragione a Berlusconi: "Il Presidente Berlusconi l’altro giorno in un momento di grande lucidità ha detto le cose come stanno, ha raccontato la vera storia. C’è una parte dell’Ucraina che si chiama Donbass dove sono stati uccisi, dove hanno ucciso 150.000 persone, lo ha detto anche Berlusconi e ha ragione”. "Io avuto l’onore di stare ventidue anni con Arafat – dice ancora - e capire cos’è un conflitto, e come bisogna trattare. Berlusconi potrebbe fare il mediatore perché è uno dei pochi che conosce il signor Putin, meglio di Erdogan senza ombra di dubbio".

putin berlusconi putin berlusconi

 

Dice ancora D’Angieri: “Bisogna essere molto obiettivi: la Russia può perdere la guerra? No. Questo è il punto. Io penso che il Donbass è una questione persa, se non vogliono perdere altri territori che alzino le mani e dicano trattiamo. La Russia non si riterrà mai ormai sono terreni conquistati fine, è meglio che uno alzi la mano e dica proviamo a trattare invece il signor Zelensky dice che lui non tratterà mai e allora che succede? Succede il disastro che sta succedendo.

 

VLADIMIR PUTIN E SILVIO BERLUSCONI IN SARDEGNA NELL APRILE 2008 VLADIMIR PUTIN E SILVIO BERLUSCONI IN SARDEGNA NELL APRILE 2008

Il risultato qual è? Che noi dobbiamo pagare la luce più cara, il gas più caro perché poi cade tutto no?”. A quel punto David Parenzo lo attacca: “Lei ha difeso i peggio terroristi del mondo, quel criminale di Arafat, uno che andava alle Nazioni Unite con la pistola”. D’Angieri: “Non si permetta di parlare così di Arafat, vada affanculo, lei non ha studiato. Lei non ha visto un cazzo, io ho vissuto la guerra di Israele…”.

pupi d'angieri pupi d'angieri ZELENSKY ZELENSKY PUPI D'ANGIERI 11 PUPI D'ANGIERI 11 pupi d'angieri pupi d'angieri pupi d'angieri 5 pupi d'angieri 5 PUPI D'ANGIERI ARAFAT PUPI D'ANGIERI ARAFAT

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP! "IL PORTAFOGLI SI PUÒ CAMBIARE, MA ALL'IGNORANZA UMANA NON C'È RIMEDIO", EZIO GREGGIO CAZZIA CHI SOSTIENE CHE LA FIDANZATA ROMINA PIERDOMENICO STIA CON LUI SOLO PER SOLDI: “PURTROPPO LA MAMMA DEI CRETINI È SEMPRE INCINTA E VEDO CHE A ALCUNE PERSONE NASCERANNO PRESTO FRATELLI E SORELLE!" – DANA SABER VS IL “GF VIP”, LA GUERRA FEDEZ-JACOBS, LA DE FILIPPI PUNTA SU EMMA E DI MARTINO, IL TOTO-CONCORRENTI PER L’ISOLA (ANCORA GEGIA?) - UN FAN CHIEDE A CHECCO ZALONE: “PUÒ FARE UN SELFIE CON MIA MOGLIE CHE È INCINTA?” L’ATTORE RISPONDE: “VA BENE. MA NON SONO STATO IO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute

INOCULATI PER BENE – È POLEMICA NEGLI USA PER LA DECISIONE DI PFIZER E MODERNA DI PORTARE IL COSTO DELLA SINGOLA DOSE DI VACCINO ANTI-COVID SUL LIBERO MERCATO A 130 DOLLARI, QUANDO IL COSTO STIMATO DI PRODUZIONE È DI 2,85 DOLLARI – MAURO MASI: “L’ANNUNCIO DI BIDEN NEL MAGGIO 2021 AL WTO DI ‘NON VOLER PROTEGGERE LA PROPRIETÀ INTELLETTUALE PER I VACCINI’ È RIMASTO LETTERA MORTA. AD OGGI, NULLA È CAMBIATO RISPETTO A TRE ANNI FA, PRIMA DELLA PANDEMIA, E IL TEMA RESTA IRRISOLTO”