SENZA IL GAS E IL PETROLIO RUSSI LA GERMANIA RISCHIA "DISOCCUPAZIONE DI MASSA E POVERTA'" - IL MINISTRO DELL'ECONOMIA TEDESCO, ROBERT HABECK, HA SPIEGATO CHE IL SUO GOVERNO STA LAVORANDO PER CERCARE SOLUZIONI ALTERNATIVE "MA NON POSSIAMO FARLO IN UN ISTANTE" O CI SARANNO CARENZE GRAVI NELLE FORNITURE - IL PAESE IMPORTA DA MOSCA IL 55% DEL GAS, IL 52% DI CARBONE E IL 34% DELL'OLIO MINERALE...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Guardian

 

christian lindner olaf scholz annalena baerbock robert habeck christian lindner olaf scholz annalena baerbock robert habeck

La Germania ha avvertito che un boicottaggio immediato delle forniture russe di gas e petrolio potrebbe danneggiare la sua stessa popolazione più di quella di Vladimir Putin, portando disoccupazione di massa e povertà.

 

«Se azionamo immediatamente un interruttore, ci saranno carenze di forniture, persino interruzioni delle forniture in Germania», ha detto domenica il ministro dell'economia e dell'energia Robert Habeck all'emittente pubblica ARD, mentre la più grande economia europea cerca intensamente di diversificare le sue forniture energetiche a medio termine.

 

Il politico, del partito dei Verdi, ha previsto «disoccupazione di massa, povertà, persone che non possono riscaldare le loro case, persone che restano senza benzina» se il suo paese avesse smesso di usare petrolio e gas russi.

 

annalena baerbock robert habeck annalena baerbock robert habeck

Poche altre economie occidentali dipendono dall'energia russa quanto la Germania: il 55% del gas naturale, il 52% del carbone e il 34% dell'olio minerale utilizzato nel Paese proviene dalla Russia, per la quale paga centinaia di milioni di euro al giorno, che servono a sostenere finanziariamente la macchina da guerra che sta attualmente devastando l'Ucraina.

 

Habeck ha affermato che il suo governo stava lavorando duramente per garantire che la Germania fosse in grado di rinunciare al carbone russo entro l'estate e di eliminare gradualmente il petrolio russo entro la fine dell'anno, ma che un divieto a breve termine sul gas russo potrebbe lasciare il suo paese esposto.

 

Robert Habeck Robert Habeck

«Con carbone, petrolio e persino gas stiamo andando avanti passo passo nel processo di renderci indipendenti», ha affermato l'ex co-leader del partito dei Verdi. «Ma non possiamo farlo in un istante. È amaro, e moralmente non è una bella cosa da confessare, ma non possiamo ancora farlo».

 

Gli Stati Uniti, che importano circa l'8% del loro fabbisogno di petrolio greggio dalla Russia nel 2021, hanno annunciato il divieto del petrolio russo con effetto immediato la scorsa settimana, mentre il Regno Unito ha annunciato che avrebbe gradualmente eliminato le importazioni di petrolio russo entro la fine dell'anno.

 

le vie del gas russo le vie del gas russo

Dall'inizio della guerra in Ucraina, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha ribaltato una serie di linee rosse di politica estera, acconsentendo a consegnare armi letali all'Ucraina, sostenendo il taglio della Russia dal sistema di pagamento Swift e congelando il gasdotto Nord Stream 2 completato ma non ancora funzionante sotto il Mar Baltico.

 

Ma il leader di centrosinistra ha detto che ha le mani legate quando si tratta di vietare l'energia russa. «Attualmente non c'è altro modo per garantire l'approvvigionamento dell'Europa con energia per generare calore, per la mobilità, per l'alimentazione e per l'industria», ha affermato Scholz la scorsa settimana.

 

EUROPA E IMPORTAZIONE DI GAS DALLA RUSSIA EUROPA E IMPORTAZIONE DI GAS DALLA RUSSIA

A seconda delle previsioni dei vari think tank e istituti economici, uno stop immediato alle consegne di gas russo potrebbe ridurre il PIL tedesco di appena 0,1 o fino a 5,2 punti percentuali.

 

In una lettera aperta, un certo numero di eminenti scienziati, scrittori e attivisti tedeschi hanno esortato il governo a fare il passo coraggioso di liberarsi dall'energia russa. Il partito dell'Unione Cristiano Democratica dell'ex cancelliera Angela Merkel ha proposto di chiudere il gasdotto Nord Stream 1 consentendo l'importazione di gas attraverso altre rotte.

 

Il governo tedesco di sinistra liberale, nel frattempo, sta cercando di guadagnare tempo per riempire le sue riserve di gas, che lo scorso anno erano sottofornite dalle compagnie energetiche russe e sono in larga parte esaurite alla fine dell'inverno.

 

Nella ricerca di fonti di energia alternative, è anche difficile trovare soluzioni a breve termine. Semplificare il processo di autorizzazione di nuovi parchi eolici e solari era una delle promesse dell'accordo di coalizione del governo del "semaforo", ma anche solo costruirle richiederà tempo.

 

DOVE PASSA IL GASDOTTO Nord Stream 2 DOVE PASSA IL GASDOTTO Nord Stream 2

La costruzione di terminal portuali per il gas naturale liquefatto (GNL), come la Germania ha promesso di fare nelle città di Brunsbüttel e Wilhelmshaven, richiede solitamente almeno cinque anni.

 

«Non si può fare è un'affermazione altamente problematica», ha detto ad ARD l'esperta di energia Claudia Kemfert. «Perché la sfida che stiamo affrontando ci dice che non abbiamo altra scelta».

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE