CHE COGLIONI ‘STI SVEDESI - HANNO LASCIATO “TUTTO APERTO” CONFIDANDO NELLA AUTODISCIPLINA DEI CITTADINI PER CONTENERE L’EPIDEMIA COME SE ITALIANI E SPAGNOLI FOSSERO DEI POVERI STRONZI ALLARMISTI - POI SONO INIZIATI I CONTAGI (6.443 POSITIVI), SONO ARRIVATI I PRIMI MORTI (358) CON LE CRITICHE DI TUTTO IL MONDO SCIENTIFICO E ORA SI PREPARANO AL LOCKDOWN - IL PREMIER LÖFVEN: “IL PAESE SI PREPARI A MIGLIAIA DI MORTI”

Condividi questo articolo

Andrea Tarquini per https://rep.repubblica.it/

 

stefan lofven stefan lofven

La Svezia cambia radicalmente strategia nella lotta al coronavirus. Il Paese finora ha lasciato tutto aperto (scuole, palestre, spettacoli) puntando sulla disciplina dei cittadini, sul rispetto dei severi limiti costituzionali alle restrizioni alla libertà e sulla scelta dell'autorità nazionale per la salute di puntare a un contagio rallentato per non rischiare il collasso delle strutture sanitarie.

 

Ma un'ondata di critiche di medici, scienziati dell'Accademia del Nobel, responsabili di ospizi, media e l'aumento veloce dei contagi hanno spinto il governo a guida socialdemocratica a invertire la rotta. Inizialmente l'esecutivo voleva una legge che gli conferisse poteri speciali per l'emergenza anche aggirando il Riksdag (il Parlamento unicamerale). Poi, davanti ai no delle opposizioni di sinistra radicale e di centrodestra a un'esautorazione dei legislatori, ha annunciato che il Riksdag stesso dovrà approvare ogni misura anti-coronavirus.

 

L'annuncio finale è venuto dalla ministra della Salute, Lena Hallenberg, citata dalla radio pubblica Sveriges Radio. "Ho affidato a un gruppo di esperti la scrittura della legge che vogliamo presentare al Parlamento per averla operativa entro il 10 aprile", ha affermato.

coronavirus svezia 2 coronavirus svezia 2

 

Il Riksdag non subirà dunque la sorte del Parlamento ungherese: potrà correggere anche radicalmente il progetto di legge entro il 10, poi il suo sì sarà necessario per ogni singola misura. L'emergenza, sempre secondo Sveriges Radio, potrà restare in vigore tre mesi. Il governo sarà autorizzato, ogni volta con la luce verde del Parlamento, a chiudere bar, ristoranti, scuole, palestre, piscine, limitare l'accesso a metropolitane, bus, tram, treni, aeroporti, porti e ogni altro mezzo di trasporto pubblico.

 

stefan lofven 3 stefan lofven 3

Il no a superpoteri che aggirassero il Parlamento "all'ungherese" è venuto dai leader dei due partiti di opposizione democratici, Ulf Kristofferson per i Moderaterna e Jonas Sjöstedt per la sinistra radicale, sempre citati da radio e tv pubbliche. Entrambi sono contrari a un'esautorazione del Riksdag, ma ricettivi delle durissime critiche al "lassismo" seguito finora da Stoccolma.

 

Ha spaventato soprattutto la lettera-appello all'opinione pubblica, firmata da ben 2 mila medici, tra cui il presidente della Fondazione Nobel, Carl-Henrik Heldin. Secondo il testo, misure rigide come quelle adottate dai paesi vicini - Norvegia, Danimarca e Finlandia - e da altri governi europei sono urgenti e indispensabili.

 

coronavirus svezia 3 coronavirus svezia 3

"Il laissez-faire scelto finora dal governo, se non si cambia strada, ci porterà alla catastrofe", ha sottolineato la professoressa Cecilia Söderberg-Nauclér, epidemiologa del Karolinska Institutet, massimo centro di ricerca svedese paragonabile al Robert-Koch-Institut tedesco o all'Institut Pasteur francese. E ha aggiunto: "Non effettuiamo abbastanza test né tracking di pazienti positivi o malati, non stiamo rallentando il contagio, gli stiamo lasciando campo aperto, se si continua così il governo di fatto sceglierà di lasciar morire la gente, pur senza parlare di selezione naturale. I dati già segnalano un aumento dei contagi che può divenire piú veloce che in Italia".

 

stefan lofven 2 stefan lofven 2

Poi sono arrivate le notizie, diffuse dalla tv privata Svt Tv, sulla grave situazione negli ospizi attorno a Stoccolma. I cui responsabili hanno dovuto ammettere che almeno 250 pazienti anziani sono stati contagiati e 50 di loro sono morti. Al momento la Svezia, con circa 10 milioni di abitanti, conta 6.443 contagiati e 358 decessi. E venerdì scorso il premier socialdemocratico in persona, Stefan Löfven, è passato dall'attendismo tranquillo a toni allarmati in un'intervista pubblicata dal quotidiano Dagens Nyheter, uno dei più autorevoli media. "La situazione è tale che il Paese deve prepararsi ad avere migliaia di morti", aveva detto.

coronavirus svezia 1 coronavirus svezia 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

“DOMANI” È VICINO -  DE BENEDETTI HA DATO APPUNTAMENTO IL 2 GIUGNO A DOGLIANI ALLA DIRIGENZA E ALLO STAFF CHE PARTECIPERÀ ALL'AVVENTURA DEL NUOVO QUOTIDIANO DIRETTO DA STEFANO FELTRI, "DOMANI" -  L’ATTACCO DI CDB AI FIGLI: “NON DOVEVANO PERMETTERSI DI VENDERE ‘REPUBBLICA’. UNA DECISIONE SCIAGURATA. I REGALI NON SI VENDONO - IL PRESTITO SACE A FCA? SERVONO CONDIZIONI” - LUCIA ANNUNZIATA CI SCRIVE: "NON SONO E NON SONO MAI STATA PARTE DEL PROGETTO DEL GIORNALE DI DEBENEDETTI E FELTRI" -  VIDEO

politica

business

LA REVOCA DELLA CONCESSIONE AD AUTOSTRADE E’ ORMAI LONTANA - SENTITE IL VICEMINISTRO DELLO SVILUPPO, BUFFAGNI: “TRATTIAMO, MA I 43 MORTI DI GENOVA MERITANO RISPETTO” - L'ACCORDO CON I BENETTON PREVEDE UN RIASSETTO SOCIETARIO IN AUTOSTRADE CON LA COSTITUZIONE DI UN VEICOLO, CHE NE DETENGA LA MAGGIORANZA DEL CAPITALE, SOTTOSCRITTO DA CDP E IL FONDO F2I - ATLANTIA SOSPENDE IL DIVIDENDO PER PRUDENZA SUL CROLLO DEL TRAFFICO AUTOSTRADALE E AEROPORTUALE (NESSUNO SAPRÀ QUANDO RIPRENDERANNO ED È MEGLIO TENERE I SOLDI IN AZIENDA) E NON PER LA GARANZIA SACE, CHE RIGUARDA INVECE ASPI

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute