“JESOLO? UNA POZZANGHERA”, LA FRASE DI DE LUCA DA CROZZA SULLE PRESENZE TURISTICHE IN ITALIA FA IMPAZZIRE IL PRESIDENTE DEL VENETO ZAIA – LA REPLICA: “CARO VINCE’, CCÀ NISCIUNO È FESSO. SECONDO TE 32 MILIONI DI ITALIANI E STRANIERI CHE SCELGONO IL SOLE E IL MARE DI JESOLO E DEL VENETO E IL VERDE DI CAVALLINO SONO FESSI...? DA NOI PULIZIA, SANITÀ E ACCOGLIENZA”

-

Condividi questo articolo

Da corriere.it

 

VINCENZO DE LUCA CON LA CHITARRA VINCENZO DE LUCA CON LA CHITARRA

«Jesolo? Una pozzanghera». La frase è stata pronunciata dal governatore della campania Vincenzo De Luca e come era inevitabile ha suscitato reazioni contrariate in veneto dove la località balneare della Laguna è una delle più frequentate dai turisti. De Luca è apparso alla puntata di «Fratelli di Crozza» sul canale televisivo Nove commentando le statistiche dell’Istat sulle presente turistiche in Italia : «La prima è Roma - dice il presidente della giunta campana - le seconda è Milano , poi Venezia e Firenze. Subito dopo abbiamo Cavallino e Jesolo: sembra una pozzanghera».

 

Il pari grado in Veneto di De Luca, il governatore leghista Luca Zaia non ha fatto passare sotto silenzio l’apprezzamento: «Caro Vince’, Ccà nisciuno è fesso. Secondo te 32 milioni di italiani e stranieri che scelgono il sole e il mare di Jesolo e del Veneto e il verde di Cavallino sono fessi...? Pulizia. Sanità. Accoglienza sono i nostri plus».

zaia zaia

 

Il tono ironico ma la sostanza del discorso chiara: se le spiagge veneziane hanno un successo di queste proporzioni tanto pozzanghere non devono essere. Non gradisce l’uscita neanche Alberto Maschio, presidente degli albergatori di Jesolo: « Il Veneto e i veneti sono come la Juve: siccome vinciamo sempre, stiamo anticipatici. Il fatto che scomodiamo così tanti personaggi noti, magari significa che Jesolo è veramente forte e ci temono. A volte sembrano solo tentativi di avere visibilità».

jesolo spiaggia jesolo spiaggia VIGNETTA BENNY - LUCA ZAIA VIGNETTA BENNY - LUCA ZAIA luca zaia luca zaia zaia cortina 2026 zaia cortina 2026 zaia zaia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME CI HA FREGATO MARCHIONNE – RICCARDO RUGGERI ALZA IL SIPARIO SUGLI ULTIMI ANNI DEL GRUPPO FIAT, QUELLI DELLA GESTIONE MARCHIONNE E DELL’OPERAZIONE CHRYSLER: “DETROIT È RIMASTA UNA DELLE CAPITALI DELL’AUTO MONDIALE, TORINO È DIVENTATA CITTÀ DELLA CULTURA. L’ITALIA NON HA PIÙ UN’INDUSTRIA DELL’AUTO, È COME LA SPAGNA” – LE MAGIE DI “MARPIONNE”, CON I FINTI PIANI INDUSTRIALI E LE “FAKE TRUTH”, E IL CAMBIO DI STRATEGIA INIZIATO CON IL TENTATO ACCORDO CON RENAULT

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute