E POI DICI CHE NON HANNO RAGIONE I COMPLOTTISTI - TUTTI I PAESI DEL MONDO CHIUDERANNO IL 2020 IN RECESSIONE, TRANNE UNO: INDOVINATE QUALE? LA CINA! - HA GIÀ RIASSORBITO LA CADUTA DEL PIL DEL PRIMO TRIMESTRE E LE PREVISIONI PARLANO DI UNA CRESCITA DEL PRODOTTO INTERNO LORDO DEL 2,5%A FINE ANNO (+6 NEL 2021) – GLI SCAMBI COMMERCIALI CON L’ESTERO VANNO A GONFIE VELE E MEZZO MILIARDO DI CINESI QUESTA SETTIMANA È ANDATO IN VACANZA IN OCCASIONE DELLA “SETTIMANA D’ORO”

-

Condividi questo articolo

xi jinping 3 xi jinping 3

Carlo Valentini per “Italia Oggi”

 

Il Covid ha picchiato duro in una parte della Cina, in particolare laddove è nato. Le drastiche e autoritarie misure anticontagio attuate con rigore anche se con ritardo hanno consentito di arginare l'epidemia ed essendo la Cina un vasto Continente questo difficile 2020 si chiuderà con risultati più che soddisfacenti: la caduta del 6,3% del Pil nel primo trimestre è stata per metà già riassorbita nel secondo (+ 3,2%) e la previsione è che a fine anno l'economia crescerà attorno al 2,5% (+6% nel 2021), unico caso importante al mondo di crescita economica nell'anno, inoltre gli scambi commerciali con l'estero sono cresciuti di 7 punti nel terzo trimestre, in agosto l'export è aumentato del 9,9% e il clima di fiducia è confermato dal fatto che mezzo miliardo di cinesi si sono recati in vacanza in questi giorni, in occasione della Settimana d'oro, che celebra la fondazione della Repubblica Popolare.

 

GHEBREYESUS XI JINPING GHEBREYESUS XI JINPING

Se quanto indicato dalle autorità cinesi sarà confermato, aumenteranno i dubbi sull'efficacia della politica economica di Donald Trump, che non solo non è riuscito a isolare e contenere l'espansione economica cinese ma con le guerre commerciali ha creato turbolenze, provocando danni soprattutto all'Europa.

 

xi jinping xi jinping

In realtà l'America First, tolti gli orpelli politicamente accattivanti, non significa più, nelle mutate condizioni dell'economia globale, l'America al primo posto grazie alla sua intraprendenza, alle capacità tecnologiche, alla forza del suo liberismo bensì un autoisolamento difensivo alla ricerca di un primato ottenuto con minacce (Tik Tok), sgambetti alla tecnologia altrui (Huawei), egoismi (l'accaparramento del vaccino anti-Covid).

 

donald trump xi jinping donald trump xi jinping

Ma in questo modo gli eventuali progressi sono effimeri e alla prima burrasca il castello di affloscia. Non è un caso che la campagna elettorale di Trump sia questa volta concentrata sul law & order e assai meno sui temi economici poiché la disoccupazione (quella reale) è a livelli inusitati e sono tanti coloro che hanno subìto un calo del proprio tenore di vita. Trump potrà anche essere rieletto, aiutato da un avversario un po' scolorito ma, senza una sua quasi impossibile autocritica, l'America si risveglierà assai fragile (anche se pianterà la bandiera su Marte).

 

Il villaggio globale in cui ci troviamo non è privo di tensioni, ma esse vanno affrontate e regolamentate seguendo un cammino certamente complicato (e per il quale c'è bisogno di leader politici all'altezza) ma da percorrere con buon senso.

XI JINPING SUGLI SCHERMI XI JINPING SUGLI SCHERMI xi jinping xi jinping xi jinping xi jinping xi jinping a wuhan 4 xi jinping a wuhan 4 xi jinping con la mascherina 5 xi jinping con la mascherina 5

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute