IL MAGNATE AMERICANO DEI MEDIA BYRON ALLEN HA FATTO CAUSA A MCDONALD'S CHIEDENDO 10 MILIARDI DI DOLLARI. MOTIVO: IL COLOSSO DEL FAST FOOD AVREBBE DECISO DI NON FARE PUBBLICITA' SUI CANALI TV DI PROPRIETA' DI AFROAMERICANI. MCDONALD'S NEGA OGNI ACCUSA DI DISCRIMINAZIONE – DOPO AVER RESPINTO UN PRIMO RICORSO NEL 2021, UN GIUDICE CALIFORNIANO HA STABILITO CHE IL PROCESSO PUÒ ANDARE AVANTI...

-

Condividi questo articolo


Da www.repubblica.it

 

BYRON ALLEN CONTRO MCDONALDS BYRON ALLEN CONTRO MCDONALDS

Prende piede negli Stati Uniti una causa contro McDonald's in cui un magnate dei media afroamericani chiede al colosso dei fast food un risarcimento di 10 miliardi di dollari perché, secondo l'accusa, destina meno risorse agli spot pubblicitari sui canali afroamericani.

 

Dopo aver respinto un primo ricorso, depositato nel maggio 2021, un giudice californiano ha stabilito che il processo può andare avanti, accettando una versione modificata della causa a gennaio. Bocciata, per contro, la mozione di annullamento presentata da McDonald's.

 

BYRON ALLEN BYRON ALLEN

Il ricorrente, Byron Allen, imprenditore afroamericano, accusa il gigante dei fast food di rifiutarsi di trasmettere messaggi promozionali sui canali che possiede attraverso le sue società. Byron accusa inoltre McDonald's di aver messo in piedi un sistema che differenzia la spesa pubblicitaria per i canali di proprietà dei bianchi e quelli per i canali degli afroamericani (dove tra l'altro la pubblicità viene pagata meno).

 

MCDONALDS MCDONALDS

La difesa di McDonald's nega che alla base degli investimenti pubblicitari della catena vi sia discriminazione. "Le prove lo dimostreranno - ha detto l'avvocata di McDonald's. Loretta Lynch -, le accuse degli Entertainment Studios sono infondate". Secondo Byron però McDonald's ha speso circa 1,6 miliardi di dollari in spot televisivi negli Stati Uniti nel 2019, ma solo lo 0,31% è andato ai media controllati dagli afroamericani, anche se la comunità rappresenta circa il 40% dei clienti di fast food nel Paese.

BYRON ALLEN BYRON ALLEN panino mcdonalds panino mcdonalds patatine fritte mcdonalds patatine fritte mcdonalds patatine fritte mcdonalds patatine fritte mcdonalds patatine fritte mcdonalds patatine fritte mcdonalds PROTESTA CONTRO MCDONALDS PROTESTA CONTRO MCDONALDS

 

Condividi questo articolo

media e tv

“LE SUE INTERVISTE ILLUMINANO PIÙ LEI CHE L’INTERVISTATO” – LA STILETTATA DI SELVAGGIA LUCARELLI A FRANCESCA FAGNANI: “VUOLE VINCERE, NON CONOSCERE L’INTERVISTATO” – “MI SONO GIUSTIFICATA PIÙ VOLTE PER NON ESSERE ANDATA DA LEI CHE PER NON AVER BATTEZZATO MIO FIGLIO, NON HO BEN CAPITO PERCHÉ! COMINCIO A PENSARE CHE BELVE SIA UNA SPECIE DI LEVA OBBLIGATORIA. SONO OBIETTORE DI COSCIENZA!" - “SE È VISSUTO COME ATTO DI CORAGGIO, È UN PROBLEMA: VUOL DIRE CHE È PERCEPITA COME UN’IMBOSCATA. NON C’È ASCOLTO, MA...

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

business

cronache

GIANDAVIDE DE PAU HA AGITO CON “ESAGERATA VIOLENZA” – IL KILLER DI PRATI HA COLPITO LE DUE PROSTITUTE CINESI CON CINQUANTA COLTELLATE: NELLA FOGA, LE AVREBBE FERITE PIÙ VOLTE NEGLI STESSI PUNTI TANTO DA ALLARGARE I TAGLI E RENDERE COMPLICATO CAPIRE QUALE SIA L’ARMA DEL DELITTO (CHE ANCORA NON È STATA RITROVATA) – IL MISTERO DELL’INCIDENTE: L’UOMO AL VOLANTE DELLA SUA TOYOTA IQ, CHE SI È RIBALTATA VICINO AL POLICLINICO TOR VERGATA, NON ERA LUI. DOVE STAVA CORRENDO? E PERCHÉ SI È ALLONTANATO RIFIUTANDO LE CURE?

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute