ORNELLONA VANONI SENZA FINE – “DI GINO PAOLI MI DISSERO: È UN FROCIO. LUI PENSAVA CHE FOSSI LESBICA. E RIDENDO CI DEMMO IL PRIMO BACIO - MINA? UNA CHE SESSUALMENTE SUBISCE - LUCIO DALLA? ERA BRUTTO MA AVEVA UN FASCINO ESTREMO – CON STREHLER MI SENTII UNA BAMBINA IN UN CAPPOTTO TROPPO GRANDE - MIO FIGLIO? SOGNAVA DI METTERMI SOTTO CON LA MACCHINA. ORA GRAZIE AL CIELO NON PIÙ” – FILM+VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da ilnapolista.it

 

ornella vanoni 2 ornella vanoni 2

Il Corriere Roma intervista Ornella Vanoni. Nel fine settimana esce «Senza fine», il film che racconta la sua vita, diretto da Elisa Fuksas. Ormai non è più solo una cantante, ma un’icona. Perché?

«Perché sono una sopravvissuta, molti colleghi che amavo non ci sono più. Jannacci, Gaber… Ma più di tutti mi manca Lucio Dalla. Pur essendo brutto aveva un fascino estremo. E una marcia in più. Molte ragazze mi fermano: voglio diventare come lei. Intanto bisogna soffrire molto. E diventare felici. E poi lasciarsi andare. Mi diverto e cerco di far divertire gli altri. Se lei mi chiama e io sto facendo la pipì, glielo dico e la faccio aspettare. La libertà è non essere vittime del proprio successo».

senza fine ornella vanoni senza fine ornella vanoni

 

 

Sulla morte e la vecchiaia:

«Ci penso, però non ne sono terrorizzata. Sto vivendo una vecchiaia per niente angosciante, mi sono liberata da tabù e paure. Sono spudorata. Da ragazza ero timidissima. Come ho superato l’insicurezza sul palco? Mi dicevano che col mio fisico e la mia faccia era impossibile, mi davano della snob. Un giorno ho capito che ero brava e ho superato la timidezza».

 

Su Strehler, uno dei suoi grandi amori:

«Quando lo conobbi mi disse: hai talento ma non hai i nervi per reggere. Mi ha detto ti amo e ci siamo messi insieme. Lo accompagnavo alle opere, canticchiavo le arie, Gino Negri disse che ero intonata. Così vennero le canzoni della Mala. Ma a un certo punto mi sentii una bambina in un cappotto troppo grande».

 

E arrivò Gino Paoli.

ornella vanoni 1 ornella vanoni 1

«Suonava (male) Il cielo in una stanza. Mi dissero: è un frocio (all’epoca non si diceva gay) che scrive cagate. Gli chiesi di scrivere una canzone per me e aggiunsi: ma tu sei frocio? No. A me hanno detto che tu sei lesbica. E ridendo ci demmo il primo bacio».

 

 

Le chiedono come mai le donne che canta Mina siano diverse dalle sue.

«Io do voce a donne che se ne vanno, come me, se sto male con un uomo mi strappo un braccio ma non rimango. Mina è una donna che sessualmente subisce».

 

ornella vanoni e gino paoli ornella vanoni e gino paoli

 

Sul figlio Cristiano, di cui parla nel film:

«Avrei voluto stargli vicino, ma ero sempre via, lavoravo tanto. Sai, vedere tua madre che preferisce un mondo rutilante. Sognava di mettermi sotto con la macchina. Ora grazie al cielo non più».

 

Cos’è la sensualità?

«Non il seno di fuori. Ci sono persone vestite da capo a piedi che lo sono, la gamba fuori l’ho usata anch’io, ma non è quello».

 

La canzone che ama e quella che detesta?

«L’appuntamento: non capisco perché piace, una sfigata che sotto la pioggia aspetta un amore che non arriva, mah. Quella che amo, ha presente: E’ uno di quei giorni che rivedo tutta la mia vita…»

elisa fuksas elisa fuksas ornella vanoni 5 ornella vanoni 5 vanoni vanoni vanoni vanoni vanoni dalla 1 vanoni dalla 1 vanoni walter chiari vanoni walter chiari vanoni celentano vanoni celentano ornella vanoni, fiorello e amadeus ornella vanoni, fiorello e amadeus battisti vanoni battisti vanoni vanoni 1 vanoni 1 Ornella Vanoni Giorgio Strehler Ornella Vanoni Giorgio Strehler playmen ornella vanoni playmen ornella vanoni VANONI PAOLI VANONI PAOLI senza fine ornella vanoni senza fine ornella vanoni STREHLER VANONI STREHLER VANONI virginia raffaele ornella vanoni virginia raffaele ornella vanoni ornella vanoni vinicio capossela ornella vanoni vinicio capossela

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute