LA GUERRA TRA PECHINO E WASHINGTON SI FA A COLPI DI APP - LA CINA ORDINA AD APPLE LA RIMOZIONE DI WHATSAPP E THREADS DAL SUO APP STORE PER RAGIONI DI SICUREZZA NAZIONALE – LA MOSSA ARRIVA MENTRE IL CONGRESSO USA SI PREPARA A FARE UN ULTERIORE PASSO IN AVANTI CONTRO TIKTOK – IN REALTÀ I SOCIAL STRANIERI SONO GIÀ INACCESSIBILI IN CINA SE NON SI USA UNA VPN, MA ORA SPARISCE LA POSSIBILITÀ DI SCARICARE LE APP...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Gianluca Modolo per “la Repubblica”

 

XI JINPING - ECONOMIA CINESE XI JINPING - ECONOMIA CINESE

Tempismo “perfetto”. Mentre a Washington nel weekend la Camera Usa si prepara a fare un ulteriore passo in avanti su TikTok (vendita da parte della sua società madre, la cinese ByteDance, o in caso contrario bando dell’applicazione negli Stati Uniti), Pechino ordina a Apple la rimozione di WhatsApp e Threads - di proprietà di Meta - dal suo App Store in Cina per ragioni di sicurezza nazionale.

 

Dunque una nuova escalation della guerra tecnologica tra Stati Uniti e Cina. «Siamo tenuti a rispettare le leggi dei Paesi in cui operiamo, anche se non siamo d’accordo», afferma la società di Cupertino. Ad essere rimosse sono state anche le piattaforme di messaggistica Signal e Telegram. I social stranieri sono in realtà già inaccessibili in Cina se non si usa una Vpn per aggirare la censura della Grande Muraglia Digitale. Ora sparisce la possibilità di scaricarle dall’App Store cinese. Dal 2017 a oggi, secondo i dati di Appfigures, WhatsApp è stato scaricato 15 milioni di volte sugli iPhone in Cina.

FACEBOOK INSTAGRAM WHATSAPP DOWN FACEBOOK INSTAGRAM WHATSAPP DOWN

 

Alla stampa americana una fonte anonima ha confidato che la decisione è arrivata perché sono stati trovati dei contenuti sul presidente cinese, Xi Jinping, che erano offensivi e violavano le leggi sulla sicurezza informatica. Apple ha negato che questa sia la ragione della decisione. […] Apple rischia di dover ora rimuovere un numero maggiore di app straniere e nazionali in Cina, a seguito di quell’ordinanza del governo dello scorso anno che impone agli sviluppatori di app mobili di registrare le applicazioni presso le autorità di regolamentazione locali.

DISCORSO DI FINE ANNO DI XI JINPING DISCORSO DI FINE ANNO DI XI JINPING

 

Per la Mela, la Cina resta un mercato cruciale e complicato: il più grande dopo gli Stati Uniti. Per anni Apple si è piegata alle richieste di Pechino bloccando una serie di app, accesso a giornali, Vpn e servizi di messaggistica criptati. Gli affari in Cina hanno subito dei rallentamenti, però. Apple ha venduto quasi un quarto degli iPhone in meno nelle prime sei settimane del 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023. A fine marzo, con grande fanfara, Tim Cook è volato a Shanghai per inaugurare un nuovo Apple Store.

tim cook in vietnam tim cook in vietnam

 

«Non c’è catena di approvvigionamento al mondo che sia più critica per noi della Cina », ha dichiarato. Per ribadire meglio il concetto, qualche giorno più tardi a Pechino si è lanciato in una dichiarazione spassionata: «Amo la Cina e il suo popolo». La Cina, però, non ama così tanto le app che si possono scaricare dal suo store. […]

xi jinping xi jinping iphone 15 1 iphone 15 1 xi jinping al vertice brics di johannesburg xi jinping al vertice brics di johannesburg whatsapp whatsapp XI JINPING - ECONOMIA CINESE - THE ECONOMIST XI JINPING - ECONOMIA CINESE - THE ECONOMIST

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”