"L'EMERGENZA CORONAVIRUS È UNA GRANDE OCCASIONE PER LE MAFIE" – IL PROCURATORE NICOLA GRATTERI A 'CIRCO MASSIMO': "LE BANCHE DEVONO RISCHIARE E PRESTARE SOLDI ANCHE CON RISCHIO, ALTRIMENTI ARRIVANO I CLAN. SOLDI AI LAVORATORI IN NERO TRAMITE I PICCOLI COMUNI, MA LA FINANZA CONTROLLI GLI ELENCHI. LA COCAINA? NON C'È CRISI, IL TRAFFICO CONTINUA: CI SONO TONNELLATE DI DROGA STOCCATE IN EUROPA"

-

Condividi questo articolo

Da Circo Massimo - Radio Capital

 

L'emergenza coronavirus è una grande occasione per le mafie. A Circo Massimo, su Radio Capital, il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri sottolinea che "le mafie sono presenti dove c'è da gestire denaro e potere.

nicola gratteri nicola gratteri

 

E le elite delle mafie fanno molte operazioni non per arricchirsi, ma per avere consenso, potere". Un esempio è un tema di cui si parla molto in questi giorni: il lavoro nero: "Pensate in che frustrazione si trovano gli operai che, al sud ma anche al nord, lavorano in nero nell'agricoltura e nell'edilizia, guadagnando 30 euro al giorno.

 

Questi soldi", spiega il magistrato, intervistato da Massimo Giannini e Oscar Giannino, "per loro sono oro, e se gli arrivano dal capomafia se ne ricorderanno quando sarà ora di votare. Così le mafie prenderanno pacchetti di voti senza problemi". Altro problema, l'usura: "Pensate alla situazione in cui sono imprenditori che hanno costruito ristrutturato un ristorante, una pizzeria o un albergo pensando che dalla primavera avrebbero cominciato a guadagnare.

 

gratteri gratteri

A loro le banche non daranno soldi. E allora chi glieli darà? C'è l'usura normale, e quella delle mafie, della ndrangheta", distingue Gratteri, "La differenza è che l'usuraio ndranghetista vuole meno garanzie, perché sa che la garanzia è la vita del commerciante. Inizialmente il commerciante sarà invogliato e incentivato da interessi più bassi, sotto la soglia delle banche, poi pian piano, in uno-due anni, comincerà la lenta agonia, perché l'obiettivo del mafioso non è guadagnare sull'usura ma rilevare l'attività commerciale, e usarla per riciclare denaro".

 

Per il procuratore di Catanzaro, quindi, c'è bisogno che "il governo parli direttamente con le banche, che devono rischiare un po' di più, e capire che devono prestare soldi anche se il rischio di insolvenza è più alto. Se non si supera questo blocco, non ne usciamo", avverte Gratteri, "C'è bisogno di soldi veri in mano adessi ai piccoli e medi imprenditori, sennò non ne usciamo". E i poveri che lavoravano in nero? "Lì bisogna intervenire e dare i soldi attraverso i comuni. Ma al contempo la guardia di finanza e i carabinieri dovrebbero controllare gli elenchi di poveri e piccoli imprenditori che ricevono aiuti.

nicola gratteri nicola gratteri

 

È bene far fare questa cosa ai sindaci perché si risparmiano passaggi, ma", puntualizza il magistrato, "se il sindaco è un mafioso o un faccendiere si fa figli e figliastri, si danno benefici ai soliti clienti elettorali e chi ha votato contro non li avrà". L'emergenza, fra l'altro, non ha fermato i traffici di droga: "In Colombia, Bolivia e Perù c'è difficoltà a reperire precursori chimici, che vengono dalla Cina, per lavorare la pasta di coca. La produzione quindi è rallentata, ma sono tanti i depositi di tonnellate di cocaina... pensate alla Spagna, dove ci sono colonie di colombiani che hanno stoccato anche dieci tonnellate, e all'Afghanistan, dove ci sono tonnellate di eroina pronte ad arrivare in Europa. Il problema non c'è", conclude Gratteri, "La riprova che non c'è crisi è il prezzo, che è rimasto invariato". 

urbano cairo nicola gratteri marco troncheti provera giovanni malago urbano cairo nicola gratteri marco troncheti provera giovanni malago CANTONE E GRATTERI CANTONE E GRATTERI annalisa chirico nicola gratteri annalisa chirico nicola gratteri nicola gratteri matteo salvini giulia bongiorno (2) nicola gratteri matteo salvini giulia bongiorno (2)

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TOH, GUALTIERI E FRANCESCHINI FINALMENTE HANNO CAPITO CHE IL CONTE CASALINO, DOPO AVER INFINOCCHIATO QUELLO SPROVVEDUTO DI DI MAIO, RESPONSABILE DI AVERLO PORTATO A PALAZZO CHIGI ALL’EPOCA DI SALVINI, HA PRESO PER IL CULO ANCHE IL PD, INCIUCIANDO CON L’INETTO ZINGARETTI – MA, AL DI LÀ DEL MES (I 5STELLE ALLA FINE DIRANNO DI SÌ) I NODI RISCHIANO DI VENIRE PRESTO AL PETTINE PER IL CONTE DELLA VASELINA: COME AFFRONTARE AD ESEMPIO IL DRAMMA DELLA CASSA INTEGRAZIONE, CHE SCADE A SETTEMBRE? I SOLDI SONO FINITI E UNA MONTAGNA DI DISOCCUPATI CHE RISCHIA DI TRAVOLGERE TUTTO E TUTTI

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute