"ABBIAMO INGOLFATO LA MACCHINA CON AMMORTAMENTI E SOPRATTUTTO LA MERDA..." - ANDREA AGNELLI IL 3 SETTEMBRE 2021 PARLA CON ARRIVABENE: “PERCHÉ È TUTTA LA MERDA CHE STA SOTTO CHE NON SI PUÒ DIRE” - I FINANZIERI HANNO TROVATO DIVERSI FOGLIETTI MANOSCRITTI, APPUNTI CIFRATI PER DARE A TAVOLINO VALORI “ARTEFATTI” AI CALCIATORI, SOSTENGONO GLI INVESTIGATORI, NECESSARI PER RIPIANARE “INVESTIMENTI OLTRE LE PREVISIONI DI BUDGET”, “MERCATI PIROTECNICI” E “ARROGANTI” – IL DS CHERUBINI AL TELEFONO: “GIURO HO AVUTO DELLE SERE CHE TORNAVO A CASA E MI VENIVA DA VOMITARE SOLO A PENSARCI…” – BERTOLA: “NON C'È CRITERIO NEL MODO IN CUI SPENDIAMO I SOLDI. NON C'È DA STUPIRSI SE IN DUE ANNI ABBIAMO CHIESTO 700 MILIONI DI EURO AGLI AZIONISTI”

Condividi questo articolo


Federica Cravero e Sarah Martinenghi per “la Repubblica”

 

ANDREA AGNELLI E JOHN ELKANN ANDREA AGNELLI E JOHN ELKANN

«Scusa Fabio, io mi fido di te ma se poi arriva un altro?». «Leo, la Juventus è quotata in Borsa, è della famiglia Agnelli. Vuoi che succeda il finimondo per due stipendi?». La conversazione tra Bonucci e il direttore sportivo Fabio Paratici è del 2020, ma il calciatore ne parla agli investigatori il 4 aprile di quest' anno, quando viene sentito a proposito della "prima manovra stipendi".

 

Il finimondo a quel punto è già scoppiato, la guardia di finanza ha già perquisito gli uffici della Continassa, analizzato i conti in rosso della società e dalle conversazioni intercettate dei manager bianconeri i pm hanno avuto conferme ai loro sospetti che i bilanci siano stati truccati per arginare le perdite, almeno sulla carta, utilizzando vari stratagemmi. Una è la "manovra stipendi", decurtazione immediata di quattro mensilità giustificata dal lockdown a fronte di una prospettiva per i giocatori di recuperarne tre spalmate in futuro, come ha spiegato ai compagni di squadra il capitano Chiellini in una chat su WhatsApp.

Agnelli Cherubini Paratici Agnelli Cherubini Paratici

 

Poi ci sono le plusvalenze gonfiate nella compravendita di giocatori. «Dobbiamo essere aperti su tutto - si lascia andare in un messaggio Paratici con il suo braccio destro Federico Cherubini - La priorità sarà vendere in prima squadra ma allo stesso tempo prepariamo cessioni giovani. Facciamoci trovare pronti, così potremmo scegliere e non essere costretti a restare a piedi. In qualche modo faremo e arriveremo a dama... ne sono sicuro, siamo troppo bravi e troppo allenati».

andrea agnelli andrea agnelli

 

Ieri le accuse mosse dai pm Marco Gianoglio, Mario Bendoni e Ciro Santoriello sono state formalizzate in una richiesta di rinvio a giudizio per 13 indagati: l'ex presidente Andrea Agnelli, il vice Pavel Nedved, l'ad Maurizio Arrivabene, il responsabile finanziario Stefano Cerrato, il ds Paratici, i dirigenti Marco Re e Stefano Bertola, l'avvocato Cesare Gabasio, gli ex consiglieri del Cda Francesco Roncaglio ed Enrico Vellano, i revisori dei conti Stefania Boschetti e Roberto Grossi, oltre alla società Juventus come persona giuridica.

 

Le contestazioni sono di false comunicazioni sociali, ostacolo alla vigilanza Consob, aggiotaggio e false fatturazioni. Rispetto alla prima rosa di indagati sono state invece stralciate le posizioni dei tre componenti del collegio sindacale. Si tratta di Silvia Lirici (difesa dall'avvocato Marco Calleri), Nicoletta Paracchini e del presidente Paolo Piccatti, entrambi assistiti dal legale Luigi Giuliano.

 

ultrà juve striscione contro andrea agnelli ultrà juve striscione contro andrea agnelli

Le carte dell'inchiesta raccontano di accordi segreti tenuti nei cassetti di avvocati e notai, con la paura che qualcuno possa scoprirli: «È meglio che non ci fosse quel carteggio - si sente nelle intercettazioni -. E ancora grazie che Ronaldo non ha fatto dei pizzini pericolosi». Ma i finanzieri hanno anche trovato diversi foglietti manoscritti, appunti cifrati per dare a tavolino valori «artefatti» ai calciatori, sostengono gli investigatori, necessari per ripianare «investimenti oltre le previsioni di budget», «mercati pirotecnici» e «arroganti». «Giuro ho avuto delle sere - si sfoga Cherubini al telefono - c he tornavo a casa e mi veniva da vomitare solo a pensarci».

andrea agnelli gp monza andrea agnelli gp monza

 

C'era, per i pm, una «allarmante situazione economica, patrimoniale e finanziaria» alla Juventus, di cui era a conoscenza anche Agnelli. «Non c'è criterio nel modo in cui spendiamo i soldi - dice Bertola in occasione del rinnovo di Chiellini -. Non c'è da stupirsi se in due anni abbiamo chiesto 700 milioni di euro agli azionisti». Due aumenti di capitale a distanza di così poco tempo e ancora non è bastato.

 

«In assenza di una seria politica di riduzione dei costi - scrivono i pm nelle 544 pagine di richiesta di misura cautelare (respinta poi dal gip) - quel rafforzamento patrimoniale non solo era insufficiente, ma aprirà le porte a un preoccupante scenario presente e futuro». Lo diceva anche l'ad Arrivabene: «Fatti i conti della serva noi dovevamo fare per star tranquilli, un aumento di 650 milioni, non di 400... per sanare».

 

ANDREA AGNELLI CON PAVEL NEDVED E MAURIZIO ARRIVABENE ANDREA AGNELLI CON PAVEL NEDVED E MAURIZIO ARRIVABENE

E Bertola aveva commentato: «Siamo andati decisamente in over spending». In più c'erano i debiti extra bilancio con gli altri club e da ultimo la pandemia con gli stadi vuoti e le partite bloccate. Anche se, come aveva detto Re: «Con la favola di dire che il Covid ha mangiato 340 milioni si allunga il naso a chiunque». Il lockdown, secondo l'accusa, era stato il paravento dietro a cui nascondere i guai pregressi.

 

Andrea Agnelli il 3 settembre 2021 ne parla con Arrivabene: «Non era solo il Covid e questo lo sappiamo bene. Dall'altro abbiamo ingolfato la macchina con ammortamenti e soprattutto la merda... perché è tutta la merda che sta sotto che non si può dire». I pm rilevano: «La crescita dei costi (in particolare degli acquisti e degli stipendi dei calciatori tesserati) non è stata casuale, ma una ben precisa scelta aziendale».

andrea agnelli andrea agnelli

 

Lo ha sostenuto Cherubini in una conversazione con Agnelli parlando del «progetto che è stato fatto da Higuain in poi» per far fronte a «una rosa che sta tendendo a invecchiare». E Cerrato conferma: «Poi è stato fatto un all in con Ronaldo, De Ligt e così via e subito dopo è arrivato il Covid».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - TRUCIDONI SPAPPOLATI DALL’IGNORANZA, COATTONI CON LIBIDO MONNEZZARA, PIT-BULLI DI BORGATA ALLA RICERCA DELLA "BANDA DEL TRUCIDO", TRATTENETE LA CLAVA. GOVERNATE LO SHOCK. SIETE TUTTE PERSONE NORMALI, GIA' PRONTI PER LA SANTA SEDE E PALAZZO CHIGI - PARE INCREDIBILE, MA I VOSTRI CANONI DI STILE, PARAMETRI DEL GUSTO, GIÀ INFERIORI A QUELLI DEL BABBUINO, SONO STATI SUPERATI DA PAPA BERGOGLIO E "MELONI, DETTA GIORGIA" - E' COSI': TIRARE FUORI IL PROPRIO TRATTO COATTO, IMPORCHETTATO DAL SARCASMO FEROCE E DALLO SBERLEFFO ATROCE, È L'ULTIMA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE POLITICA PER ABBINDOLARE LA PANCIA DEL PAESE. QUELLA MAGGIORANZA ALL’INCONTRARIO CARA A VANNACCI CHE DETESTA IL FIGHETTISMO DEL RADICAL-SCICCHISMO CHE LA REGINA DI COATTONIA LIQUIDA CON UN POETICO: "PIACERE. QUELLA STRONZA DELLA MELONI. COME STA?"

DAGOREPORT – DR. GIORGIA E MRS. MELONI: LA DUCETTA CAMALEONTE SI SDOPPIA TRA ITALIA E UE! IN CASA PARTE DI CAPOCCIA CON DE LUCA, IN EUROPA FA IL GIOCO DELLE TRE CARTE PER SPUNTARE UN COMMISSARIO DECENTE PER L’ITALIA. E DOPO LE EUROPEE LA PERSONALITÀ DI “QUELLA STRONZA” (AUTO-CIT.) SUBIRÀ UNA NUOVA SCISSIONE: SCHIERATA ALL’OPPOSIZIONE COME LEADER DI ECR, ALLEATA “AFFIDABILE” PER SOSTENERE URSULA – TAJANI PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE? È UNA PROVOCAZIONE DEI TEDESCHI PER METTERE ALL’ANGOLO LA DUCETTA – LE TRAME DI MACRON E SCHOLZ: MAI CON I CONSERVATORI…

LA SCENEGGIATA NAPOLETANA DELLA MELONI! – IL VIDEO DELLA DUCETTA CHE IMBRUTTISCE VINCENZO DE LUCA (“SONO QUELLA STRONZA DELLA MELONI”) SOMIGLIA TANTO A UNA SCENEGGIATA PREPARATA A TAVOLINO: IL CAPO UFFICIO STAMPA DI PALAZZO CHIGI, FABRIZIO ALFANO, ERA POSIZIONATO COL CELLULARE PRONTO A FILMARE LA SCENA, CHE POI È STATA AMPLIFICATA DAI CANALI SOCIAL VICINI ALLA PREMIER - COME MAI DE LUCA NON HA RISPOSTO A TONO? PER LO “SCERIFFO” LA VENDETTA È UN PIATTO CHE VA SERVITO FREDDO. OCCHIO QUINDI ALLE PROSSIME DIRETTE SOCIAL... - VIDEO

FLASH! – INDOMABILE URSULA: SPOSATA DAL 1986 CON IL MEDICO HEIKO VON DER LEYEN, FRA IL 1988 E IL 1999 HANNO SFORNATO SETTE FIGLI (TRA CUI DUE GEMELLE), PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, A 66 ANNI LA COCCA PREFERITA DI ANGELA MERKEL È STATA INCORONATA DA FORBES LA DONNA PIÙ POTENTE DEL MONDO. BENE, A BRUXELLES SI MORMORA CHE IL FASCINO BIONDO E GELIDO DI URSULA AVREBBE INCANTATO IL 53ENNE EURODEPUTATO TEDESCO DAVID MCALLISTER, SUO COMPAGNO DI PARTITO (CDU) E PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI ESTERI DEL PARLAMENTO EUROPEO…

PAPA FRANCESCO NON È OMOFOBO, AL MASSIMO SOLO INGENUO: IL DISCORSO DELLA “FROCIAGGINE” SUI SEMINARI È STATO PRONUNCIATO IN UN INCONTRO A PORTE CHIUSE DAVANTI A PIÙ DI 200 VESCOVI, CHE NON VEDEVANO L’ORA DI SPUTTANARE IL “PROGRESSISTA” BERGOGLIO. È IL SEGNO CHE ANCHE IN VATICANO S'E' FRANTUMATO IL RISPETTO PER L'AUTORITA': I PRIMI DI CUI IL PONTEFICE NON PUÒ FIDARSI SONO LE “SUE” ECCELLENZE - ATTENZIONE A NON CEDERE AL "WOKISMO": BISOGNA SGANCIARE LINGUAGGIO E INTENZIONI...