FINCHE' MORTE NON CI SEPARI - L'EX PRIMO MINISTRO OLANDESE DRIES VAN AGT, 93 ANNI, HA SCELTO L'EUTANASIA DI COPPIA CON LA MOGLIE (CHE AVEVA LA STESSA ETA') - I DUE STAVANO MALE DA TEMPO E HANNO SCELTO DI FARLA FINITA PER PASSARE GLI ULTIMI GIORNI A SOFFRIRE - IN OLANDA QUESTO FENOMENO È IN CRESCITA: NEL 2022 58 PERSONE HANNO DECISO DI METTERE FINE ALLA PROPRIA VITA INSIEME AL PROPRIO PARTNER...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marta Serafini per il "Corriere della Sera"

 

Dries van Agt CON LA MOGLIE Dries van Agt CON LA MOGLIE

La chiamano eutanasia di coppia. Gli ultimi a praticarla, l’ex primo ministro olandese, il cattolico Dries van Agt, morto mano nella mano con sua moglie Eugenie, lunedì scorso. Avevano entrambi 93 anni. Sebbene sia ancora rara, l’eutanasia di coppia nel Paesi Bassi è in crescita: notata per la prima volta nel 2020, con 22 casi, i numeri sono cresciuti fino a 32 l’anno successivo e 58 nel 2022.

 

Van Agt — premier dal 1977 al 1982 e primo leader del partito d’Appello Cristiano-Democratico — era cattolico, sposato e fedele da 70 anni alla moglie, che ha sempre chiamato «la mia ragazza». E, nonostante la sua fede gli proibisse la scelta, ha deciso di percorrere questa strada. […] I due erano da tempo in condizioni di salute precarie.

 

suicidio assistito 6 suicidio assistito 6

Nel 2019, Van Agt aveva avuto un’emorragia cerebrale mentre teneva un discorso a un evento di commemorazione dei palestinesi e non si era più ripreso del tutto. Cristiano-democratico, Van Agt è diventato sempre più progressista dopo aver abbandonato la politica, lasciando infine anche il suo partito nel 2017.

 

suicidio assistito 7 suicidio assistito 7

Il premier olandese Mark Rutte ha definito Van Agt il suo «bis-bisnonno in carica»: «Con il suo linguaggio fiorito e unico, le sue convinzioni chiare e la sua presentazione sorprendente, Dries van Agt ha dato colore e sostanza alla politica olandese in un momento di polarizzazione e rinnovamento del partito» ha scritto Rutte in una nota.

Van Agt era noto anche per la sua passione per il ciclismo.

 

suicidio assistito 4 suicidio assistito 4

Nel 2019, una brutta caduta lo ha costretto ad abbandonare questo hobby. Elke Swart, portavoce dell’Expertisecentrum Euthanasie, che esaudisce il desiderio di eutanasia di un migliaio di persone all’anno nei Paesi Bassi, spiega come ogni richiesta di morte assistita di coppia venga testata e debba soddisfare più requisiti. «L’interesse per l’eutanasia a due sta crescendo, ma è ancora rara», ha detto Swart al Guardian.  […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...