INTORNO A PUTIN C'E' SEMPRE QUALCUNO CHE MUORE – UN AGENTE DEL SERVIZIO DI SICUREZZA DI "ZAR VLAD" SI È SUICIDATO AL CREMLINO SPARANDOSI UN COLPO DI PISTOLA: SECONDO I COLLEGHI IL GESTO ESTREMO SAREBBE LEGATO ALLE MASSACRANTI CONDIZIONI DI LAVORO. “I DIPENDENTI SPESSO DEVONO LAVORARE NON SOLO NEI PROPRI TURNI, MA ANCHE IN QUELLI DEI COLLEGHI CHE SE NE SONO ANDATI. QUESTE ORE DI STRAORDINARIO NON SONO RETRIBUITE…”

-

Condividi questo articolo

Da "Ansa"

 

vladimir putin 1 vladimir putin 1

Un agente dell'FSO, il servizio di sicurezza federale che si occupa anche della sicurezza del presidente Vladimir Putin, si è suicidato all'interno delle mura del Cremlino sparandosi un colpo di pistola. Lo riporta il canale Telegram Baza, di norma affidabile in quanto ben connesso con i servizi.

 

Secondo Baza si tratterebbe dell'agente Mikhail Zakharov, in forza presso il quinto dipartimento del servizio, incaricato della protezione del presidente. L'agenzia di stampa statale Tass ha confermato l'incidente ma ha smentito che l'agente facesse parte del gruppo di guardie del corpo di Putin. Secondo i colleghi di Zakharov il gesto estremo sarebbe legato alle massacranti condizioni di lavoro.

cremlino cremlino

 

"I colleghi di Zakharov notano che la pratica del lavoro in regime straordinario è diventata più frequente a causa di una carenza critica di personale presso l'FSO", scrive Baza. "I dipendenti spesso devono lavorare non solo nei propri turni, ma anche in quelli dei colleghi che se ne sono andati.

vladimir putin al cremlino nel 2004 vladimir putin al cremlino nel 2004

 

Queste ore di straordinario non sono retribuite", continua. Baza sostiene anche che l'FSO abbia recentemente sospeso la politica di consentire il pensionamento anticipato ai membri che hanno accumulato un numero sufficiente di ore di straordinario, annullando così tutte le ore extra.

vladimir putin vladimir putin vladimir putin 4 vladimir putin 4 putin putin vladimir putin 3 vladimir putin 3 vladimir putin 2 vladimir putin 2 putin putin

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAMNATIO D'URSO! - ENNESIMA SPIA DELLA GUERRA TRA I DUE "PARTITI" MEDIASET: DE FILIPPI-SIGNORINI VS D'URSO - SU "CHI", COSTANZO LODA I PALINSESTI POMERIDIANI DI RAIUNO E CANALE5 CHE HANNO "SALVATO I POMERIGGI DEGLI ITALIANI IN LOCKDOWN" - UNA LUNGA LISTA DI ELOGI IN CUI NON TROVA NEANCHE UNO SPAZIETTO "BARBARIE" D'URSO, CHE TRONEGGIA OGNI GIORNO SUL  BISCIONE - CHISSA' SE DOPO AVERLO LETTO, IN PREDA A UN TRAVASO DI BILE, BARBARELLA SI E' AGGRAPPATA AL TELEFONO PER SFOGARSI CON I VERTICI MEDIASET…

politica

business

cronache

sport

MA NON E’ CHE MORATTI VUOLE RIPRENDERSI L’INTER? –  DIETRO "LA CORDATA DEI VIP" (DA COTTARELLI A BONOLIS, DA VALENTINO ROSSI A FIORELLO) CHE VORREBBE RIPORTARE IN AUGE IL PROGETTO "INTERSPAC", PER AFFIANCARE COME SOCI DI MINORANZA GLI ZHANG, C’È ANCHE L’EX PATRON? L'ASSIST DELL’EX PRESIDENTE RAI ZACCARIA ("CI PIACEREBBE AVERE CON NOI TRONCHETTI E MORATTI") VIENE RACCOLTO DAL PRESIDENTE DEL TRIPLETE: “UN'OPERAZIONE COMPLICATA MA ROMANTICA. SONO INTERISTA, QUINDI…”

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute