“ACCATTONE” È DURO A MORIRE – PARLA ANTONIO MANCINI, L'EX COMPONENTE DELLA BANDA DELLA MAGLIANA CHE, PER ALCUNE ORE, È STATO DATO PER MORTO PER ERRORE, “SCAMBIATO” PER IL QUASI OMONIMO LUCIANO MANCINI: “MEGLIO COSÌ, SMENTIRE UNA FAKE NEWS DA VIVO. UN'AMICA MI HA DETTO ‘HAI FATTO LA PROVA PER VEDERE CHI TI SEGUE AL FUNERALE?’” – IL 75ENNE, DIVENTATO COLLABORATORE DI GIUSTIZIA NEGLI ANNI ’90, STA SCRIVENDO UN LIBRO SUI COMPONENTI DELLA BANDA: “ORA FACCIO PARLARE I MORTI”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Antonio Bene per “Il Messaggero - cronaca di Roma”

 

antonio mancini - accattone antonio mancini - accattone

È vivo e sta bene Antonio Mancini, l'ex componente della banda della Magliana che vive a Jesi da 20 anni e che per qualche ora è stato protagonista involontario di una fuga di notizie su una sua presunta morte, che in realtà riguardava un suo quasi omonimo.

«Stanotte non ho chiuso occhio - racconta mentre prepara il caffè - in casa è stato un viavai di messaggi, ai quali ho risposto da vivo e vegeto. Meglio così, smentire una fake news da vivo», sorride. [...]

 

«Io ho dieci anni di meno, 75», tiene a precisare. «Ho due figlie e quattro nipoti, potete immaginare le lacrime e i pianti. Li ho tranquillizzati, "prima di piangere aspettate, domandate!". Un'amica giornalista mi ha chiamato: "Hai fatto la prova per vedere chi ti segue al funerale?"». A proposito. «Sto scrivendo un libro su chi è davvero deceduto racconta -, di solito sono i giornalisti che dopo la morte di un personaggio conosciuto ne raccontano la vita, io invece la sto scrivendo facendo parlare i morti». [...]

 

antonio mancini - accattone antonio mancini - accattone

Ancora un sorriso: «Quando ho appreso la notizia della mia scomparsa ho pensato "qui sono morto anche io e nessuno me lo ha detto!", per sconfiggere la paura della morte bisogna ironizzare». Scherzo del destino, e di una parziale omonimia. A passare a miglior vita non è stato Antonio ma Luciano Mancini, anche lui ex della banda della Magliana, scomparso il 2 gennaio a 85 anni.

 

Antonio Mancini, protagonista della malavita romana tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '90, nato e vissuto a Roma nel quartiere San Basilio, nei primi anni '80 entra tra i componenti della famigerata organizzazione criminale che voleva conquistare Roma a colpi di sequestri di persona, gioco d'azzardo, scommesse ippiche, rapine e traffico di droga. Nel 1994 Antonio diventa collaboratore di giustizia.

antonio mancini - accattone antonio mancini - accattone

 

«Quando fai una scelta di vita è inutile nascondersi», riflette. Dopo aver pagato il debito con la giustizia, la svolta, perché «cambiare si può, basta volerlo davvero». La nuova vita è a Jesi da più di 20 anni. «Devo tutto a un ispettore di polizia, Angelo Sebastianelli, al presidente dell'Anffas, Antonio Massacci, e al Comune di Jesi, mi hanno offerto la possibilità di reinserirmi nella società. Ho fatto tutta la mia galera, il carcere duro, poi per 10 anni ho avuto la possibilità di restituire qualcosa».

 

Si è riscattato con un lavoro da assistente nel trasporto dei disabili, grazie alle famiglie che dopo la diffidenza iniziale lo hanno accolto. «Nel pulmino ogni giorno era festa. Mi sono sentito io disabile, che avevo ferite da curare». Chiude con ironia . «La notizia della mia morte a 85 anni mi ha allungato la vita. Ne ho almeno altri 10 assicurati». 

antonio mancini 8 antonio mancini 8 antonio mancini 10 antonio mancini 10 antonio mancini 3 antonio mancini 3 antonio mancini 12 antonio mancini 12 antonio mancini 5 antonio mancini 5 antonio mancini 4 antonio mancini 4 antonio mancini 6 antonio mancini 6 antonio mancini - accattone antonio mancini - accattone

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – INDOMABILE URSULA: SPOSATA DAL 1986 CON IL MEDICO HEIKO VON DER LEYEN, FRA IL 1988 E IL 1999 HANNO SFORNATO SETTE FIGLI (TRA CUI DUE GEMELLE), PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, A 66 ANNI LA COCCA PREFERITA DI ANGELA MERKEL È STATA INCORONATA DA FORBES LA DONNA PIÙ POTENTE DEL MONDO. BENE, A BRUXELLES SI MORMORA CHE IL FASCINO BIONDO E GELIDO DI URSULA AVREBBE INCANTATO IL 53ENNE EURODEPUTATO TEDESCO DAVID MCALLISTER, SUO COMPAGNO DI PARTITO (CDU) E PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI ESTERI DEL PARLAMENTO EUROPEO…

FLASH! - CAMBI NELLA GUARDIA DI FINANZA: NINO MAGGIORE, ATTUALE COMANDANTE DEL COMANDO AEREO-NAVALE, SARÀ IL NUOVO COMANDANTE INTERREGIONALE SUD CON SEDE PALERMO.  AL SUO POSTO, ARRIVA FRANCESCO GRECO - PIERO BURLA DELLA GDF, CAPO DELL’UFFICIO CENTRALE PER LA SEGRETEZZA DEL DIS, È IN POLE POSITION PER FARE IL VICE DIRETTORE DEL DIS AL POSTO DI BRUNO VALENSISE. GLI ALTRI COMPETITOR SONO GIBILARO O CUNEO, SPONSORIZZATI DA ANDREA DE GENNARO. MENTRE BURLA È PORTATO DALLA BELLONI…

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO