ALAN FRIEDMAN TORNA IN ITALIA E BOMBARDA OBAMA: “IL MIO PRESIDENTE HA FATTO UNA FIGURA DI M…”

L’economista lancia un nuovo sito italiano: “Kerry è stato incompetente, Obama debole e confusionario, è Putin il leader più furbo e influente” - “La strategia fallimentare mostra un politico senza esperienza del mondo e segna il tramonto del secolo americano”…

Condividi questo articolo


IL CASO DELLA SIRIA SEGNA LA FINE DEL SECOLO AMERICANO. IL MIO PRESIDENTE HA FATTO UNA FIGURA DI...
Alan Friedman per il suo blog, http://www.alanfriedman.it/il-caso-della-siria-segna-la-fine-del-secolo-americano-il-mio-presidente-ha-fatto-una-figura-di/

Da americano, è con molto rammarico che vi dico che sul caso della Siria il mio Presidente sta facendo un bel pasticcio.
L'incompetenza del Segretario di Stato John Kerry l'abbiamo vista in questi ultimi giorni. La sua promessa di un attacco «incredibilmente piccolo» è stata un'uscita incredibilmente stupida.

ohn Kerry con il presidente Barack Obamaohn Kerry con il presidente Barack Obama

Ma a preoccuparmi sono la debolezza e il comportamento confusionario di Obama. Prima minaccia l'attacco, poi si trova senza gli inglesi, poi si trova con tutti contro al G20 di San Pietroburgo, poi arriva ad abbracciare la proposta russa sulle armi chimiche, naturalmente subito accettata dall'alleato e amico di Putin, il cinico Macellaio di Damasco.

Putin sta uscendo da questa storia come il più furbo e più influente dei leader in questo momento. L'articolo che ha scritto per il New York Times è una mossa da mago della comunicazione. Infatti tutte le sue mosse non fanno una piega.

JOHN KERRY OBAMAJOHN KERRY OBAMA

E gli americani si stanno trovando in una situazione lose-lose.
Il giornale di Assad, Al Watan, l'ha detto in modo chiaro ieri con questo titolo: «Mosca e Damasco tirano il tappeto da sotto i piedi di Obama».

Obama ne sta uscendo come un leader debole, un politico senza esperienza del mondo. E alla fine il famoso "secolo americano" s'incammina oramai verso il tramonto.

L'emergenza in termini economici di un mondo multipolare e non più bipolare (USA e URSS di una volta) o unipolare (gli anni di George W. Bush) è già chiara da qualche anno vista la crescita della Cina, che tra dieci o quindici anni sarà la vera superpotenza economica del 21esimo secolo. Ma ora, con questo caso della Siria, il declino dell'influenza e del potere americano subirà una repentina accelerazione, si andrà verso un mondo quasi post-americano.

BASHAR AL ASSAD JOHN KERRYBASHAR AL ASSAD JOHN KERRY

Intendiamoci: amo il mio Paese. E l'America rimarrà il Paese più importante del mondo per tanti anni, e in tanti modi.
Ma mi dispiace davvero che Obama si sia mostrato molto meno bravo di Putin in questa vicenda.

ASSAD PUTINASSAD PUTIN

Vladimir Putin, of course, ha oggi accolto positivamente l'annuncio della Siria di adesione al trattato mondiale contro le armi chimiche. E Assad ha rilanciato, ponendo nuove condizioni. E John Kerry è tornato a minacciare un attacco.

Ho forti dubbi che alla fine Assad firmi davvero la convenzione internazionale che vieta le armi chimiche e le consegni tutte all'Onu - impresa tra l'altro neanche facile, nel mezzo di una guerra civile.
Per quanto riguarda il mio Presidente, a questo punto lui può soltanto migliorare.

rn27 alan friedman egon furstenbergrn27 alan friedman egon furstenberg

- See more at: http://www.alanfriedman.it/il-caso-della-siria-segna-la-fine-del-secolo-americano-il-mio-presidente-ha-fatto-una-figura-di/#sthash.Bv4GT0m8.dpuf

Siria OBAMA E PUTINSiria OBAMA E PUTIN

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA