TURISTI DELLA MELOMANIA - L'ITALIA È LA DESTINAZIONE PREFERITA DI CHI VIAGGIA PER OPERE E CONCERTI, E STACCA GERMANIA, AUSTRIA, FRANCIA E REGNO UNITO. QUELLO DELLA MUSICA, È UN TURISTA DI FASCIA ALTA, CHE VIAGGIA ANCHE FUORI STAGIONE E SI FA ALLETTARE DA ENOGASTRONOMIA, MUSEI, SHOPPING, NEL PAESE PIÙ BELLO (E PEGGIO TENUTO) DEL MONDO. E SE I TEATRI HANNO UNA PROGRAMMAZIONE BOLSA, I FESTIVAL...

-

Condividi questo articolo


 

 

Alberto Mattioli per “la Stampa

 

rossini opera festival rossini opera festival

Nicchia forse sì, proprio piccolissima certamente no. Come sa chi lo pratica, esiste un turismo musicale «colto», di gente che viaggia per opere e concerti. La notizia è che l’Italia è la destinazione preferita di questi globetrotter musicali, staccando Germania, Austria, Francia e Regno Unito. O almeno è quel che emerge da uno studio curato dalla Fondazione Santagata per l’Economia della Cultura di Torino per Cuoa Business School, finanziato dalla Regione Veneto e presentato lunedì a Vicenza.

 

Che vengano ad ascoltare musica da noi tanti stranieri è una sorpresa, considerando le programmazioni bolse di quasi tutti i teatri d’opera italiani, ulteriormente avvilite dal provincialismo dilagante delle nuove gestioni populiste. Ma qui bisogna chiaramente considerare quel che c’è «intorno» a questi teatri e alla loro perpetua dieta di Trovatori e Butterfly.

 

Quello della musica, certifica l’indagine, è «un turista di fascia alta, interessato a una fruizione di qualità dei luoghi, che viaggia anche fuori stagione» e quindi si fa allettare anche da enogastronomia, musei, shopping e così via, nel Paese più bello (e peggio tenuto) del mondo.

 

rossini opera festival rossini opera festival

Senza contare i festival, che invece programmano al contrario e, si direbbe, più sono «specializzati» e più diventano cosmopoliti: 67% di spettatori stranieri al Rossini Opera Festival di Pesaro, oltre il 40 al Donizetti di Bergamo e così via, anche se siamo lontani da gioiose macchine da guerra come Salisburgo, 260 mila visitatori, 27 milioni di euro di botteghino, 183 di indotto, o Glyndebourne, 95 mila spettatori, 19 milioni d’incassi. Però anche in Italia qualche numero è interessante, dai 18.260 spettatori del Rof ai 36.500 del Mof (Macerata Opera Festival, insomma lo Sferisterio), praticamente a un tiro di schioppo. In Italia si è appena faticosamente fatto capire che con la cultura si mangia, e pure tanto, quindi molto resta da fare.

macerata opera festival sferisterio macerata opera festival sferisterio

 

Dalla ricerca, un sondaggio effettuato da aprile a giugno a livello europeo, esce un profilo interessante del turista delle note, che è in media giovane, colto, europeo, spesso di genere femminile, formato alla musica dalla famiglia (60%) o dalla scuola (50). E smanettone: la conferma di come Internet abbia cambiato anche la fruizione musicale «colta» la dà il 72% dei viaggiatori che si informa sul web e addirittura l’82 che si organizza il viaggio da solo: soltanto il 12% si avvale del supporto di un’associazione musicale, appena il 3,3 di pacchetti turistici e il 2,6 di un’agenzia. Il mondo è a portata di clic, non si capisce perché quello della «classica» debba essere diverso, a parte forse per la consolidata immagine polverosa che si porta appresso.

macerata opera festival sferisterio macerata opera festival sferisterio

 

Curioso: il 37% di chi viaggia per musica lo fa con gli amici, solo il 20 con il partner: questo spiega da un lato perché molte relazioni non reggano alla differenza dei gusti musicali nella coppia. E dall’altro perché il viaggiar per musica sia spesso foriero di incontri interessanti.  

macerata opera festival sferisterio macerata opera festival sferisterio Il Rossini Opera Festival Il Rossini Opera Festival Il Rossini Opera Festival Il Rossini Opera Festival

 

Il Rossini Opera Festival Il Rossini Opera Festival Adelaide Il Rossini Opera Festival -1 Adelaide Il Rossini Opera Festival -1 Il Rossini Opera Festival 1 Il Rossini Opera Festival 1 Il Rossini Opera Festival Il Rossini Opera Festival

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO