LA FIGLIA DI UN BOSS DELLA CAMORRA CANTA AL CONCERTO DI GIGI D'ALESSIO CONTRO I CLAN A CASERTA - NEL 2013 PARTECIPÒ ALLA FINALE DI “TI LASCIO UNA CANZONE” - IL PAPÀ NASCONDEVA 300 CELLULARI PER IL TELEVOTO NEL COVO DOVE TRASCORREVA LA LATITANZA

Lo show si è tenuto davanti a 60mila spettatori, all'ingresso della Reggia di Caserta, il 6 settembre scorso per denunciare lo strapotere della malavita che fa i milioni col traffico di rifiuti…

Condividi questo articolo

GIGI DALESSIO resize GIGI DALESSIO resize

VANIA FERRARA CANTA AL CONCERTO DI GIGI DALESSIO

 

 

Simone Di Meo per Dagospia

 

Che ci faceva la figlia di un boss della camorra sul palco del concerto di Gigi D'Alessio contro la Terra dei fuochi e, quindi, contro la camorra? Lei si chiama Vania Ferrara, è una brava e spigliata adolescente con la passione per la musica. Nel 2013, ha partecipato a Rai1 alla trasmissione “Ti lascio una canzone” sfiorando addirittura la finalissima.

 

Qualche mese dopo l'esordio in tv, il papà – don Domenico Ferrara, soprannominato 'o muccuso (il moccioso) – viene arrestato dai carabinieri. Nel covo dove trascorre la latitanza, i militari trovano 320 cellulari con tanto di scheda e credito telefonico. Qualcuno ipotizza che siano stati utilizzati per indirizzare il televoto a favore della ragazza, in occasione delle eliminatorie.

vania ferrara canta al concerto di gigi dalessio vania ferrara canta al concerto di gigi dalessio

 

“Si tratta di un numero esagerato, che non si giustifica con il fatto che Ferrara fosse irreperibile e non voleva farsi intercettare – disse all'epoca il capitano Francesco Piroddi, responsabile della Compagnia di Giugliano (Napoli) - e neanche con un uso allargato agli uomini del clan.

 

Certo - aggiunse l'ufficiale - il clan Ferrara-Cacciapuoti esercita un proprio controllo sociale a Villaricca, comune dell'area nord di Napoli, e non c'era bisogno di distribuire cellulari per chiedere un voto in tv, ma il possesso di un numero così alto di cellulari, riconducibili al boss e ai suoi uomini non trova spiegazione”.

VANIA FERRARA VANIA FERRARA

Fin qui, la storia.

 

Il 6 settembre scorso, Vania (che nulla c'entra coi traffici del padre, per carità) si esibisce a Caserta in occasione dello show organizzato da D'Alessio per lanciare un messaggio di speranza alle popolazioni che vivono laddove colonne di fumo dense e nere e lingue di fuoco distruggono l'ambiente e avvelenano l'aria. Villaricca – ironia della sorte – è uno dei Comuni maggiormente a rischio, sotto questo punto di vista. I clan dell'area nord del capoluogo fanno affari coi rifiuti senza preoccuparsi più di tanto dei danni enormi che provocano alla natura e ai cittadini.

 

VANIA FERRARA VANIA FERRARA

Chissà se Gigi D'Alessio si è accorto di chi ha invitato sul palco (presentandola solo col nome, senza cognome). Probabilmente, no: non se n'è accorto. Ma non è una colpa, e soprattutto non è una colpa di Vania trovarsi in quella famiglia. Anzi, ora che Gigi lo sa può rivendicare il fatto che la figlia di un boss riconosce lo schifo che fanno i camorristi. E per questo canta la vittoria del bene sul male. Magari, la prossima volta spiega un po' meglio chi è la sua giovane ospite.

Domenico Ferrara - Vania Ferrara Domenico Ferrara - Vania Ferrara

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L'ITALIA AL SICURO DAL TERRORISMO? NON PIÙ COME PRIMA: GLI STATI UNITI CI HANNO APPENA MESSO AL LIVELLO 2, INSIEME A REGNO UNITO, FRANCIA E GERMANIA, CHE DI ATTENTATI NE HANNO AVUTI PARECCHI - L'AVVERTIMENTO: ''ATTENZIONE A LOCALITÀ TURISTICHE, MEZZI DI TRASPORTO, MERCATI O CENTRI COMMERCIALI, STRUTTURE DEL GOVERNO LOCALE, HOTEL, CLUB, RISTORANTI, LUOGHI DI CULTO, PARCHI, EVENTI SPORTIVI E CULTURALI, ISTITUZIONI EDUCATIVE, AEROPORTI E ALTRE AREE PUBBLICHE''. PRATICAMENTE RESTANO I TOMBINI

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute