QUALI SONO I SINTOMI DEL CORONAVIRUS? SONO SIMILI A QUELLI DELL’INFLUENZA STAGIONALE ED È PER QUESTO CHE CI SONO NUMEROSI FALSI ALLARMI: FEBBRE, TOSSE, DOLORI MUSCOLARI, DIFFICOLTÀ RESPIRATORIE E PIÙ RARAMENTE DISTURBI GASTROINTESTINALI E DIARREA - SONO STATI SEGNALATI ANCHE MAL DI TESTA E CONFUSIONE MENTALE. NEI CASI PIÙ GRAVI, SE L'INFEZIONE SI DIFFONDE NEL BASSO TRATTO RESPIRATORIO, È POSSIBILE CHE COMPAIANO ANCHE LE…

-

Condividi questo articolo

Cristina Marrone per il “Corriere della Sera”

 

SPALLANZANI - CORONAVIRUS SPALLANZANI - CORONAVIRUS

I sintomi dell' infezione da parte del nuovo coronavirus assomigliano a quelli dell' influenza e delle sindromi parainfluenzali che circolano in questa stagione e questo è il motivo per cui si creano molti falsi allarmi prima che le analisi di laboratorio consentano di arrivare a una diagnosi certa. Febbre, tosse, dolori muscolari, difficoltà respiratorie e più raramente disturbi gastrointestinali e diarrea sono i sintomi più diffusi.

 

turisti cinesi con la mascherina a roma 7 turisti cinesi con la mascherina a roma 7

Segnalati anche mal di testa e confusione mentale. Nei casi più gravi, se l' infezione si diffonde nel basso tratto respiratorio, è possibile che compaiano gravi polmoniti (secondo le stime nel 15% dei casi) che possono portare a insufficienza respiratoria acuta. Il virus può diffondersi fino ai reni e causare così insufficienza renale. Non esiste un trattamento specifico per la malattia ma gli studi su potenziali terapie si moltiplicano. In una manciata di casi pazienti gravi sono stati trattati con successo con farmaci antivirali usati contro l' Hiv ed Ebola.

 

CORONAVIRUS - TURISTE CINESI CORONAVIRUS - TURISTE CINESI

In altre situazioni sono stati somministrati farmaci antimalarici, ma i ricercatori sono per ora cauti perché non esistono dati su larga scala. Quando la malattia provoca polmoniti virali particolarmente gravi si può prendere in considerazione l' uso dell' Ecmo, l' ossigenazione extracorporea, una tecnica di rianimazione che supporta le funzioni vitali attraverso l' ossigenazione del sangue (in Italia esistono 14 strutture ospedaliere che dispongono di questi dispositivi).

 

Il periodo di incubazione, cioè il tempo che intercorre tra l' esposizione al coronavirus 2019-nCoV e il manifestarsi dei sintomi della malattia è stimato tra i 2 e i 14 giorni (con una media di 5,5), più lungo di una normale influenza (1-3 giorni). Questo significa che può essere difficile identificare e isolare i pazienti che hanno già contratto il virus ma che ancora non mostrano sintomi.

controlli sul coronavirus in africa controlli sul coronavirus in africa

 

La maggior parte delle persone colpite dal coronavirus guarisce. I pazienti vengono dimessi quando i sintomi spariscono, la temperatura rientra in un range normale per almeno tre giorni e i test sono negativi per almeno due volte a distanza di 24 ore.

È però prematuro parlare di immunità persistente, cioè la sicura impossibilità di episodi di malattia successivi al primo. In genere dopo un' infezione da virus vengono prodotti anticorpi con effetto protettivo. Tuttavia gli anticorpi potrebbero non durare così a lungo e i guariti potrebbero essere ancora a rischio di infezione. Sussiste poi l' incognita di possibili mutazioni.

 

Domani in edicola, gratis con il Corriere della Sera , sarà disponibile un numero speciale di Corriere Salute interamente dedicato al coronavirus. Oltre alle informazioni di carattere tecnico (modalità di trasmissione, precauzioni per proteggersi, metodologie adottate per la diagnosi) sono stati realizzati servizi sulle prospettive per la realizzazione di vaccini o di farmaci per contrastare l' epidemia, sulle strategie in materia di salute pubblica poste in essere dalle organizzazioni internazionali, a partire dell' Organizzazione Mondiale della sanità, e nazionali.

 

MASCHERINA E BOTTIGLIA DI PLASTICA IN TESTA PER DIFENDERSI DAL CORONAVIRUS MASCHERINA E BOTTIGLIA DI PLASTICA IN TESTA PER DIFENDERSI DAL CORONAVIRUS

Un approfondimento è dedicato al cosiddetti spillover , cioè il passaggio dei virus dagli animali all' uomo, all' origine di quasi tutte le epidemie più importanti, come per esempio quella dell' Hiv. Diverse pagine sono state infine riservate al confronto fra l' epidemia sostenuta da questo coronavirus e quelle precedenti, sia in termini medici (livello di contagiosità, indice di letalità eccetera), sia in termini economici, storici e culturali.

Viene analizzata, infine, la peculiarità della prima grande infezione «social» della storia.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

"PIRLO AVEVA MESSO IN CAMPO UNA SQUADRA CHE PIÙ OFFENSIVA NON SI PUÒ MA LA JUVE HA FATTO DUE TIRI NELLA PORTA GIALLOROSSA, ENTRAMBI DI RONALDO, IL RIGORE E LA PALLA COLPITA DI TESTA (QUANDO I BIANCONERI ERANO IN 10): 2-2 IL RISULTATO FINALE. E’ SOLO LA SECONDA PARTITA DEL TORNEO, VUOL DIRE POCO. MI HA IMPRESSIONATO MOLTO DI PIÙ L’INTER DI IERI SERA. VINCA IL MIGLIORE, COME DA NOVE ANNI ACCADE SEMPRE" - PARATICI SUL CASO-SUAREZ: "LA JUVE HA AGITO NELLA MASSIMA TRASPARENZA E RISPETTO DELLE REGOLE” – VIDEO

cafonal

viaggi

salute