ALTRO CHE ULIVO, QUESTA E' CICUTA! - DOPO IL SILURO DI MARIA ELENA BOSCHI ("PRODI È ACCECATO DAL RISENTIMENTO PERCHÉ NEL 2015 RENZI GLI HA PREFERITO MATTARELLA AL COLLE"), ARRIVA LA REPLICA DI ROMANO PRODI: "NON SAPEVO CHE NEL 2015 ERO CANDIDATO. UNA CANDIDATURA SEGRETISSIMA. ERO RIMASTO AI 101…" - L'AMAZZONE PRODIANA, SANDRA ZAMPA SENTE PUZZA DI PARACULISMO: "BOSCHI NON FA CHE RIPETERE QUESTA STORIA DEL RISENTIMENTO, GIÀ ESPOSTA DA RENZI: QUESTO ANTI-PRODISMO NON SARÀ PER CASO UNA PATENTE PER ESSERE ACCETTATI IN AREE POLITICHE CHE DETESTANO IL PROFESSORE?"

Condividi questo articolo


https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/maria-elena-boschi-spiega-perche-rsquo-enrico-letta-vuole-voto-291539.htm

 

renzi prodi 11 renzi prodi 11

PRODI A BOSCHI: “IO CI VEDO BENE NEL 2015 NEMMENO ERO CANDIDATO”

Fa.Ma. per "la Stampa"

 

In questi giorni la memorialistica sul Quirinale è un genere di gran moda, ma ogni tanto spunta un aneddoto “un po’ così”, al confine tra vero e verosimile. Romano Prodi - dall’epoca dei famosi “101” - è uno dei soggetti preferiti del genere “aneddoti apocrifi” e ieri all’ennesima puntata il Professore l’ha presa a ridere. Di buona mattina, un amico bolognese lo ha chiamato e gli ha chiesto: «Romano ci vedi bene?».

 

maria elena boschi maria elena boschi

E lui: «Benissimo, perché?». L’amico: «Elena Boschi sostiene che sei accecato dal risentimento perché Renzi a suo tempo scelse Mattarella invece che te!». Prodi è scoppiato a ridere: «Ma dai! Non sapevo che nel 2015 ero candidato. Una candidatura segretissima. Ero rimasto ai 101, quelli erano veri….».

 

Al di là delle sue chiacchierate private e mattutine, è del tutto inutile chiedere al Professore cosa ne pensi di quel sentimento che Elena Boschi gli ha attribuito. Chi ha parlato con lui, come Sandra Zampa, già portavoce di Prodi e componente della segreteria del Pd, pensa che l’unico caso degno di riflessione sia un altro: «Tra Renzi e i renziani sta affiorando un tipo di racconto diverso dal passato, che hanno mutuato da altri: ripetere una non-verità più volte in modo che qualcosa resti e delegittimi le critiche degli altri. In queste settimane Prodi sta avanzando una serie di critiche personali anche severe a Renzi, ma tutte politiche e allora come gli si risponde? Attribuendo le critiche ad un risentimento e non a ragioni politiche».

renzi prodi renzi prodi

 

Resta un dubbio che Sandra Zampa però suggerisce come possibilità: «Boschi non fa che ripetere questa storia del risentimento, già esposta da Renzi: questo anti-prodismo non sarà per caso una patente per essere accettati in aree politiche che detestano il Professore?». Certo, il ruolo di Renzi nelle elezioni presidenziali è sempre stato al centro di polemiche e talora anche di ricostruzioni fantasiose. Una di queste attribuisce proprio a Renzi un ruolo centrale nella celebre congiura dei “101”, quella che nell’aprile del 2013 portò all’affossamento dell’unica vera candidatura al Quirinale di Romano Prodi.

sandra zampa romano prodi foto di bacco sandra zampa romano prodi foto di bacco

 

Ma il ruolo di killer di Renzi è una fake news dura a morire. La sera del 18 aprile, dopo che si era consumato il flop di Franco Marini, il Pd stava cambiando cavallo e Matteo Renzi lascia Firenze e arriva a Roma. Convoca i «suoi» 35 parlamentari al ristorante Eataly e gli comunica: «Si vota Prodi». Uscendo, a chi gli chiede se dopo aver fatto cadere Marini, si senta il vincitore della giornata, il sindaco replica: «No. Vince l’Italia se domani sarà eletto un presidente di grande rilie vo internazionale».

renzi prodi renzi prodi

 

In quel momento Renzi controllava 35 grandi elettori su 1009, una percentuale irrilevante per eleggere ma soprattutto per affondare Prodi. Allora, qualcuno dei renziani, pochi, non votarono il Professore e diversi anni dopo proprio Renzi, con una eloquente prova di stile, lo ha spifferato: «Dario Nardella fu uno di questi…». E nel 2015? Allora si trattava di sostituire Giorgio Napolitano, reduce da un inedito bis.

sandra zampa foto di bacco (1) sandra zampa foto di bacco (1)

 

Nelle trattative che precedono le votazioni decisive, la forte minoranza del Pd trova con Forza Italia un accordo sul nome di Giuliano Amato. Ma un presidente della Repubblica deciso sull’asse D’Alema-Berlusconi sarebbe troppo per chiunque ne resti escluso, figurarsi per Matteo Renzi, che in quel momento è premier e segretario del Pd. E’ in quel contesto - nel quale nessuno parla o pensa a Prodi - che Renzi lancia Sergio Mattarella. E porta a termine un contropiede destinato a passare alla storia come un’operazione politica esemplare.

maria elena boschi alla leopolda 2 maria elena boschi alla leopolda 2 sandra zampa sandra zampa prodi renzi prodi renzi

 

Condividi questo articolo

politica

QUIRINAL TANGO – MATTARELLA SEGUIRA' LA PRIMA VOTAZIONE DA PALERMO. GIOVANNI GRASSO, PORTAVOCE DEL CAPO DELLO STATO, POSTA SU TWITTER LA FOTO CON PACCHI E SCATOLONI PRONTI: "WEEK-END DI LAVORI PESANTI" - IL RIFERIMENTO È AL TRASLOCO IN ATTO DAL COLLE - BERLUSCONI PARLA DI UN NOME PER IL QUIRINALE IN GRADO DI AVERE “IL MASSIMO CONSENSO POSSIBILE”. MA A PARTE MATTARELLA QUALE ALTRA FIGURA E’ IN GRADO DI AVERE UN CONSENSO COSI' VASTO? LA DISCUSSIONE NEL CORSO DEL VERTICE PERCHE’ FRATELLI D’ITALIA NON VOLEVA CHE…

AFFANCULO DRAGHI CON TUTTA LA FAMIGLIA LETTA (GIANNI ED ENRICO)! BANANA DIXIT! - MA "DRAGHI FOR PRESIDENT", SANTO CIELO!, COME POTEVA PENSARE DI AVERE I VOTI DEL CENTRODESTRA SE ERA DIVENTATO IL CANDIDATO DI ENRICO LETTA E DI GIUSEPPE CONTE? - IMBOCCATO IL VIALE DEL TRAMONTO, BERLUSCONI HA RIFILATO IL SUO ULTIMO COLPO DI CODA NON SOLO A SALVINI E ALLA MELONI MA A UN SISTEMA POLITICO AFFOLLATO DI SCAPPATI DI CASA

- LA VENDETTA DEL BANANA È ANCHE LA SCONFITTA DEI GIORNALONI, TUTTI SDRAIATI SU DRAGHI - DOPO MESI IN CUI VENIVA IDOLATRATO COME "SALVATORE DELLA PATRIA", DRAGHI HA PERSO LA TESTA E SI E' COTONATO IL CERVELLO IN PREDA A UN’ARROGANZA DA MARCHESE DEL GRILLO 6. DAGOSPIA L'AVEVA SCRITTO CHIARO: ''SALUTAME ‘A DRAGHI. NON HA I VOTI PER IL QUIRINALE'' - MATTARELLA SI PREPARA A DISIMBALLARE GLI SCATOLONI: E' L'UNICA VIA PERCORRIBILE...