IL 12 FEBBRAIO 2020 SUL TAVOLO DEL GOVERNO ARRIVA UNO STUDIO CHE PREVEDE FINO A 60 MILA MORTI PER IL CORONAVIRUS. QUALCUNO ALLORA SA SPIEGARCI PERCHÉ TRE GIORNI DOPO ABBIAMO MANDATO ALLA CINA 18 TONNELLATE DI MATERIALE SANITARIO? COSA HANNO FATTO CONTE E SPERANZA FINO AL 9 MARZO, GIORNO IN CUI È INIZIATO IL LOCKDOWN, PER PREPARARE IL SISTEMA SANITARIO AL PROBABILE ARRIVO DEL VIRUS IN ITALIA? ABBIAMO COMPRATO MASCHERINE, TAMPONI, PREDISPOSTO PROTOCOLLI DI PROTEZIONE DEL PERSONALE SANITARIO, PREPARATO UN PIANO PANDEMICO? – IL DOCUMENTO SECRETATO E OTTENUTO DA "REPUBBLICA"

Condividi questo articolo


 

 

Conte Speranza Conte Speranza

Estratto dell’articolo di Riccardo Luna per “la Repubblica”

 

Il 12 febbraio 2020 era il primo giorno in cui abbiamo iniziato a chiamare Covid-19 la malattia portata dal nuovo coronavirus. (…) E alle nove era in programma una importante riunione del Comitato tecnico scientifico il cui contenuto è rimasto segreto fino ad oggi. L'oggetto della riunione era la presentazione di uno studio intitolato "Scenari di diffusione di 2019-NCOV in Italia e impatto sul servizio sanitario, in caso il virus non possa essere contenuto localmente".

STEFANO MERLER STEFANO MERLER

 

Era stato realizzato da un ricercatore della Fondazione Bruno Kessler: Stefano Merler, 51 anni, più della metà dei quali passati a costruire modelli matematici applicati alle pandemie. (…)

 

Lo studio si basa sui (pochi) dati arrivati fino a quel momento dalla Cina per provare a capire cosa sarebbe potuto accadere in Italia: l'impatto sul sistema sanitario (va ricordato che l'11 febbraio nel mondo c'erano 43 mila casi, di cui 42 mila solo in Cina).

 

(…) I due scenari considerati plausibili dallo studio sono R0 1.3 e 1.7. Questi i risultati. Nel primo scenario i casi di contagio in Italia sarebbero stati circa un milione, nel secondo, addirittura due. Di questi, i casi gravi che richiedono cure, oscillano fra 200 e 400 mila.

 

ITALIA Coronavirus ITALIA Coronavirus

Il fabbisogno totale di letti in terapia intensiva varia fra 60 e 120 mila. Nel momento di picco, dice lo studio, ci sarebbe stato un gap di circa 10 mila letti nei reparti di terapia intensiva. Il documento non fa stime sul numero di morti, ma secondo Merler, il tasso di letalità registrato in quel momento in Cina applicato agli scenari italiani, produceva un risultato spaventoso: fra 35 e 60 mila morti da Covid-19.

 

(…) Questo documento è stato ottenuto dopo oltre cento giorni di intenso dialogo con il ministero della Salute e la Protezione Civile.

andrea urbani andrea urbani

 

Dialogo iniziato il 13 maggio quando abbiamo richiesto un "accesso agli atti" in seguito a una intervista del direttore generale della programmazione del ministero della Salute Andrea Urbani (…)

 

(…) La richiesta del 13 maggio - tecnicamente, un Foia - dal ministero è stata dirottata sulla Protezione civile che a stretto giro ha replicato di non avere il documento che cercavamo.

 

giuseppe conte roberto speranza giuseppe conte roberto speranza

A seguito di una ulteriore richiesta di riesame, il 20 agosto il ministero della Salute ci ha fornito alcune informazioni importanti: 1) non è vero che a gennaio c'era un piano pandemico, si tratta di un travisamento giornalistico; 2) Urbani faceva riferimento agli scenari sulla diffusione del virus presentati dalla Fondazione Bruno Kessler al Comitato tecnico scientifico il 12 febbraio; 3) quello studio era effettivamente riservato, se non segreto, visto che la nota di Salute concludeva dicendo che «la presidenza del Consiglio sta valutando se e come renderlo pubblico».

ANGELO BORRELLI CON LA MASCHERINA ANGELO BORRELLI CON LA MASCHERINA

 

Morale: chiedete alla Protezione civile, presso cui è insediato il CTS. Il 28 agosto dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli è arrivato il documento. Che però non chiude la vicenda, ma semmai apre la strada a nuove domande. Ne citiamo alcune.

 

Italia coronavirus Italia coronavirus

Perché, sapendo che il virus sarebbe arrivato in Italia e che era probabile che contagiasse oltre un milione di persone facendo 35 mila morti, tre giorni dopo abbiamo mandato alla Cina 18 tonnellate di materiale di protezione sanitaria? E poi. Cosa abbiamo fatto dal 12 febbraio al 9 marzo, quando inizia il lockdown, per preparare il sistema sanitario al probabile arrivo del virus? Abbiamo comprato mascherine, tamponi, predisposto protocolli di protezione del personale sanitario?

PIERPAOLO SILERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO SPERANZA PIERPAOLO SILERI GIUSEPPE CONTE ROBERTO SPERANZA

 

Infine. Quando e come si è arrivati ad avere finalmente un vero piano pandemico? A metà marzo, dicono alcuni. È possibile conoscerne il contenuto? (…)

Italia, seriate - coronavirus Italia, seriate - coronavirus

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...