GLI OSCAR DEI GIUSTI - LA COSA PIÙ IMPORTANTE DA SEGNALARE È LA SCONFITTA DI NETFLIX NELLA GUERRA DELLE NOMINATION DOPO TRE ANNI DI ASSOLUTO DOMINIO. DISNEY VINCE CON 22 NOMINATION, MENTRE NETFLIX NE HA SOLO 17 CONTRO LE 27 DI UN ANNO FA - IL PROBLEMA È IL TOTALE FIASCO DEI DUE GROSSI, COSTOSI FILM DA OSCAR PRODOTTI DA NETFLIX, “WHITE NOISE”/”RUMORE BIANCO” DI NOAH BAUMBACH E “BARDO” DI ALEJANDRO INARRITU, LANCIATI A VENEZIA E TORNATI SENZA NULLA IN MANO. DUE FILM CHE NON HANNO FUNZIONATO PER NULLA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 Marco Giusti per Dagospia

 

le pupille di alice rohrwacher 2 le pupille di alice rohrwacher 2

Torniamo sugli Oscar. Perché dalle nominations di quest’anno c’è qualcosa da imparare. Intanto trovate su Disney+ il delizioso corto di Alice Rohrwacher “Le pupille”, già presentato a Cannes, dove mi era sfuggito. Uno sbaglio. Perché dimostra quanto la Rohrwacher sia in sintonia, per novità e freschezza di messa in scena, con i migliori registi internazionali e quanto la sua favoletta, tratta da una lettera di Elsa Morante al suo amico Goffredo Fofi, tutta ambientata in un piccolo orfanotrofio di suore nel pieno della guerra tenuto da Alba Rohrwacher, abbia da dire sulle torte da dividere tra i poveri del mondo. Guardatelo, sono solo 39’.

 

PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON

Su Disney+ trovate anche il cartone animato “Red”, quello col gattone che sfida il “Pinocchio” di Guillermo Del Toro su Netflix, e trovate soprattutto il meraviglioso documentario di Werner Herzog “Fire of Love”, sulla folle storia d’amore e di fiamme di una celebre coppia di vulcanologi. “Fire of Love” sfiderà agli Oscar il potente documentario di Laura Poitras su Nan Goldin, “All the Beauty and the Bloodshed”, che forse maldestramente ritenevo che avesse già vinto.

colin farrell the banshees of inisherin colin farrell the banshees of inisherin

Il film di Herzog è molto più bello, perché è totalmente cinema. Come avrete capito la battaglia è proprio sotto i nostri occhi. Non è in sala. E vede Disney+ contro Netflix. Ma la cosa più importante da segnalare, come fanno notare oggi tutti i giornali americani, è la sconfitta di Netflix nella guerra delle nominations dopo tre anni di assoluto dominio. Disney, infatti, vince con ben 22 nominations grazie a “The Banshees of Ineasherin”, a “Avatar”, “Fire of Love”, “Red”, mentre Netflix, che negli scorsi tre anni ha sempre vinto dominando la scena, ha solo 17 nominations contro le 27 di un anno fa.

leone doro a all the beauty and the bloodshed leone doro a all the beauty and the bloodshed

Non solo. Ben 9 di queste nominations vanno a “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Edward Berger che trovate da mesi sulla piattaforma e le altre sono sparse tra “Pinocchio” di Del Toro, il cartone animato “The Sea Beast”, il mystery “Glass Onion”, “Blonde”, “Argentina, 1985” e “Causeway”. Tutti film che trovate già sulla piattaforma. Il problema, perché un problema c’è stato, è il totale fiasco dei due grossi, costosi film da Oscar prodotti da Netflix, “White Noise”/”Rumore bianco” di Noah Baumbach e “Bardo” di Alejandro Inarritu, lanciati a Venezia e tornati senza nulla in mano. Due film che trovate sulla piattaforma, e che non hanno funzionato per nulla.

everything everywhere all at once 8 everything everywhere all at once 8

Al punto che tutti i voti Netflix, come si faceva anche ai David riguardo agli autori di una certa produzione, sono stati dirottati verso un altro candidato, che è appunto il film di Berger, “Niente di nuovo sul fronte occidentale”, che si ritrova premiato incredibilmente 9 nominations agli Oscar e 11 ai Bafta. Ma Netflix viene superato anche dalla A24, piccola società che produce solo film per la sala, premiata quest’anno con 18 nominations grazie alle 11 nominations di “Everything Everywhere All At Once” dei Daniels, il film più indie dell’anno e più fortunato (104 milioni di incasso).

the whale di darren aronofsky the whale di darren aronofsky

Le altre nominations della A24 vanno a “The Whale”, “Aftersun”, “Close”, “Marcel”, tutti piccoli film intelligenti da festival. Niente macelleria da piattaforma. Non so se il crollo di Netflix nelle nominations agli oscar porterà a un cambiamento di politica dello studio che, grazie anche all’appoggio di Venezia, aveva dominato la scena gli scorsi anni. Certo non si potranno più permettere grossi sbagli come quest’anno. E non credo proprio che Netflix abbia quest’anno un film in grado di battere i campioni di Disney e di A24, cioè “The Banshees of Inesherin” e “Everything Everywhere All At Once”. 

Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love Fire of Love

Charlotte Welles Charlotte Welles the whale the whale close close close close CLOSE CLOSE aftersun aftersun aftersun aftersun aftersun aftersun the fire within – a requiem for katia and maurice krafft 8 the fire within – a requiem for katia and maurice krafft 8 brendan fraser brendan fraser AVATAR THE WAY OF WATER AVATAR THE WAY OF WATER AVATAR THE WAY OF WATER 2 AVATAR THE WAY OF WATER 2 avatar way of water avatar way of water james cameron e sam worthington james cameron e sam worthington una ripresa di avatar the way of water effettuata sotto l acqua una ripresa di avatar the way of water effettuata sotto l acqua PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON 4 PINOCCHIO DEL TORO GUSTAFSON 4 PINOCCHIO PINOCCHIO everything everywhere all at once 6 everything everywhere all at once 6 everything everywhere all at once 5 everything everywhere all at once 5 everything everywhere all at once 7 everything everywhere all at once 7 the banshees of inisherin the banshees of inisherin the banshees of inisherin. the banshees of inisherin. the banshees of inisherin the banshees of inisherin le pupille di alice rohrwacher le pupille di alice rohrwacher

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...

FLASH – A CHE PUNTO È LA NOTTE UCRAINA? I MISSILONI AMERICANI STANNO PER ARRIVARE: QUANDO I RIFORNIMENTI SARANNO OPERATIVI, PARTIRÀ UNA CONTROFFENSIVA DELL’ESERCITO DI ZELENSKY, CHE DOVREBBE ALMENO ARRESTARE L’AVANZATA DEI RUSSI A KHARKIV E NEL DONBASS – LE TRATTATIVE SEGRETE PER LA TREGUA VANNO AVANTI, MA PER GLI USA SI POTRANNO CONCRETIZZARE SOLTANTO QUANDO GLI UCRAINI AVRANNO “TAMPONATO” L’OFFENSIVA DI PUTIN. QUANDO “MAD VLAD” SARÀ TORNATO UN PASSO INDIETRO, I COLLOQUI PER IL CESSATE IL FUOCO ENTRERANNO NEL VIVO…