CON LO SGUARDO RIVOLTO ARCELOR – MITTAL MINACCIA DI METTERE IN PAUSA TUTTI GLI IMPIANTI DI TARANTO SE NON POTRÀ VENDERE L’ACCIAIO. I SINDACATI PROTESTANO: OGNI GIORNO IN FABBRICA VANNO ANCORA 3500 DIPENDENTI E SI TEME IL CONTAGIO – UN OPERAIO È GIÀ RISULTATO POSITIVO, MA LA MULTINAZIONALE…

-

Condividi questo articolo


 

 

Valeria D’Autilia per “la Stampa”

 

OPERAI FUORI DALLA FABBRICA ARCELOR MITTAL A TARANTO OPERAI FUORI DALLA FABBRICA ARCELOR MITTAL A TARANTO

Se non sarà concessa la commercializzazione dell' acciaio, ArcelorMittal pronta a mettere in pausa tutti gli impianti dello stabilimento di Taranto. Ad annunciarlo, i sindacati metalmeccanici: «La multinazionale chiede non solo di produrre, ma di poter collocare sul mercato il prodotto». L' attuale stop è legato al decreto del prefetto -che scade oggi- e ha imposto al colosso di sospendere l' attività a fini commerciali, in linea con le disposizioni del Governo per l' emergenza coronavirus.  Negli ultimi giorni, l' azienda ha fermato l' acciaieria 1 e l' altoforno 2. Ma il siderurgico ora chiede di tornare sul mercato. In caso contrario, potrebbe congelare l' intera produzione.

 

Il contagio in fabbrica

arcelor mittal arcelor mittal

La notizia arriva dalle sigle metalmeccaniche, dopo un' interlocuzione in videoconferenza con il prefetto. Al centro anche le misure di contenimento sul rischio contagio e le presenze in fabbrica. Al momento, ogni giorno, si registrano 3.500 dipendenti diretti e 2.000 dell' indotto.

 

ILVA E TUMORI ILVA E TUMORI

Per i sindacati un numero ancora troppo alto, che sollecitano a «ridurre drasticamente», soprattutto dopo il primo caso di un operaio positivo al Covid-19. «Nell' ex Ilva- denunciano- continuano a verificarsi assembramenti e si segnalano problemi anche nella sanificazione degli ambienti». Cgil, Cisl e Uil sottolineano «una sostanziale inosservanza delle distanze di sicurezza e degli strumenti di protezione individuale, con una maggiore preoccupazione per le aziende dell' appalto dove le carenze sono ancora più evidenti e i dispositivi forniti non sono omologati».

 

OPERAIO ILVA OPERAIO ILVA

L' Usb fa sapere di avere in mano un documento a firma dell' amministratore delegato Lucia Morselli, inviato al premier Conte e ai ministri Gualtieri e Patuanelli, in cui «minaccia di mettere gli impianti in stand by». Per il sindacato questo dimostra che il fermo è possibile, in sicurezza e con il minimo della forza lavoro. Senza produzione. «Una strada necessaria per fronteggiare l' emergenza sanitaria». Nel frattempo, sono stati sospesi i cantieri per l' ambientalizzazione. «Un intero territorio- attacca il sindaco Rinaldo Melucci- chiede di frenare l' attività e loro cosa fanno? Rispondono con lo stop agli unici lavori forse essenziali, perché collegati alla salute dei tarantini: quelli relativi all' Autorizzazione integrata ambientale». Per il primo cittadino questo è l' ennesimo passo falso: «Mittal sempre più isolata, contestata, inutile per Taranto».

MICHELE EMILIANO ILVA MICHELE EMILIANO ILVA LUCIA MORSELLI LUCIA MORSELLI conte ilva conte ilva incendio all'ilva di taranto 3 incendio all'ilva di taranto 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

MACRON E SCHOLZ HANNO NOSTALGIA DI DRAGHI – LA COPPIA NON BASTA, OCCORRE IL TRIANGOLO PER FRONTEGGIARE LA CRISI: MANCA MARIOPIO E IL SUO RUOLO DI CANALE DI MEDIAZIONE TRA EUROPA E USA –  IL MANDATO DI CHARLES MICHEL ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO SCADE A NOVEMBRE 2024. MA L'EMERGENZA E' ORA, E QUINDI LO TAMPINANO CON LUNGHE TELEFONATE CHIEDENDO CONSIGLI – LA PROPOSTA (SCARICA) DI BRETON-GENTILONI PER SEDARE I MAL DI PANCIA EUROPEI: “SE ANDIAMO AVANTI COSÌ, PRIMA O POI TUTTI DIRANNO CHE SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA HA RAGIONE ORBAN...”

business

ENNESIMO SCHIAFFONE DELL’OPEC+ A BIDEN: IL CARTELLO DEL PETROLIO HA DECISO DI TAGLIARE LA PRODUZIONE DI 2 MILIONI DI BARILI AL GIORNO! È UNA MOSSA TELECOMANDATA DA PUTIN PER METTERE ANCORA PIÙ IN DIFFICOLTA L’OCCIDENTE E “SLEEPY JOE”, CHE AVEVA CHIESTO AGLI ARABI DI NON RIDURRE LE QUOTE, PER EVITARE UN'ULTERIORE AUMENTO DEI PREZZI. QUELLI SE NE SONO ALLEGRAMENTE FREGATI, E ORA LA CASA BIANCA PARLA DI “ATTO OSTILE”. CHISSÀ COME TREMANO “MAD VLAD” E BIN SALMAN, CHE ODIA CORDIALMENTE IL PRESIDENTE USA DAI TEMPI DEL RAPPORTO SULL'OMICIDIO KHASHOGGI

cronache

sport

cafonal

CAFONAL MONSTRE! – UN BOMBARDAMENTO DI ZIGOMI RIGONFI E COLATE DI BOTOX HANNO INVASO LA FESTA DI COMPLEANNO DI GIACOMO URTIS. PER FESTEGGIARE I 44 ANNI DEL CHIRURGO DEI VIP SI SONO RITROVATI LA PRINCIPESSA FAKE LULÙ SELASSIÉ, SANDROCCHIA MILO CON LE GUANCE SMALTATE CHE FACEVANO SCOPA CON QUELLE DI CARMEN RUSSO. NELLA GALLERIA DEGLI ORRORI FINISCONO PER DIRETTISSIMA LA GIACCA IN PELLE DI MASSIMO BOLDI, I CAPELLI DI GIUCAS CASELLA E… - LE PRIMAVERE SFIORITE DELLA CALDONAZZO E IL MISTERO DELLA COTONATISSIMA MARIA MONSE'

viaggi

salute