ROBERTO GUALTIERI, "L'ALBERTO ANGELA DELLE BORGATE" – I VIDEO DEL PRIMO CITTADINO DI ROMA, “IN TOUR” PER I CANTIERI DELLA CAPITALE, SONO VIRALI SU TIKTOK. CON IL CASCHETTO IN TESTA E GILET CATARIFRANGENTE, IL SINDACO OPERAIO CI PORTA NELLE SUE AVVENTURE TRA VORAGINI CHE SI APRONO SUL MANTO STRADALE CAPITOLINO, INGHIOTTENDO MACCHINE E ALBERI, E DEMOLIZIONI DI ECOMOSTRI - I SOPRANNOMI DEI PRIMI CITTADINI DI ROMA: ALEMANNO "IL SINDACO SPALANEVE"; RAGGI "LA SINDACA SPELACCHIO"; VELTRONI "L’OBAMA ITALIANO"; RUTELLI "CICCIOBELLO" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Alice Valeria Oliveri per “Il Domani”

 

roberto gualtieri gira per i cantieri 6 roberto gualtieri gira per i cantieri 6

[…] Tutti possono approfittare dello storytelling, tutti ne possono rimanere vittime. Roberto Gualtieri, il sindaco di Roma, ha scelto di seguire l’antico precetto che Google attribuisce a Giulio Cesare: se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico. Se non puoi governare l’algoritmo, diventa un suo alleato.

 

A differenza delle altre cariche politiche, collocate nell’immaginario collettivo in palazzi di potere con guardie e lasciapassare che tengono alla larga i cittadini comuni, quella del sindaco è una figura che ha sempre avuto un fondamentale elemento di vicinanza con il suo elettorato.  […]

 

Il sindaco può venire a controllare la buca in strada, scappare in diretta con uno slancio da supereroe per salvare una statua dalle grinfie di un attivista, farsi intervistare per caso come un passante qualsiasi, «Scusi, lei è genovese?» «Sono il sindaco, veda un po’ lei», la famosa gaffe della giornalista di Sky Tg24 è rimasta negli annali. Il sindaco è presenza, intervento, concretezza, è l’anello mancante tra la politica e gli elettori. È l’influencer perfetto.

 

roberto gualtieri gira per i cantieri 7 roberto gualtieri gira per i cantieri 7

Munito di un’attrezzatura minimale, il sindaco oggi può girare per i siti che visita raccontando al suo pubblico le sue azioni sul mondo. Oltre la troupe di una televisione privata, oltre il trafiletto sul giornale locale, oltre il comizio, il sindaco influencer può prendere in mano uno smartphone e parlare chiunque lo segua, all’orario che vuole, di ciò che preferisce.

 

C’era già il seme di questa intuizione nei Buongiorno Milano di Beppe Sala, calzini arcobaleno, playlist in stile Obama, un podcast con la Torre Velasca in copertina, un hashtag non troppo fortunato – #milanononsiferma, Milano poi si è fermata eccome – un video con i Club Dogo che scimmiotta la vulgata di Milano Gotham City d’Italia. Dove, se non nella città del marketing, nella capitale morale e digitale, un sindaco-manager poteva fare meglio l’influencer? Eppure, stavolta ha vinto Roma.

 

Roberto Gualtieri è sindaco dall’ottobre del 2021. Chiunque viva a Roma sa che il rapporto dei suoi abitanti con la città eterna e con chi la amministra è quantomeno paradossale. L’umore oscilla dalla mitopoiesi epica all’apostrofe senza vie di mezzo, e così anche il racconto dell’operato del sindaco, difficile da analizzare dall’esterno senza incappare nella damnatio memoriae o nella leggenda.

roberto gualtieri gira per i cantieri 4 roberto gualtieri gira per i cantieri 4

 

Le stagioni gloriose sono quelle delle giunte rosse dei primi anni Ottanta, Petroselli, Vetere e Argan, poi ci sono i nomi della lista nera, i più recenti: Alemanno, il sindaco spalaneve, e Raggi, la sindaca Spelacchio. Gli epurati, Marino su tutti, quelli che abbandonano la carica preferendo la poltrona alla sedia da osteria, Veltroni anche noto come «L’Obama italiano», Rutelli «Cicciobello» e la sua grande giunta, i Rutelli Boys, da cui proveniva anche il candidato del 2016 Giachetti.

 

Di Roberto Gualtieri, ex ministro dell’Economia, professore di Storia alla Sapienza, inizialmente non si sa molto. Quello che emerge a livello pubblico è la sua grande passione per la chitarra classica, che sfoggia ogni volta che può, in televisione, alla radio, agli eventi istituzionali.

 

Il repertorio di Gualtieri va da Bella ciao a Baglioni, l’atmosfera da falò in spiaggia con lui è assicurata, i cantieri per il Giubileo sparsi per la città in tutta fretta a ridosso della scadenza del 2025 e che fanno tanto arrabbiare i tassisti pure. E poi?

 

roberto gualtieri gira per i cantieri 5 roberto gualtieri gira per i cantieri 5

Poi arriva TikTok. Sulla piattaforma che spaventa i governi occidentali, Roberto Gualtieri trova una forma straordinaria. È un Alberto Angela delle borgate, un eroe gentile che illustra le bellezze della nuova flotta Atac.

 

Caschetto di sicurezza in testa, gilet catarifrangente, il primo cittadino ci porta nelle sue piccole avventure quotidiane tra voragini che si aprono sul manto stradale capitolino, inghiottendo macchine e alberi, e demolizioni di ecomostri. È un confidente per i giovani, un amico per la comunità, è l’amico che tutti vorrebbero, quello che ti rasserena anche nei momenti di caos: se la metro B di Roma è sempre in ritardo, lui compra nuovi treni.

 

 

roberto gualtieri gira per i cantieri 1 roberto gualtieri gira per i cantieri 1

È il sogno di tutti i sindaci, avere sempre con sé una telecamera che testimoni ogni sanpietrino poggiato a terra, ogni fontanella che si accende, ogni area verde che viene inaugurata.

 

L’ipernarrazione, per chi deve dare prova giornaliera del suo operato, è una benedizione, è il pic or it didn’t happen diffuso, perenne. Certo, non sono tutti precettori gentili come Gualtieri, e c’è chi al format educativo preferisce un film western, tra sceriffi e pattuglie, e chi come Marco Ballarini, sindaco di Corbetta, indugia nello slang giovanile, parlando ai suoi bro, esclamando «Ziopera», pushando con le ruspe.

 

Divertente o funzionale che sia, la strategia del sindaco social, con il suo piccolo emittente personale che gli consente di dare prova delle sue azioni, può tornare utile, anche se resta da capire quanto follower sia sinonimo di elettore, e quanto views sia sinonimo di consensi. […]

roberto gualtieri roberto gualtieri

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”