''PUOI PREGARE IN BAGNO, DIO NON SI OFFENDE'' - VIDEO: FIORELLO CONTRO SALVINI SULLA POLEMICA DELLE CHIESE APERTE PER PASQUA. ''NON È CHE UNO VUOLE NEGARE IL DIRITTO DI CULTO, MA CIASCUNO DI NOI PUÒ PREGARE IN CUCINA, IN SALOTTO, DA QUALSIASI PARTE. CI SONO GIÀ TANTI VESCOVI E PRETI CONTAGIATI. E NON C'ENTRANO I SUPERMERCATI, I TABACCAI. IN CHIESA CHE FAI, ENTRI UNO ALLA VOLTA?''

-

Condividi questo articolo

 

 

Da www.iltempo.it

 

SALVINI PREGA SALVINI PREGA

Fiorello e Salvini, polemica sulle chiese aperte a Pasqua. «Secondo me potrebbe essere un errore. Non è che uno voglia negare il diritto di culto, ma non credo che Dio, nostro Signore, accetti le preghiere solo da chi esce di casa e va in chiesa, perché se io sono credente e voglio pregare, secondo voi, Dio dice che "e no, se preghi a casa tua la tua preghiera non mi piace, devi pregare in chiesa?’ Ma quando? Se io a casa ho un crocifisso e mi metto così, anche qui in cucina, e prego, ma non è la stessa cosa?». Così Rosario Fiorello, in una diretta Twitter, si è espresso sulla questione sollevata dal leader della Lega Matteo Salvini di aprire le chiese a Pasqua.

FIORELLO FIORELLO

 

«Voglio dire, i musulmani ad esempio, se non possono andare in Moschea pregano in qualsiasi posto - ha detto ancora lo showman - Si inginocchiano, mettono il tappetino per terra, si rivolgono verso la Mecca e pregano. Se sono credente, un fedele, Dio non ti viene a dire che devi venire in chiesa, puoi pregare in bagno, in cucina, in salotto, da qualsiasi parte, non c’è bisogno che ti metta elegante e vada in chiesa perché è Pasqua. Ci sono già tanti vescovi e preti contagiati, ma stiamo scherzando? E non c’entrano i supermercati, i tabaccai aperti - conclude - in Chiesa che fai, entri uno alla volta?».

SALVINI PREGA SALVINI PREGA fiorello elisa fiorello elisa fiorello viva raiplay epidemy fiorello viva raiplay epidemy MATTEO SALVINI PREGA IN CHIESA MATTEO SALVINI PREGA IN CHIESA

 

 

Condividi questo articolo

politica

IL RIPORTO BIONDO FA IMPAZZIRE IL MONDO (E PURE I ''RIPORTER'') - A LEGGERE LA STAMPA ITALIANA, NON SI TROVA DA NESSUNA PARTE IL FATTO CHE LA POLIZIA LOCALE IN AMERICA È IN GENERE IN MANO AI SINDACI, NON CERTO AL PRESIDENTE, E A MINNEAPOLIS DA 15 ANNI C'È UN SINDACO DEMOCRATICO. NÉ CHE CHIARA DE BLASIO, FIGLIA DEL NEWYORKESE BILL, È STATA ARRESTATA PER LANCIO DI OGGETTI (IL RESOCONTO È STATO PUBBLICATO SU TWITTER DAL SINDACATO DEI POLIZIOTTI E POI RIMOSSO PERCHÉ VIOLAVA LA PRIVACY) - E VOGLIAMO PARLARE DELLA BUFALA DI RULA JEBREAL?

IERI L'APERI-CONTE HA FATTO IL MIRACOLO: METTERE TUTTI D'ACCORDO NELLA DELUSIONE - PD E 5 STELLE, RENZI E MATTARELLA, UE E SINDACATI, DELUSI DA UN DISCORSO ANDREOTTIANO, IN MODALITA' "MEGLIO TIRARE A CAMPARE CHE TIRARE LE CUOIA", DEL TUTTO PRIVO DI PROGETTI CONCRETI E DI RIFORME DA METTERE IN CANTIERE - IL PROBLEMINO È CHE LA CASSA DEL GOVERNO È ALLA CANNA DEL GAS, E HA CHIESTO CON URGENZA A BRUXELLES OLTRE 20 MILIARDI PER LA CASSA INTEGRAZIONE. MA L'UE TENTENNA PERCHÉ… - LA TRAPPOLA DEL SUCCESSO DEI BTP: SE I RISPARMIATORI HANNO PAURA DEL FUTURO E PREFERISCONO METTERE I SOLDI SOTTO IL MATERASSO DELLO STATO ANZICHE' SPENDERE, L'ITALIA NON USCIRA' MAI DALLE CRISI