AGENZIA MASTICAZZI - LE ELEZIONI EUROPEE SONO LA PIETRA SULLA TOMBA DI SCIOLTA CIVICA - CASINI CERCA DI AGGRAPPARSI AL BANANA, MONTI È FINITO

Pierfurby ha mollato la coalizione che ha portato l’UdC al 2% e i montiani a litigare come scolarette, e spera di aggrapparsi al Pdl per portare qualche democristiano a Bruxelles - Evidentemente non crede che Sciolta Civica supererebbe il 4% di sbarramento alle europee, e forse non ci crede più neanche Monti…

Condividi questo articolo

Marcello Sorgi per "La Stampa"

CASINI MONTICASINI MONTI

La crisi che s'è riaperta dentro Scelta civica - alla quale Mario Monti, il fondatore, cerca di por rimedio - ha ragioni strutturali e contingenti. Quelle strutturali, la lista dell'ex presidente del consiglio se le porta dietro fin dalla nascita, e sono relative all'amalgama, mai riuscito, tra le diverse componenti messe insieme alla vigilia delle elezioni politiche del 2013, quando Monti, ancora a capo del governo tecnico, decise di «salire» in politica: tra montiani «puri», Italia futura, Comunità di Sant'Egidio e Udc, le identità sono rimaste separate e la suddivisione degli incarichi ha finito per obbedire a logiche lottizzatorie, contrariamente a quel che lo stesso Monti avrebbe voluto.

monti casinimonti casini

Inoltre il risultato elettorale, non del tutto deludente ma al di sotto delle aspettative, in conseguenza dell'exploit di Grillo e del recupero di Berlusconi, non ha favorito di certo il rasserenamento dei rapporti interni.

monti fini montezemolo casini bonanni bocchinimonti fini montezemolo casini bonanni bocchini

Ma la ragione vera per cui tra Sc e Udc si rischia di passare dalla convivenza forzata a un possibile divorzio riguarda le prossime elezioni europee. Infatti, se non ci saranno contemporaneamente elezioni politiche anticipate (e al momento nessuno può dirlo, ma si sa per certo che il Presidente della Repubblica, a cui spetta la decisione, è contrario) si voterà nella prossima primavera con il sistema proporzionale, che prevede che ogni partito si presenti da solo e non in coalizione, con una soglia di ingresso a Strasburgo del 4 per cento.

Con la consueta rapidità che lo spinge sempre ad anticipare, Casini, che alle politiche non ha raggiunto neppure il 2, sta cercando di riposizionarsi per trovare il modo di assicurare una presenza del suo partito al Parlamento europeo. Va da sé che il leader centrista dubita che Scelta civica riesca a superare la soglia, e per questo ha dichiarato finita l'esperienza dell'alleanza centrista, anche prima che diventi realistica l'ipotesi di un ritorno in casa dell'Udc nel centrodestra.

Scelta civica, non è un mistero, era nata nell'ipotesi di un'uscita di scena di Berlusconi e con l'ambizione di intercettare la prevedibile fuoruscita di voti dal Pdl. Essendo ormai chiaro che il Cavaliere resterà in campo in qualsiasi condizione, anche da condannato e perfino durante l'espiazione della pena a cui prima o poi dovrà rassegnarsi, il problema di definire una nuova strategia, per Casini, ma a maggior ragione per Monti, va diventando di giorno in giorno più urgente. Anche perchè, se si vota solo per le europee, Berlusconi non ha bisogno di allearsi con nessuno.

 

 

Condividi questo articolo

politica

FIORI DI BACH PER MALAGÒ - "NON SONO UN GUERRIGLIERO, E’ STATO IL PRESIDENTE DEL CIO BACH A CHIEDERMI DI METTERE NERO SU BIANCO IN QUELLE MAIL LE MIE PERPLESSITÀ SULLA RIFORMA DELLO SPORT DI GIORGETTI. UNA RIFORMA ZOPPA" ECCO PERCHE’ – IL NUMERO 1 DEL CONI IN PRESSING SU SPADAFORA (LO CHIAMA TUTTI I GIORNI): "CI HANNO VOLUTO RIDIMENSIONARE POLITICAMENTE, LO ABBIAMO CAPITO. MA NON POSSONO TOCCARE LA NOSTRA AUTONOMIA" – E POI PARLA DEI GIOCHI DI MILANO-CORTINA E DEL CASO BIGLIETTI DELLA TRIBUNA D'ONORE DELL'OLIMPICO...

MUNITEVI DI SACCHETTO PER IL VOMITO E LEGGETE RENZI CHE ANNUNCIA L'ADDIO AL PD, SMITRAGLIANDO BANALITÀ SUL ''FUTURO'' PER SPIEGARE LA SUA SMANIA DI POTERE - FA L'OFFESO: ''COSÌ ZINGARETTI NON AVRÀ PIÙ L'ALIBI CHE NON CONTROLLA I GRUPPI PD. MI HANNO SEMPRE TRATTATO DA ESTRANEO, MA ORA POTRANNO RIENTRARE BERSANI E SPERANZA'' - ''FRANCESCHINI DICE: USCIRAI DAL PD E NON TI CONSIDERERÀ PIÙ NESSUNO. PUO' DARSI'' - DOPO AVERCI FATTO IL GOVERNO: ''L'ALLEANZA CON DI MAIO NON MI PIACE. NON MORIRÒ SOCIO DI ROUSSEAU - NON SONO INTERESSATO ALLE NOMINE, MA SU LEONARDO E FINCANTIERI...'' - FRANCESCHINI NELLE CHAT: ''LE DIVISIONI NEI PARTITI FAVORIRONO L'ASCESA DI MUSSOLINI''