GLI OSCAR DEI GIUSTI - LA COSA PIÙ IMPORTANTE DA SEGNALARE È LA SCONFITTA DI NETFLIX NELLA GUERRA DELLE NOMINATION DOPO TRE ANNI DI ASSOLUTO DOMINIO. DISNEY VINCE CON 22 NOMINATION, MENTRE NETFLIX NE HA SOLO 17 CONTRO LE 27 DI UN ANNO FA - IL PROBLEMA È IL TOTALE FIASCO DEI DUE GROSSI, COSTOSI FILM DA OSCAR PRODOTTI DA NETFLIX, “WHITE NOISE”/”RUMORE BIANCO” DI NOAH BAUMBACH E “BARDO” DI ALEJANDRO INARRITU, LANCIATI A VENEZIA E TORNATI SENZA NULLA IN MANO. DUE FILM CHE NON HANNO FUNZIONATO PER NULLA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 Marco Giusti per Dagospia

 

le pupille di alice rohrwacher 2 le pupille di alice rohrwacher 2

Torniamo sugli Oscar. Perché dalle nominations di quest’anno c’è qualcosa da imparare. Intanto trovate su Disney+ il delizioso corto di Alice Rohrwacher “Le pupille”, già presentato a Cannes, dove mi era sfuggito. Uno sbaglio. Perché dimostra quanto la Rohrwacher sia in sintonia, per novità e freschezza di messa in scena, con i migliori registi internazionali e quanto la sua favoletta, tratta da una lettera di Elsa Morante al suo amico Goffredo Fofi, tutta ambientata in un piccolo orfanotrofio di suore nel pieno della guerra tenuto da Alba Rohrwacher, abbia da dire sulle torte da dividere tra i poveri del mondo. Guardatelo, sono solo 39’.

 

PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON

Su Disney+ trovate anche il cartone animato “Red”, quello col gattone che sfida il “Pinocchio” di Guillermo Del Toro su Netflix, e trovate soprattutto il meraviglioso documentario di Werner Herzog “Fire of Love”, sulla folle storia d’amore e di fiamme di una celebre coppia di vulcanologi. “Fire of Love” sfiderà agli Oscar il potente documentario di Laura Poitras su Nan Goldin, “All the Beauty and the Bloodshed”, che forse maldestramente ritenevo che avesse già vinto.

colin farrell the banshees of inisherin colin farrell the banshees of inisherin

Il film di Herzog è molto più bello, perché è totalmente cinema. Come avrete capito la battaglia è proprio sotto i nostri occhi. Non è in sala. E vede Disney+ contro Netflix. Ma la cosa più importante da segnalare, come fanno notare oggi tutti i giornali americani, è la sconfitta di Netflix nella guerra delle nominations dopo tre anni di assoluto dominio. Disney, infatti, vince con ben 22 nominations grazie a “The Banshees of Ineasherin”, a “Avatar”, “Fire of Love”, “Red”, mentre Netflix, che negli scorsi tre anni ha sempre vinto dominando la scena, ha solo 17 nominations contro le 27 di un anno fa.

leone doro a all the beauty and the bloodshed leone doro a all the beauty and the bloodshed

Non solo. Ben 9 di queste nominations vanno a “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Edward Berger che trovate da mesi sulla piattaforma e le altre sono sparse tra “Pinocchio” di Del Toro, il cartone animato “The Sea Beast”, il mystery “Glass Onion”, “Blonde”, “Argentina, 1985” e “Causeway”. Tutti film che trovate già sulla piattaforma. Il problema, perché un problema c’è stato, è il totale fiasco dei due grossi, costosi film da Oscar prodotti da Netflix, “White Noise”/”Rumore bianco” di Noah Baumbach e “Bardo” di Alejandro Inarritu, lanciati a Venezia e tornati senza nulla in mano. Due film che trovate sulla piattaforma, e che non hanno funzionato per nulla.

everything everywhere all at once 8 everything everywhere all at once 8

Al punto che tutti i voti Netflix, come si faceva anche ai David riguardo agli autori di una certa produzione, sono stati dirottati verso un altro candidato, che è appunto il film di Berger, “Niente di nuovo sul fronte occidentale”, che si ritrova premiato incredibilmente 9 nominations agli Oscar e 11 ai Bafta. Ma Netflix viene superato anche dalla A24, piccola società che produce solo film per la sala, premiata quest’anno con 18 nominations grazie alle 11 nominations di “Everything Everywhere All At Once” dei Daniels, il film più indie dell’anno e più fortunato (104 milioni di incasso).

the whale di darren aronofsky the whale di darren aronofsky

Le altre nominations della A24 vanno a “The Whale”, “Aftersun”, “Close”, “Marcel”, tutti piccoli film intelligenti da festival. Niente macelleria da piattaforma. Non so se il crollo di Netflix nelle nominations agli oscar porterà a un cambiamento di politica dello studio che, grazie anche all’appoggio di Venezia, aveva dominato la scena gli scorsi anni. Certo non si potranno più permettere grossi sbagli come quest’anno. E non credo proprio che Netflix abbia quest’anno un film in grado di battere i campioni di Disney e di A24, cioè “The Banshees of Inesherin” e “Everything Everywhere All At Once”. 

Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love

Charlotte Welles Charlotte Welles the whale the whale close close close close CLOSE CLOSE aftersun aftersun aftersun aftersun aftersun aftersun the fire within – a requiem for katia and maurice krafft 8 the fire within – a requiem for katia and maurice krafft 8 brendan fraser brendan fraser AVATAR THE WAY OF WATER AVATAR THE WAY OF WATER AVATAR THE WAY OF WATER 2 AVATAR THE WAY OF WATER 2 avatar way of water avatar way of water james cameron e sam worthington james cameron e sam worthington una ripresa di avatar the way of water effettuata sotto l acqua una ripresa di avatar the way of water effettuata sotto l acqua PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON 4 PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON 4 PINOCCHIO PINOCCHIO everything everywhere all at once 6 everything everywhere all at once 6 everything everywhere all at once 5 everything everywhere all at once 5 everything everywhere all at once 7 everything everywhere all at once 7 the banshees of inisherin the banshees of inisherin the banshees of inisherin. the banshees of inisherin. the banshees of inisherin the banshees of inisherin le pupille di alice rohrwacher le pupille di alice rohrwacher

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

DIFFIDATE SEMPRE DA QUELLI CHE SEMBRANO TROPPO BUONI – CON UNA LUNGA INCHIESTA, “BLOOMBERG BUSINESSWEEK” SPUTTANA “CORE”, LA ONG FONDATA DA SEAN PENN, ACCUSATA DI INEFFICIENZE E GESTIONE SGANGHERATA DEI FONDI – NON SI SA CHE FINE ABBIANO FATTO 1,6 MILIONI DI DOLLARI RACCOLTI LO SCORSO ANNO, DURANTE UNA SERATA A MIAMI, E DESTINATI ALL'EMERGENZA COVID IN BRASILE – I VERTICI DELL'ORGANIZZAZIONE NO PROFIT AVREBBERO ANCHE IGNORATO E INSABBIATO UN CASO DI MOLESTIA SESSUALE 

cronache

MAI FIDARSI DI UN'AMICA ESCORT – LA DONNA CHE A ROMA HA PUBBLICATO ONLINE IL VIDEO DI UNA SCOPATA CON UN'ALTRA DONNA SI CHIAMA ANGELA GABRIELLA PRINCZ, È UNGHERESE E HA 52 ANNI – ORA È ACCUSATA DI REVENGE PORN, ANCHE SE NON C'È STATO NESSUN RICATTO: L'ALTRA DONNA ERA CONSAPEVOLE DI ESSERE RIPRESA A PATTO CHE IL VIDEO RIMANESSE PRIVATO. MA "BLUEANGY” NON HA RESISTITO E CI HA FATTO UN BEL PO' DI QUATTRINI E A RICEVERE UN PO' DI PUBBLICITÀ (QUELLA È GRATIS): "I MIEI CLIENTI? SONO IN GRAN PARTE UOMINI SPOSATI CHE NON..."

sport

cafonal

CAFONALINO CAN CAN! – FRANCESCA PAPPALARDO, L’ESTETISTA CHE SI FA CHIAMARE “LOOKMAKER”, FESTEGGIA I SUOI 40 ANNI CON UNA SERATA A TEMA “MOULIN ROUGE ALLA VACCINARA” – TRA L’OTTANTINA DI AMICHE, CLIENTI E SVIPPATI PRESENTI SUL ROOFTOP DELL’HOTEL VALADIER, AVVISTATI CLIZIA INCORVAIA E UN PAOLO CIAVARRO INQUARTATO, UNA SOLITARIA MANILA NAZZARO, GIACOMO URTIS CON FLUENTE CHIOMA BIONDA E PETTORALI TETTONICI IN BELLA VISTA – OSPITE D’ONORE VALERIONA MARINI, CHE METTE A DURA PROVA LE CUCITURE DEL VESTITINO DI CRISTALLI E PAILLETTES – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…