1. IN FUGA DA MILANO CON IL TRENO PER NAPOLI: I PASSEGGERI SI RIBELLANO AI CONTROLLI
2. IL CONVOGLIO FERMATO DUE VOLTE NEL CASERTANO, PERCHÉ LA POLIZIA FERROVIARIA DOVEVA IDENTIFICARE TUTTI I VIAGGIATORI PRIMA DELL'ARRIVO ALLA STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE, PER L'ORDINANZA DEL GOVERNATORE VINCENZO DE LUCA CHE OBBLIGA CHI ARRIVA DALLA LOMBARDIA O ALTRE ZONE ROSSE A METTERSI IN QUARANTENA - OLTRE CENTO PERSONE SONO STATE IDENTIFICATE, NON SENZA PROBLEMI, TRA CUI ALCUNE DECINE SENZA BIGLIETTO - VIDEO

Condividi questo articolo


 

Leggo.it

 

coronavirus stazione di milano

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

Coronavirus in Italia. È arrivato con oltre 4 ore di ritardo il treno Intercity partito da Milano ieri sera alle 21.34 e il cui arrivo era previsto a Napoli alle 9,36. Il ritardo è dovuto ai controlli effettuati sul convoglio in attuazione dell'ordinanza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che stabilisce «l'isolamento domiciliare per chi arriva dalle zone interessate dal decreto». Inoltre sul convoglio, preso d'assalto ieri sera alla stazione di Milano, molti passeggeri erano sprovvisti di biglietto per la fretta di salire sui vagoni.

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

 

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

Tantissime persone - secondo quanto riferito da fonti Polfer a Caserta - sono salite ieri sera da Milano sul treno per tornare al Sud, molti senza biglietto. Il convoglio è stato fatto fermare due volte nel Casertano, perché la Polizia Ferroviaria doveva identificare tutti i viaggiatori prima dell'arrivo alla stazione di Napoli Centrale, essendo stata anche emanata proprio stamani dal governatore De Luca l'ordinanza che obbliga chi arriva dalla Lombardia o altre zone rosse a mettersi in quarantena.

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

 

Il primo stop c'è così stato a Sessa Aurunca, dove la tensione tra i passeggeri, convinti di doversi sottoporre a controlli medici, ha però spinto le forze dell'ordine a far ripartire il treno. Il convoglio è stato poi fermato a Cancello Scalo: oltre cento persone sono state identificate, non senza problemi, tra cui alcune decine senza biglietto.

 

LA SITUAZIONE NELLE STAZIONI

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

Blindata da questa mattina la stazione di Salerno dove, dopo il decreto approvato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sono scattati i controlli a tutti i passeggeri in arrivo dalle zone a rischio contagio. Operazioni che avevano già interessato chi viaggiava a bordo dei bus Flixbus, fermati in piazza della Concordia per i controlli sanitari. Poi la task force si è spostata alla stazione ferroviaria.

 

treni - fuga da milano per coronavirus treni - fuga da milano per coronavirus

Medici e sanitari, indossando le tute anticontaminazione, sono saliti a bordo dei convogli per identificare i passeggeri, annotando la loro provenienza e la temperatura corporea. I controlli hanno riguardato un Frecciarossa proveniente da Milano - che è rimasto fermo al binario 2 per oltre cinquanta minuti - e un Italo che arrivava da Roma. La task force proseguirà per l'intera giornata: nel pomeriggio, infatti, sono attesi altri bus e treni in arrivo a Salerno e provenienti dal Nord Italia.

IL VIDEO APPELLO SUL CORONAVIRUS DI VINCENZO DE LUCA IL VIDEO APPELLO SUL CORONAVIRUS DI VINCENZO DE LUCA

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute