UNA SCOPATA TRÈS JOLIE – ANGELINA JOLIE E ANTONIO BANDERAS TROMBARONO VERAMENTE SUL SET DI “ORIGINAL SIN”: L’ATTRICE CHIESE DI POTER GIRARE LA SCENA NUDA E IL COLLEGA ACCETTÒ CHIEDENDO LA PRESENZA DI POCHI MEMBRI DELLA TROUPE – MA I DUE NON SI LIMITARONO A SIMULARE: DALLE FACCE E DAL COINVOLGIMENTO DI ANGELINA È CHIARO CHE BANDERAS PIANTÒ LA BANDIERA, COME VENNE CONFERMATO IN SEGUITO. UNA SCENA TROPPO HARD CHE COSTRINSE IL REGISTA A… - FOTO HOT

-

Condividi questo articolo


Erika Pomella per “www.ilgiornale.it”

 

angelina jolie e antonio banderas in original sin 14 angelina jolie e antonio banderas in original sin 14

Original Sin è il film di Michael Cristopher tratto dal romanzo di Cornell Woolrich e che vede come protagonisti i divi di Hollywood Angelina Jolie e Antonio Banderas. Il titolo del film ha una valenza biblica, dal momento che richiama il peccato originale insito nella religione cattolica.

 

Original Sin, la trama

Original Sin è ambientato nella Cuba di fine '800 dove Luis Antonio Vargas (Antonio Banderas) è più che mai deciso a trovare una donna americana e a farne sua moglie, per completare il quadro di assoluta felicità che sta inseguendo. L'uomo - che è anche un ricco mercante di caffé - comincia quindi una corrispondenza con Julia Russell: ma quando la donna arriva a Cuba, Luis Antonio è senza fiato per la bellezza di colei che è destinata a diventare sua moglie (Angelina Jolie).

 

angelina jolie e antonio banderas in original sin 10 angelina jolie e antonio banderas in original sin 10

All'inizio tutto sembra andare per il verso giusto e la felicità sembra davvero a portata di mano, nonostante Julia non sia disposta a parlare di sé, né degli incubi che la rincorrono o delle cicatrici che ha sulla schiena. Ma Luis è innamorato perso della donna e non si cura più di tanto di scavare nel mistero che Julia rappresenta. Questo finché la donna non scompare insieme a tutti i soldi dell'uomo. Pur sapendo di essere stato truffato, Luis Antonio non è destinato a rinunciare ai sentimenti che prova. Parte così alla ricerca della moglie e della verità sul suo conto.

 

Un film che racconta un amore carnale

angelina jolie e antonio banderas in original sin 11 angelina jolie e antonio banderas in original sin 11

Original Sin è un film che parla di amore ma anche di quell'attrazione e di quel desiderio carnale a cui è molto spesso difficile resistere. È dunque un film che trasuda sensualità e lussuria e che non avrebbe potuto fare a meno di una forte scena di sesso, una sequenza in cui i due protagonisti danno sfogo al desiderio che provono l'uno per l'altra. Il cinema, d'altra parte, è pieno di pellicole che offrono allo spettatore scene di amplessi che, il più delle volte, sono solo simulati. Più rari, invece, sono i film in cui gli attori hanno davvero un rapporto e finiscono davvero con il fare sesso.

angelina jolie e antonio banderas in original sin 13 angelina jolie e antonio banderas in original sin 13

 

Secondo quanto riportato dal sito dell'Internet Movie Data Base Original Sin rientra in questa sfera. Il regista Michael Cristopher asserì durante il commento al film che prima della scena di sesso tra Luis e Julia, Angelina Jolie gli disse che avrebbe girato la scena solo se poteva restare completamente nuda, senza nastro adesivo o qualsiasi altro strumento volto a proteggere le sue parti intime.

angelina jolie e antonio banderas in original sin 12 angelina jolie e antonio banderas in original sin 12

 

Antonio Banderas, a quel punto, scelse di seguire la collega e non ebbe alcun problema ad accettare di girare la scena nudo, a patto che le riprese fossero fatte solo in presenza del regista e di pochissimi altri collaboratori. Secondo quanto riportato sempre dal sito dell'Internet Movie Data Base, Angelina Jolie e Antonio Banderas non si sono limitati a simulare il rapporto sessuale, ma ne hanno avuto uno vero e proprio.

 

angelina jolie e antonio banderas in original sin 9 angelina jolie e antonio banderas in original sin 9

Questo ha fatto sì che la scena fosse molto grafica ed esplicita e costrinse il regista a tagliarla e a montarla in modo quasi grossolano, con dissolvenze tra un'inquadratura e un'altra, nella speranza di nascondere il maggior numero di dettagli possibili. Se il regista non avesse fatto così non avrebbe ottenuto la possibilità di uscire al cinema, nemmeno mettendo un divieto ai minori di diciassette anni.

angelina jolie e antonio banderas in original sin angelina jolie e antonio banderas in original sin

angelina jolie e antonio banderas in original sin 1 angelina jolie e antonio banderas in original sin 1 angelina jolie e antonio banderas in original sin 16 angelina jolie e antonio banderas in original sin 16 angelina jolie e antonio banderas in original sin 15 angelina jolie e antonio banderas in original sin 15 angelina jolie e antonio banderas in original sin 17 angelina jolie e antonio banderas in original sin 17 angelina jolie e antonio banderas in original sin 4 angelina jolie e antonio banderas in original sin 4 angelina jolie e antonio banderas in original sin 18 angelina jolie e antonio banderas in original sin 18 angelina jolie e antonio banderas in original sin 7 angelina jolie e antonio banderas in original sin 7 angelina jolie e antonio banderas in original sin 6 angelina jolie e antonio banderas in original sin 6 angelina jolie e antonio banderas in original sin 2 angelina jolie e antonio banderas in original sin 2 angelina jolie e antonio banderas in original sin 3 angelina jolie e antonio banderas in original sin 3 angelina jolie e antonio banderas in original sin 8 angelina jolie e antonio banderas in original sin 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IN PIAZZA A SAN GIOVANNI PROVE DI ULIVO-BIS - RONCONE: “C’E’ IL PD SCHIERATO, PEZZI DI ITALIA VIVA (NOBILI, MIGLIORE, BELLANOVA: CHISSÀ COS'HA IN TESTA RENZI), CI SONO IL VERDE ANGELO BONELLI E ROBERTO SPERANZA, SEGUITO DA TUTTA LA TRUPPA SINISTRORSA. DA FRATOIANNI A FASSINA. DA UN SUV BLINDATO SCENDONO DI MAIO E BONAFEDE. CHE GELO CON CONTE - GUALTIERI INVECE È VENUTO MA RESTA MUTO, RISPETTA LE REGOLE, METTE SU UNA SMORFIA FISSA, TRA RAMMARICO E IRONIA. FOTOGRAFO: ‘A GUALTIÉ, TE LO DICO: PARE CHE TE FA MALE UN DENTE”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”