CACCIA APERTA, ANZI SPALANCATA! - DOPO FRATELLI D'ITALIA, ANCHE LA LEGA VORREBBE MODIFICARE LA LEGGE SULL'ATTIVITA' VENATORIA: TRA LE PROPOSTE C'E' LA POSSIBILITÀ DI CACCIARE 7 GIORNI SU 7, MENO VINCOLI AI CACCIATORI E LA POSSIBILITÀ DI USARE I VISORI NOTTURNI - IL TESTO ARRIVA DOPO QUELLO (POI RITIRATO) DEL SENATORE MELONIANO AMIDEI, CHE PREVEDEVA L'ABBASSAMENTO A 16 ANNI DELL'ETÀ IN CUI SI PUÒ IMBRACCIARE UN FUCILE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Alessandro Sala per il "Corriere Della Sera"

 

cacciatori cacciatori

Competenze legislative in mano alle Regioni, meno vincoli ai cacciatori, maglie più larghe sull’utilizzo di richiami vivi. E ancora: autorizzazioni agli abbattimenti degli ungulati anche al di fuori dei giorni e degli orari in vigore e possibilità di impiego di visori notturni sul modello di quelli utilizzati in ambito militare.

 

La proposta di legge che ha iniziato il proprio iter in commissione Agricoltura alla Camera prevede forti cambiamenti alle norme che dal 1992 regolano la caccia in Italia. Ma il testo, che porta la prima firma del deputato leghista Francesco Bruzzone, è solo all’inizio del cammino parlamentare […]

 

cacciatore con cane cacciatore con cane

Lega e FdI stanno combattendo una battaglia all’apparenza comune per assecondare i cacciatori, soprattutto ora che Forza Italia è orfana di Silvio Berlusconi, che negli ultimi anni aveva impresso una svolta più ambientalista e animalista al suo partito. Ma in vista delle elezioni europee, dove si vota con il proporzionale, fanno anche gara a sé nella corsa al consenso. […]I cacciatori in Italia sono circa 500 mila, in costante calo per ammissione delle stesse associazioni che li rappresentano. Ma hanno un grande indotto elettorale […]

 

Il testo incardinato a Montecitorio è una versione più soft di una precedente proposta dello stesso Bruzzone che consentiva alle Regioni di autorizzare la caccia anche nelle zone in cui è normalmente preclusa, comprese le aree protette e le aree urbane e a prescindere da giorni e orari. […]

 

cacciatori cacciatori

Ora torna di forte attualità, soprattutto dopo lo scivolone del senatore meloniano Bartolomeo Amidei che a fine anno aveva presentato un testo che riprendeva alcuni temi di Bruzzone ma con l’aggiunta di diversi carichi da 90: il passaggio di Ispra, l’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale, sotto il controllo di Palazzo Chigi; l’estensione dei calendari; la soppressione di fatto dei giorni di silenzio venatorio; la possibilità di cacciare al di fuori del proprio ambito territoriale e in tutta Italia nel caso della fauna migratoria; l’aumento delle specie cacciabili; la possibilità di cacciare anche su terreni innevati o alluvionati.

 

cacciatore con cane cacciatore con cane

E, soprattutto, l’ipotesi di concedere la licenza di caccia già a partire dai 16 anni. Troppo. Tant’è che il governo aveva preso le distanze. Risultato: alla ripresa post-natalizia la proposta è stata ritirata, lasciando di fatto il campo al Carroccio, che della commissione Agricoltura della Camera ha la presidenza e quindi potrà a pieno titolo intestarsi questa operazione. C’è tuttavia un fronte che prova ad opporsi ed è quello guidato dall’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali presieduto da Michela Vittoria Brambilla, oggi nel gruppo Noi moderati di Montecitorio.

 

Che ha presentato una proposta di legge di segno opposto, prevedendo più limitazioni[…] L’hanno sottoscritta altri 15 deputati di Pd, Italia viva, M5S e FI. Tra loro Rita Dalla Chiesa e l’ex ministro Sergio Costa, firmatario di un’analoga proposta targata Cinque Stelle. […]

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…