"GLI STUDENTI DI PISA? SONO STATI MANGANELLATI DA AGENTI DROGATI" – IL PROFESSOR ANGELO D'ORSI È STATO DENUNCIATO DA DUE SINDACATI DELLA POLIZIA PER L’ACCUSA RIVOLTA AI CELERINI – LA FRASE, PRONUNCIATA A "QUARTA REPUBBLICA", FA RIFERIMENTO AGLI SCONTRI TRA STUDENTI E AGENTI A PISA A FEBBRAIO SCORSO - D'ORSI: "C'È UNA SORTA DI RIVALSA SOCIALE VERSO LO STUDENTE, QUASI INVIDIA, TU STAI STUDIANDO SEI UN PRIVILEGIATO, IO NON STO QUI A FARMI MASSACRARE CON STIPENDI BASSI..."

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Grazia Longo per "La Stampa"

 

angelo dorsi. angelo dorsi.

Le manganellate della polizia agli studenti di Pisa e Firenze? Colpa del sentimento «di rivalsa» e delle «droghe» da parte degli agenti. Parole che sono costate care al professor Angelo D'Orsi, denunciato alla magistratura da due sindacati della polizia. Il segretario generale del Siap, Giuseppe Tiani, precisa: «Il nostro legale, avvocato Gigante dello studio legale Picozzi e Morigi, ha depositato alla procura di Roma una denuncia querela nei confronti del professor Angelo D'Orsi».

 

la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 3 la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 3

Una scelta «a tutela della dignità professionale, personale e delle famiglie dei poliziotti». L'accademico vanta cinquanta libri, cento saggi e quasi mille articoli scientifici. Allievo di Norberto Bobbio è ordinario di Storia del Pensiero Politico all'Università di Torino. Ha pronunciato le frasi incriminate durante la trasmissione «Quarta Repubblica» del 26 febbraio. Ecco cosa disse: «Quando vedo il poliziotto che manganella con un piacere di farlo, due cose mi vengono in mente.

 

Uno, per quel manganello c'è una sorta di rivalsa sociale verso lo studente, quasi invidia, tu stai studiando sei un privilegiato, io non sto qui a farmi massacrare con stipendi bassi. E la seconda cosa è il fatto che troppo spesso, tanto sovente quei poliziotti, e me lo dicevano nelle interviste che ho fatto dal '69 al '72, hanno assunto delle droghe, hanno assunto delle sostanze per reggere il peso, questo però ti fa perdere anche i freni inibitori».

 

angelo dorsi 4 angelo dorsi 4

[…] Dal canto suo, Angelo D'Orsi si definisce amareggiato per le denunce che «in passato sarebbero state impensabili. C'è un clima politico che non aiuta, basti pensare che il professor Luciano Canfora è stato denunciato dalla premier Meloni. Io non volevo ingiuriare proprio nessuno».

 

Ma lei perché ha fatto quelle affermazioni? «Sono il frutto dei miei studi e delle mie interviste a fine degli Anni Sessanta e poi già Pasolini alludeva al fatto che i poliziotti fossero contrapposti agli studenti figli di papà». Sì, ma Pasolini mica insultava i poliziotti. «Neppure io li ho insultati. E poi non mi ha denunciato la Polizia, solo i sindacati».

la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 1 la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 1 LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A FIRENZE E PISA LA POLIZIA CARICA GLI STUDENTI DURANTE I CORTEI PRO-PALESTINA A FIRENZE E PISA la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 2 la polizia carica gli studenti durante i cortei pro palestina a pisa 2

angelo dorsi 2 angelo dorsi 2 angelo dorsi angelo dorsi angelo dorsi 3 angelo dorsi 3

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI