COSA C’È DIETRO L'ATTIVISMO DI ERDOGAN NEL CONFLITTO ISRAELO-PALESTINESE? IL PRESIDENTE TURCO HA INCONTRATO HANIYEH, IL LEADER POLITICO DI HAMAS, E NE HA APPROFITTATO PER SVELENARE SU ISRAELE, ERGENDOSI A DIFENSORE NUMERO UNO DELLA CAUSA DEI PALESTINESI – MA DIETRO QUESTE PAROLE C’È ALTRO: I RAPPORTI TRA HAMAS E IL QATAR SONO AI MINIMI STORICI E LA TURCHIA VORREBBE DIVENTARE LA NUOVA CASA DI HAMAS PER ARRIVARE A…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Nello Del Gatto per “La Stampa”

 

recep tayyip erdogan ismail haniyeh 2 recep tayyip erdogan ismail haniyeh 2

Si sono incontrati a Istanbul a porte chiuse il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il leader politico di Hamas Ismail Haniyeh, scatenando l'indignazione di Israele. Dopotutto, il sultano da tempo si è accreditato come strenue difensore dei palestinesi, accusando lo Stato ebraico di ogni nefandezza, paragonando persino Netanyahu a Hitler. «Lotterò per la causa palestinese e sarò la voce del popolo palestinese oppresso anche se sarò lasciato solo», aveva detto Erdogan mercoledì ad Ankara in occasione di una riunione del gruppo parlamentare del Partito Giustizia e Sviluppo al governo, guadagnandosi il plauso di Hamas.

recep tayyip erdogan ismail haniyeh 1 recep tayyip erdogan ismail haniyeh 1

 

Il presidente turco aveva paragonato Hamas ai combattenti che cento anni fa liberarono il Paese dalle potenze straniere, facendo nascere la Turchia. Di contro, Israele è quindi l'oppressore, colpevole di crimini in Cisgiordania come a Gaza. Nell'incontro di ieri, Erdogan ha sottolineato l'importanza dell'unità palestinese. Ha anche detto che la verità sui palestinesi e sulla loro giusta causa deve essere trasmessa al mondo con più forza contro la falsa propaganda di Israele e che lo Stato ebraico «pagherà il prezzo dell'oppressione ai palestinesi». La Turchia, ha ricordato, chiede un cessate il fuoco a Gaza e più aiuti.

 

recep tayyip erdogan ismail haniyeh 3 recep tayyip erdogan ismail haniyeh 3

L'incontro tra i due leader era stato anticipato mercoledì da quello che Haniyeh ha avuto a Doha con il ministro degli Esteri turco, Hakan Fidan. Quest'ultimo, prima di partecipare all'incontro di ieri a Istanbul, è stato anche in Egitto. L'attivismo di Ankara in questa triangolazione di Paesi non è casuale. Le relazioni di Hamas con il Qatar sono ai minimi storici.  […]

 

Pochi giorni dopo il massacro del 7 ottobre, secondo indiscrezioni, incontrando il segretario di Stato Usa Antony Blinken, l'emiro del Qatar Al Thani si sarebbe chiesto se non era arrivato il momento di espellere Hamas. Dopotutto, proprio di concerto con gli Usa, Doha ospita Haniyeh e i suoi da 10 anni. E ospita anche più di diecimila soldati Usa, la più grande presenza in Medioriente. La Turchia - ma Haniyeh avrebbe contattato anche l'Oman - potrebbe quindi diventare la nuova casa di Hamas, oltre che il nuovo mediatore, nonostante i pessimi rapporti con Netanyahu.

recep tayyip erdogan ismail haniyeh 4 recep tayyip erdogan ismail haniyeh 4

 

In Turchia il gruppo ha già una sede, e qui vivono diversi suoi leader ai quali Erdogan ha anche concesso il passaporto turco. Non è mistero che al sultano, nel suo processo di islamizzazione, non dispiacerebbe il controllo del terzo luogo più sacro dell'Islam, la Spianata delle Moschee, per rinverdire i fasti dell'impero ottomano che a Gerusalemme regnò per quattro secoli. Erdogan lavora in questo senso da tempo.  […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”