PAPA LUCIANI, LA MORTE PER SBAGLIO - LA SERA DEL 28 SETTEMBRE EBBE UN LEGGERO MALORE, NON RIUSCIVA A DORMIRE E CHIAMO’ AL TELEFONO IL SUO MEDICO DI VENEZIA CHE GLI CONSIGLIÒ UN CALMANTE, VERSATOSI POI IN ECCESSO. E IL CUORE SI SPENSE

Condividi questo articolo


Gianni Gennari per il “Fatto Quotidiano

 

PAPA LUCIANI PAPA LUCIANI

Trentotto anni dalla morte di Papa Luciani: un fulmine e tante nuvole di dubbi e trame.

Era l' estate dopo la tragedia Moro, l' elezione di Pertini e tre Papi: Paolo VI , Giovanni Paolo I e poi Giovanni Paolo II.

 

(…) Quel 29 settembre, prima delle 7 mi telefona l' amico R. G., della Segreteria di Stato: "Il Papa è morto!". Da poco grazie a Sergio Zavoli collaboravo al Gr Rai e alle 8 il vaticanista Gregorio Donato mi chiama in diretta. Per me era passata un' ora, e cito il proverbio: "Morto un Papa, se ne fa un altro!". Scandalo e proteste!

 

PAPA LUCIANI 3 PAPA LUCIANI 3

(…) Qualche anno dopo David Yallop, per il suo In Nome di Dio, volle sentirmi a lungo a casa mia, e nella prefazione sono tra coloro che egli ringrazia, ma poi stravolse tutto: bugiardo e falsario, favorito dal fatto che la verità era stata sommersa in una catena di scelte errate da chi si trovò tra le mani quel cadavere.

 

Ecco, per me, l' essenziale dei fatti. La sera del 28 settembre non fu normale. Prima di cena il Papa ebbe un leggero malessere, ma non volle allarmare nessuno e si ritirò più presto del solito. Il segretario don Diego Lorenzi andò fuori, le suore si erano ritirate, ma lui non riusciva a dormire.

 

PAPA LUCIANI 2 PAPA LUCIANI 2

Quel pomeriggio e la prima sera erano stati agitati. Aveva convocato Villot, Segretario di Stato prossimo alle "dimissioni" per età, comunicandogli alcuni cambiamenti: Segretario di Stato Giovanni Benelli, che Paolo VI a giugno 1977 aveva voluto a Firenze anche in vista di una sua rinuncia al Papato per settembre, che poi nei fatti gli fu impedita.

Anche questa è una vicenda singolare.

 

JEAN VILLOT JEAN VILLOT

(…) E Villot? Rispose a Luciani che il Papa aveva pieno diritto, ma anche che Benelli di nuovo in Vaticano dopo soli 15 mesi era inopportuno: così si smentivano evidenti volontà di Paolo VI . Luciani era rimasto male, ma in quella stessa sera - l' ultima - aveva comunicato il progetto, per telefono, anche al card. Colombo a Milano, e chi era nei pressi parlò di una conversazione "accesa". Obbedienza, a denti stretti e con obiezioni forti,

anche personali. Si fece notte, e Luciani solo si preparò a dormire.

 

Al mattino la fida suor Vincenza Taffarel, con Luciani già dai tempi di Venezia e di Vittorio Veneto, sorpresa nel trovare intatta davanti alla porta la consueta tazzina di caffè, bussa senza risposta, apre uno spiraglio e vede il Papa morto.

 

Arriva mons. John Magee che chiama il Camerlengo, proprio Villot, cui per legge spetta la direzione di tutto alla morte del Papa che ora è lì, ancora seduto sul letto, lume da notte acceso, occhiali inforcati, un "foglio" tra le mani e un bicchiere sul comodino. Nessun segno di sofferenza visibile: quasi un sorriso.

JOHN MAGEE JOHN MAGEE

 

(…) Suor Vincenza Taffarel deve tacere, lo farà sempre, trasferita nel suo Veneto. Don Lorenzi non dica che non c' era, e che nulla ha sentito. Abat-jour accesa e tra le mani quel foglio con progetto di nomine? No. Niente "foglio", ma l' Imitazione di Cristo. Spariti gli occhiali, sparito il bicchiere con tracce di acqua. Autopsia? Niente. È stato un infarto. La realtà: il Papa non riusciva a dormire e aveva chiamato al telefono il suo medico di Venezia, Da Ros, che gli consigliò un calmante, versatosi poi in eccesso. Di fatto il cuore si spense: contrario dell' infarto. Arrivò il sonno, ma l' ultimo, e al mattino Villot si trova davanti, morto, il Papa.

SUOR VINCENZA TAFFAREL SUOR VINCENZA TAFFAREL

(…)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

BERGOGLIO? UNO DI NOI: TE LO DO IO IL POLITICAMENTE CORRETTO! "NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" E QUINDI I VESCOVI DEVONO SEMPRE, LETTERALMENTE, "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE". PAPALE PAPALE! - LO RIFERISCONO, TRA IL BASITO E L’ALLEGRO, PARECCHI VESCOVI ITALIANI CHE QUESTA SETTIMANA SONO INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMOSESSUALI - BERGOGLIO DEL RESTO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)