NUDE CARPET! - UNA DONNA SCATENA IL PANICO A CANNES PRESENTANDOSI COMPLETAMENTE SENZA VESTITI, COPERTA SOLTANTO DEI COLORI DELLA BANDIERA UCRAINA, DEL ROSSO DEL SANGUE DELLE VITTIME DELLA GUERRA E DELLA SCRITTA “SMETTETE DI VIOLENTARCI” - LA SECURITY DELLA CROISETTE L’HA BLOCCATA (QUASI) SUBITO, MA NON PRIMA CHE I FOTOGRAFI RIUSCISSERO A RIPRENDERE LA SCENA - VIDEO

Condividi questo articolo


Stefania Ulivi per www.corriere.it

 

donna nuda sul red carpet di cannes 1 donna nuda sul red carpet di cannes 1

Una protesta fulminea, a favore del popolo ucraino e delle donne stuprate durante il conflitto, durante il red carpet del film Three Thousand Years of Longing di George Miller.

 

Protagonista una donna, che è riuscita a arrivare sul tappeto rosso senza vestiti, con il corpo dipinto con i colori della bandiera ucraina e il rosso del sangue delle vittime del conflitto. Se ne sono accorti in pochi, la donna è stata rapidamente raggiunta dagli uomini della sicurezza del festival che l’hanno coperta ma i fotografi sono riusciti a riprendere la scena.

donna nuda sul red carpet di cannes 3 donna nuda sul red carpet di cannes 3

 

Ennesimo riflesso

L’ennesimo riflesso della guerra vicina sul glamour di Cannes, dopo le manifestazioni ufficiali di solidarietà con il popolo ucraino, a partire dal collegamento durante la serata inaugurale con il presidente Zelensky, e la proiezione del doc postumo su Mariupol di Mantas Kvedaravicius. Quando il delegato Frémaux ha ribadito: “Qui a Cannes sono tutti benvenuti. A parte Putin”.

il collegamento di zelensky con il festival di cannes 9 il collegamento di zelensky con il festival di cannes 9 donna nuda sul red carpet di cannes 4 donna nuda sul red carpet di cannes 4 donna nuda sul red carpet di cannes 2 donna nuda sul red carpet di cannes 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – FU ENRICO LETTA A CONSIGLIARE GIORGIO NAPOLITANO DI NOMINARE MARIO MONTI A CAPO DEL GOVERNO, METTENDO ALLA PORTA SILVIO BERLUSCONI. QUANDO LA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEL PAESE PRECIPITÒ, IL COLLE AVREBBE PREFERITO UN PASSO INDIETRO DEL SATRAPO DI ARCORE A FAVORE DEL SUO MINISTRO DEL TESORO, GIULIO TREMONTI - MA IL DECISIONISMO DI RE GIORGIO NON AVEVA FATTO I CONTI CON L’EGO ESPANSO DI RE SILVIO, INCAPACE DI CEDERE LA SCENA - “BRUCIATA” L’IPOTESI TREMONTI PREMIER, CHE FARE? SCIOGLIERE LE CAMERE E ANDARE AL VOTO, SAREBBERO PASSATI ALMENO SEI MESI E CON LO SPREAD ARRIVATO A 550, L’ITALIA RISCHIAVA LA BANCAROTTA. A QUEL PUNTO…

25 ANNI FA SPUNTÒ A ROMA UN CLUB IN MODALITÀ DARK-ROOM: AL "DEGRADO" SI FACEVA SESSO SENZA REMORE, IN MEZZO A TUTTI. UNO ‘’SBORRIFICIO” CHE NON HA AVUTO EGUALI E CHE DEMOLÌ I MURI DIVISORI TRA I GENERI SESSUALI: ETERO-BI-GAY-LESBO-TRANS-VATTELAPESCA - PER 9 ANNI, “CARNE ALLEGRA” PER TUTTI. OGNUNO VENIVA E SI FACEVA I CAZZI SUOI, E QUELLI DEGLI ALTRI. IL "DEGRADO'' POTEVA ESSERE RIASSUNTO IN UNA DOMANDA: CHI È NORMALE? - DAGO-INTERVISTA ALL’ARTEFICE DEL BORDELLO: “SCORTATA DA MATTEO GARRONE, UNA NOTTE È APPARSA PINA BAUSCH IMPEGNATA IN UNO SPETTACOLO AL TEATRO ARGENTINA. SI ACCENDONO LE LUCI E UNA TRAVESTITA URLA: “AO' SPEGNETELE!”. E IO: “MA SEI MATTO, C'È PINA BAUSCH...”. E LEI: “MA IO STAVO A FA’ UN BOCCHINO. NUN ME NE FREGA ‘N CAZZO DE 'STA PINA!”