PADRI DI MERDA – A KARACHI, IN PAKISTAN, UN UOMO HA VERSATO DEL CHEROSENE ADDOSSO AL FIGLIO DI 12 ANNI E POI GLI HA DATO FUOCO PERCHÉ NON VOLEVA FARE I COMPITI MA ANDARE A GIOCARE CON L'AQUILONE. POI, INSIEME ALLA MAMMA DISPERATA, HA CERCATO DI SPEGNERE LE FIAMME – IL BAMBINO È MORTO IN OSPEDALE DOPO DUE GIORNI DI AGONIA. IL PADRE È STATO ARRESTATO

-

Condividi questo articolo


Da www.leggo.it

 

Shaheer Khan Shaheer Khan

Un papà è stato arrestato dopo aver bruciato vivo il figlio di 12 anni che non aveva fatto i compiti. Shaheer Khan, di Karachi in Pakistan, è morto per le ferite riportate due giorni dopo che suo padre Nazir gli aveva dato fuoco dopo avergli versato addosso del cherosene. Apparentemente l'atto crudele aveva lo scopo di spaventare il ragazzo facendogli fare il suo lavoro. La polizia pakistana ha rivelato che il ragazzino insisteva per uscire a far volare il suo aquilone invece di fare i compiti. Tuttavia, quando il padre furioso accese un fiammifero per completare la terrificante minaccia, l'olio prese luce.

 

Il 12enne è stato dato alle fiamme e le sue urla disperate hanno fatto sì che sua madre, Shazia, si precipitasse dentro e aiutasse suo marito a cercare di spegnere le fiamme gettando coperte sul figlio. Tragicamente, i loro sforzi sono falliti e il ragazzo è morto per le ferite riportate in ospedale. Aveva riportato gravi ustioni su tutto il corpo.

 

Nazir Khan Nazir Khan

Shazia ha ora annunciato che avvierà una causa contro suo marito, che è stato arrestato lunedì. L'ufficiale di polizia locale Salim Khan ha detto ai media pakistani che Nazir aveva chiesto a suo figlio di rispondere a domande sui suoi compiti scolastici. Dopo che il ragazzo ha dato "risposte insoddisfacenti", ha rovesciato il carburante sulla testa del bambino e ha acceso un fiammifero per spaventarlo, un atto che Nazir ha ammesso alla polizia.

 

L'incidente è avvenuto nella zona di Orangi Town a Karachi, che ha una popolazione di circa tre milioni di abitanti. È opinione diffusa che sia la più grande baraccopoli dell'Asia, distribuita su un'area equivalente a 4.500 piazzole di Wembley.

pakistan ambulanza pakistan ambulanza FUOCO FUOCO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

NON C'E “DOMANI” PER LA MELONI - NON C'E' SOLO IL BUBBONE SU COME DISINNESCARE SALVINI: SA CHE GLI ALLEATI AMERICANI NON VOGLIONO FILORUSSI NEL GOVERNO. FITTIPALDI SVELA IL CASO CROSETTO: L'IRA DELLA DUCETTA PER LA SUA INTERVISTA A "AVVENIRE", E PURE IL FATTO CHE, COME PRESIDENTE DEGLI ARMIERI DELL’AIAD, POSSA PASSARE PER UNA SORTA DI “MARCO CARRAI DELLA MELONI”. CREANDOLE PROBLEMI DI POSSIBILI CONFLITTI D’INTERESSI - ANCORA: IN SENATO LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA È DI SOLI 11 SENATORI, E DUNQUE POCHISSIMI DI LORO POTRANNO FARE I MINISTRI O I SOTTOSEGRETARI, PERCHÉ POI IN AULA O NELLE COMMISSIONI IL RISCHIO DI ANDARE SOTTO NELLE VOTAZIONI SAREBBE ALL’ORDINE DEL GIORNO - RISIKO NOMINE: BELLONI, RONZULLI, LA RUSSA, URSO, SINISCALCO, PANETTA....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“ORA IL COVID È PARAGONABILE ALL'INFLUENZA" - MATTEO BASSETTI: “DUE ANNI FA NON AVEVAMO IN CIRCOLAZIONE UN ANTICORPO. OGGI È CAMBIATO IL GRADO DI PROTEZIONE DELLA COLLETTIVITÀ: IL 100% DELLA POPOLAZIONE È ORMAI PROTETTO, O DALLA VACCINAZIONE, O DALLA MALATTIA OPPURE DA ENTRAMBE LE COSE. DOBBIAMO PROTEGGERE SOLO LE CATEGORIE PIÙ A RISCHIO. SOLO AI FRAGILI E AGLI ANZIANI RACCOMANDATO L'USO DELLA MASCHERINA, SUI TRASPORTI E ANCHE AL SUPERMERCATO” - IO MINISTRO? NON MI HA CHIAMATO. SE LO FARÀ, VEDREMO…”