“I DATI SUL CONTAGIO POTEVANO ESSERE PEGGIORI" - GIORGIO PARISI, PRESIDENTE DELL’ACCADEMIA DEI LINCEI: "L'EPIDEMIA IN ITALIA SI TROVA ALLO STESSO PUNTO IN CUI IN CINA, 37 GIORNI FA, LA CURVA ESPONENZIALE HA COMINCIATO A RALLENTARE. MA LE MISURE GOVERNATIVE ITALIANE SONO ALL'ACQUA DI ROSE RISPETTO A QUELLE CINESI. SAREBBERO STATE NECESSARIE MISURE MOLTO PIÙ DRASTICHE…”

-

Condividi questo articolo

Alessandra Arachi per il “Corriere della Sera”

 

Giorgio Parisi ha guardato i dati di oggi dell' epidemia?

«Potevano essere peggio».

 

Davvero? Detto da lei, presidente dei Lincei, nonché fisico tra i massimi esperti di statistica in Italia, possiamo sperare?

Giorgio Parisi Giorgio Parisi

«Guardando i dati da vicino non vedo un' evidenza significativa per una deviazione dalla crescita esponenziale».

 

Possiamo tradurre?

«La curva di distribuzione dei contagi di questa epidemia è compatibile con un'esponenziale, e con i dati di oggi non è possibile rilevare una deviazione da questa funzione».

 

Però ha detto che i dati di oggi avrebbero potuto essere peggiori?

«Si, è così. Tuttavia non bastano per poter affermare che la curva esponenziale dei contagi sta rallentando. Non si possono dare notizie altalenanti all' opinione pubblica».

 

coronavirus coronavirus

Che velocità ha questa curva esponenziale?

«Ha una velocità di raddoppio di 2,5 giorni».

 

Ovvero?

«I contagi raddoppiano ogni 2,5 giorni. Quadruplicano ogni cinque».

 

È molto veloce? Di questo passo dove arriviamo?

«Non ragioniamo in linea teorica, a lungo termine. Prima o poi la crescita rallenterà. E mi auguro con tutto il cuore di vedere tra qualche giorno deviazioni significative».

 

E a breve termine?

«Guardando la curva dei malati in terapia intensiva e applicando la velocità di raddoppio...».

GIORGIO PARISI GIORGIO PARISI

 

Cosa otteniamo?

«Stiamo per esaurire tutti i posti della terapia intensiva».

 

Ha qualche segnale per immaginare un rallentamento della curva esponenziale?

«Confido nelle misure di contenimento che sono state prese. E poi l' epidemia si trova allo stesso punto in cui in Cina, 37 giorni fa, la curva esponenziale ha cominciato a rallentare».

 

Ci fa sperare il parallelo?

coronavirus chiuso il pronto soccorso di lodi coronavirus chiuso il pronto soccorso di lodi

«No. Le misure governative italiane sono all'acqua di rose rispetto a quelle cinesi. Sarebbero state necessarie misure molto più drastiche, ma per motivi che trovo irragionevoli si esita e si perde tempo».

 

È stato bene chiudere le scuole?

«Sì, ma anche qui avremmo dovuto fare come in Cina e obbligare un genitore a rimanere a casa con i figli piccoli. Altrimenti il carico va per lo più sui nonni, che sono i più contagiabili e sono loro che si muovono per raggiungere i nipoti, non viceversa».

 

Ma la funzione esponenziale è l'unica curva di distribuzione di un'epidemia?

coronavirus in aeroporto coronavirus in aeroporto

«No no, affatto».

 

È la più «cattiva»?

«Sì, poi dipende dalla velocità di raddoppio».

 

E perché a noi è toccata in sorte un' esponenziale così veloce? È forse colpa del «paziente uno», il trentottenne di Codogno che non è stato fermo un attimo?

«Non è più veloce di quella degli altri Paesi. Il "paziente uno" non è il primo, con un' analisi ad albero filogenetico del virus si è stimato che l'epidemia in Italia è cominciata tra il 3 e il 21 gennaio».

 

E non ce ne siamo accorti?

«Il 9 gennaio ci arrivavano vaghe notizie di contagi nel mercato del pesce di Wuhan. Chi ci poteva pensare?».

 

Condividi questo articolo

media e tv

LA PESTE NUOVA – L’OMAGGIO “EROICOMICO” ALLA “PESTE” DI ALBERT CAMUS DI FULVIO ABBATE È PIÙ ATTUALE CHE MAI: IL PROTAGONISTA DEL SUO ULTIMO LIBRO “LA PESTE NUOVA” È UN INVENTORE DI BARZELLETTE CHE SI MUOVE IN UNA CITTÀ SOSPESA DOVE IMPERVERSA UN VIRUS SCONOSCIUTO. IL CALDO OPPRIMENTE SI MESCOLA AL TAPPETO SONORO DELLE SIRENE DELLE AMBULANZE E L’ANDIRIVIENI DELLE CAMIONETTE DEL GENIO MILITARE – IN QUESTO SCENARIO IL PROTAGONISTA FINISCE PER ABBANDONARSI AL DISINCANTO…

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute