LE PIAZZE ITALIANE RIBOLLONO - DOPO NAPOLI E ROMA ANCHE A CATANIA È ALTA TENSIONE: BOMBE CARTA DAVANTI ALLA PREFETTURA E PROTESTE IN STRADA - FERITO UN OPERATORE TV, SI SOSPETTA TUTTO SIA STATO SCATENATO DA UN GRUPPO DI ULTRAS INFILTRATI TRA I COMMERCIANTI. MANIFESTAZIONI ANCHE NEL RAGUSANO E A SIRACUSA… -VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

FABIO ALBANESE per lastampa.it

 

catania in piazza catania in piazza

Bombe carta e tensione alta domenica a tarda sera in via Etnea, sotto le finestre della prefettura di Catania, durante una protesta di commercianti contro le chiusure anti-Covid. Alcune centinaia di persone, «convocate» da un tam tam sui social, in serata hanno raggiunto Palazzo dei Chierici per protestare sia contro il governo nazionale che da oggi chiude alle 18 bar, ristoranti e pub, sia contro quello regionale che ieri, dopo l’annuncio da Roma del nuovo Dpcm, ha confermato il provvedimento del giorno prima con cui si istituisce una sorta di coprifuoco nell’isola dalle 23 alle 5 dell’indomani.

 

catania in piazza catania in piazza

Slogan urlati al megafono, anche coloriti, ma fino alle 23,30 la situazione sembrava sotto controllo, con le forze dell’ordine in assetto anti sommossa che su invito dei manifestanti hanno tolto i caschi per sottolineare l’aspetto pacifico della protesta. Poi, però, da una stradina laterale sono arrivate alcune persone incappucciate che hanno lanciato su via Etnea almeno due bombe carta, c’è chi sostiene contro la polizia chi contro gli stessi manifestanti, e per qualche minuto è stato il caos, con manifestanti contro manifestanti.

 

catania in piazza catania in piazza

Le forze dell’ordine non sono comunque intervenute e questo ha probabilmente scongiurato ulteriori disordini. Un operatore di un tv locale è rimasto leggermente ferito. La calma è poi tornata in via Etnea anche se i manifestanti sono rimasti per strada fino a notte fonda. Più tardi, una terza bomba carta è stata fatta esplodere in via Manzoni, la strada parallela a via Etnea e sulla quale affacciano altre finestre della prefettura. La Digos starebbe cercando di identificare i responsabili, forse ultras infiltrati.

 

In serata manifestazioni analoghe si erano svolte anche a Vittoria, nel Ragusano, dove le nuove misure anti-Covid rischiano di mettere in ginocchio l’attività dell’enorme mercato ortofrutticolo, e a Siracusa dove un corteo si è fermato sotto Palazzo Vermexio, sede del Comune, nel cuore dell’isola-centro storico di Ortigia. Qualche tensione si è registrata a Vittoria mentre a Siracusa la manifestazione si è svolta in maniera pacifica.   

catania in piazza catania in piazza

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute