MAMMA MIA, CHE ORRORE – UNA DONNA PARTORISCE IN CASA E AMMAZZA DI BOTTE LA FIGLIA APPENA NATA: È SUCCESSO AD ACILIA, NELLA PERIFERIA SUD DI ROMA – LA MADRE, UNA 30ENNE ITALIANA DI ORIGINE SVEDESE, HA PROVATO A DIFENDERSI DICENDO CHE LA PICCOLA ERA CADUTA, MA I SOCCORRITORI HANNO CAPITO SUBITO CHE NON ERA VERO. C’ERA SANGUE OVUNQUE E LA BAMBINA ERA…

-

Condividi questo articolo


 

 

Da www.leggo.it

NEONATO NEONATO

 

È morta la neonata ricoverata in gravi condizioni a poche ore dalla nascita avvenuta in casa ad Acilia, periferia sud di Roma. I medici avevano riscontrato ferite compatibili con un profondo trauma cranico. Per questa vicenda è stata fermata la madre, una donna di 30 anni italiana di origine svedese. Nei suoi confronti la Procura contestava il reato di tentato omicidio che però, a questo punto, diventerà di omicidio volontario.

 

ospedale bambino gesu' ospedale bambino gesu'

Quando i soccorsi sono arrivati hanno assistito alla scena choc: sangue ovunque e la piccola con addosso ferite profonde. «E' caduta», hanno provato a giustificarsi le due donne ma ai sanitari è bastato poco per capire che quei segni erano compatibili con delle percorsse ricevute. Sono state così allertate le forze dell'ordine. Sul posto, i carabinieri della Compagnia Ostia che indagano sul caso: la donna è ora in stato di fermo per tentato omicidio. Il piccolo è ricoverato in gravi condizioni al Bambino Gesù di Roma.

 

LA VICENDA

neonati neonati

È stata fermata per omicidio la madre di un bimba partorita in casa in un appartamento di Acilia, nella zona sud di Roma, sabato scorso. Secondo quanto si è appreso la neonata sarebbe arrivata in codice rosso in ospedale e presentava gravi ferite sul corpo ed è poi morta. Sulla vicenda indaga la Procura di Roma che ha disposto il fermo della donna, trentenne italiana di origini svedese, che è attualmente detenuta agli arresti domiciliari. Resta ancora da chiarire la dinamica dei fatti e i motivi delle ferite che sarebbero compatibili con delle percosse.

NEONATO NEONATO ospedale pediatrico bambin gesu' ospedale pediatrico bambin gesu'

 

Condividi questo articolo

media e tv

“NON FARÒ OMAGGI A RAFFAELLA CARRÀ. PER ME È ANCORA VIVA. AD AGOSTO ERO ALL'ARGENTARIO A CASA SUA A CUCINARE LA PIZZA” – AL VIA I SEI CONCERTI A CIRCO MASSIMO DI RENATO ZERO, DOVE SONO ATTESI OLTRE 100MILA SPETTATORI: “HO VOLUTO STRAFARE. IO NON SONO MAI STATO FAVOREVOLE A QUESTI GIGANTISMI. IN CERTI MOMENTI SAREMO IN CENTO SUL PALCO” – “SUONARE DURANTE LE ELEZIONI NON MI TURBA. PERCHÉ ANCHE IO SONO STATO VOTATO PER QUESTE SERATE AL CIRCO MASSIMO. IL PUBBLICO HA ESPRESSO LA PROPRIA PREFERENZA…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

LUCIO FOREVER – ARRIVA A ROMA LA MOSTRA ITINERANTE “LUCIO DALLA. ANCHE SE IL TEMPO PASSA” NEL DECENNALE DELLA SCOMPARSA DEL CANTAUTORE – ESPOSTI APPUNTI, DIARI, CAPPELLI, OCCHIALI, IL MITICO CLARINETTO, POSTER, DISCHI – ALLA PRESENTAZIONE CARLO VERDONE HA RICORDATO L’AMICIZIA NATA CON “BOROTALCO” E RENZO ARBORE HA RACCONTATO DI QUANDO, A 7 ANNI, HA FATTO DA BALIA  A DALLA: “SONO IL PIÙ ANTICO AMICO DI LUCIO. PER ME È STATO IL FIGLIO DELLA SIGNORA MELOTTI, LA MODISTA AMATA DA MIA MADRE...”

viaggi

salute