SE NON CHORA QUANDO? - COME DAGO-ANTICIPATO, "CHORA MEDIA" SI È PAPPATA "WILL", LA COMUNITÀ SOCIAL CON 1,3 MILIONI DI FOLLOWER SU INSTAGRAM - MARIO CALABRESI, AD DELLA SOCIETÀ DI PODCAST: "SE SI GUARDA LA CLASSIFICA DI SPOTIFY NELL’ULTIMO MESE, QUASI OGNI GIORNO SEI TITOLI SU DIECI SONO REALIZZATI DI CHORA E WILL. NON È VERO CHE I GIOVANI NON HANNO VOGLIA DI INFORMARSI E LEGGERE, È UN PROBLEMA DI FORMATI"

-

Condividi questo articolo


"WILL" IL COYOTE? "WILL" IL COJONE! – VOLANO GLI STRACCI A "WILL ITALIA", LO PSEUDO-GIORNALE DI INSTAGRAM, FONDATO DALL’EX MANAGER DI AIRBNB ALESSANDRO TOMMASI E DALL’ECONOMISTA STAR CHE NON È UN’ECONOMISTA, IMEN JANE – “CHORA MEDIA”, LA SOCIETÀ DI PODCAST DI MARIO CALABRESI, HA MESSO GLI OCCHI SULLA STARTUP E SE LA VUOLE COMPRARE A PREZZI STRACCIATI. MA TRA I SOCI CI SONO NON POCHI MALUMORI…

https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/quot-will-quot-coyote-quot-will-quot-cojone-ndash-volano-303479.htm

 

Alessia Cruciani per www.corriere.it

 

mario calabresi mario calabresi

«Abbiamo scelto Will perché convinti che sia la più brillante e vivace comunità social in Italia: fa informazione in un modo nuovo, fresco, adatto ai giovani e conta 1,3 milioni di follower su Instagram».

 

will media will media

Così l’ad e fondatore della società di podcast Chora Media, Mario Calabresi, annuncia l’acquisizione della social company, dando vita al principale polo italiano dell’informazione nativa digitale in audio-video.

 

mario calabresi ad di chora mario calabresi ad di chora

«Con i miei soci Guido Brera, Mario Gianani e Roberto Zanco siamo convinti che le nuove realtà digitali siano in grado di costruire mondi più forti e capaci di stare sul mercato», continua Calabresi, spiegando che l’operazione è stata possibile grazie a un aumento di capitale.

 

«Se si guarda la classifica podcast di Spotify nell’ultimo mese, quasi ogni giorno sei titoli su dieci sono realizzati di Chora e Will - aggiunge -. La nostra idea è costruire una realtà nuova che sia capace di fare strategie di sviluppo e commerciali in comune ma in cui i due brand mantengano un’identità propria. Non ci sarà integrazione delle redazioni».

 

mario calabresi e alessandro tommasi mario calabresi e alessandro tommasi

A convincere Calabresi dell’operazione è la crescita del mercato audio: «Siamo nati 18 mesi fa e ne abbiamo impiegati sei per raggiungere il primo milione di ascoltatori, tre per il secondo. Oggi contiamo un milione ogni 12 giorni». Con 62 serie pubblicate e 52 serie in produzione, Chora Media vuole uscire dai confini italiani realizzando anche contenuti in inglese, francese e altre lingue.

 

i podcast di will i podcast di will

Come ad di Chora, Calabresi controllerà anche Will ed entrerà nel Cda. Mentre Alessandro Tommasi resterà ad della social company fondata nel 2020 con Will Imen Boulahrajane, Davide Dattoli e Francesco Fumagalli.

 

i podcast di chora i podcast di chora

L’investimento porterà anche alla creazione di nuovi posti di lavoro in due società già a maggioranza di donne. «Come Chora prevediamo di chiudere il 2022 con 5 milioni di fatturato, obiettivo simile anche per Will, risultato che ci porterebbe a break even», annuncia Calabresi.

 

cecilia sala di chora cecilia sala di chora

Con una community di due milioni di persone e oltre tre milioni di ascolti medi mensili podcast, il matrimonio tra Chora e Will funzionerà perché, «non è vero che i giovani non hanno voglia di informarsi e leggere, è un problema di formati. Basta fare buona informazione ogni giorno».

 

la redazione di will 1 la redazione di will 1 alessandro tommasi alessandro tommasi la redazione di will 2 la redazione di will 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

MILLERI, OGGI E DOMANI – SARÀ L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ESSILUX, FRANCESCO MILLERI, IL GARANTE DELLA CONTINUITÀ NELL’IMPERO DI DEL VECCHIO: DIVENTERÀ ANCHE PRESIDENTE DEL COLOSSO DELLE LENTI – LO SCHEMA DELLA SUCCESSIONE ERA STATO PREPARATO PER TEMPO DAL PAPERONE DI AGORDO: IERI È STATO COOPTATO NEL CDA DI ESSILOR-LUXOTTICA ANCHE MARIO NOTARI – LA HOLDING DELFIN È BLINDATA DAI DISSIDI TRA I FIGLI DI DEL VECCHIO, CHE HANNO CIASCUNO IL 12,5%:  PER LA VENDITA A UN SOCIO ESTERNO SERVE L’88% DEL CAPITALE, PRATICAMENTE L’UNANIMITÀ – I NODI MEDIOBANCA E GENERALI

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute