“LA SITUAZIONE DELLA MARMOLADA SI CONOSCEVA, MA QUESTO È UN EVENTO IMPREVEDIBILE” - IL GLACIOLOGO MAURO VAROTTO: “LE TEMPERATURE ESTIVE TROPPO ELEVATE IN TUTTA LA CATENA MONTUOSA, VETTA COMPRESA, CHE RIMANGONO SOPRA LO ZERO ININTERROTTAMENTE PER 24 ORE, PROVOCANDO LA FUSIONE DEL GHIACCIO. DODICI GRADI DURANTE IL GIORNO, E NON MENO DI QUATTRO LA NOTTE, DETERMINANO QUESTE SITUAZIONI. C'È ANCHE IL PROBLEMA DELLA POCA NEVE CHE È CADUTA. BISOGNA RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Nicoletta Cozza per “il Messaggero”

 

MARMOLADA - IL CROLLO VISTO DAL RIFUGIO MARMOLADA - IL CROLLO VISTO DAL RIFUGIO

[…] Mauro Varotto, docente al Dipartimento di Scienze Storiche e Geografiche dell'Università di Padova e operatore sulla Marmolada per il Comitato Glaciologico italiano, da 17 anni studia questa evoluzione negativa, culminata con il disastro di ieri.

 

Professore, una tragedia che si poteva evitare?

«La situazione della Marmolada si conosceva, ma questo è un evento imprevedibile. […] Si è trattato della caduta di un blocco che era sospeso sulla roccia e in forte pendenza».

 

MARMOLADA - IL CROLLO VISTO DAL RIFUGIO MARMOLADA - IL CROLLO VISTO DAL RIFUGIO

Qual è stato il motivo che ha determinato questo fenomeno estremo?

«Le temperature estive troppo elevate in tutta la catena montuosa, vetta compresa, che rimangono sopra lo zero ininterrottamente per 24 ore, provocando la fusione del ghiaccio. Dodici gradi durante il giorno, e non meno di quattro la notte, determinano queste situazioni, con la massa glaciale che si stacca dal substrato roccioso e diventa instabile, come si è verificato ieri. Ci sono dei punti, che possiamo definire pendenti, maggiormente esposti ai crolli e che possono staccarsi da un momento all'altro».

la dinamica del crollo sulla marmolada la dinamica del crollo sulla marmolada

 

Che cosa hanno riscontrato gli studi più recenti?

«Che c'è anche il problema della poca neve che è caduta e pertanto, anche quando fa freddo, non ci sono le condizioni sufficienti per preservare il ghiaccio. […]».

 

Allora, che cosa si può fare?

«Ridurre le emissioni di co2 […]».

 

In questo caso chi è il paziente?

«Nella fattispecie è la terra che ha la febbre e necessita di terapie urgenti. […]». […]

MAURO VAROTTO MAURO VAROTTO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

“FACILE SOGNARE” CON L'ARTE: A MILANO LO "SPAZIO INCONTRO" PER I BAMBINI IN DIFFICOLTÀ (TRA CUI I FIGLI DELLE FAMIGLIE UCRAINE). ALLA SERATA DI PRESENTAZIONE AVVISTATE TRA SPRITZ E SORRISONI BARBARIE D’URSO, MARTINA COLOMBARI, LA REDIVIVA NATASHA STEFANENKO, VICTORIA CABELLO CHE RECENTEMENTE HA CONFESSATO DI VOLER LIMONARE PIER SILVIO BERLUSCONI E SYRIA IN VERSIONE DJ - L'INIZIATIVA PROMOSSA DA F"ACILE RISTRUTTURARE" IN COLLABORAZIONE CON LA ONLUS DI ANNA FOGLIETTA… - FOTO

viaggi

salute