L’APE REGINA VAL BENE UN MILIONE (E MEZZO): IL REGALONE DI SILVIO A SABINA BEGAN

Imputata a Bari con l’accusa (ma tu guarda) di aver procacciato mignotte a Berlusconi, Sabina Began ha ricevuto dal Patonza un milione e 400mila euro attraverso una società che non hai mai fatto nulla di nulla - I soldi utilizzati per l’acquisto di un appartamento - Segnalazione di Bankitalia…

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini e Maria Elena Vincenzi per La Repubblica

BERLUSCONI SABINA BEGAN GEORGE CLOONEYBERLUSCONI SABINA BEGAN GEORGE CLOONEY

Mentre i giornali pubblicavano i suoi colloqui con Gianpaolo Tarantini («la patonza deve girare») e i magistrati arrestavano Lavitola con l'accusa di averlo ricattato per ottenere il suo silenzio, Silvio Berlusconi regalava un milione e 400mila euro, con bonifico bancario, alla sua adorata imputata Sabina Began.

A che serviva quel denaro? Era un regalo a una vecchia amica? O il prezzo perché lo tenesse fuori dall'inchiesta giudiziaria? È la risposta che cercheranno ora di dare le procure di Roma e di Bari che hanno ricevuto a febbraio la segnalazione dalla Banca d'Italia con tutti i dettagli dell'operazione sospetta.

CENA BERLUSCONI CLOONEY A PALAZZO GRAZIOLI DA VANITY FAIRCENA BERLUSCONI CLOONEY A PALAZZO GRAZIOLI DA VANITY FAIR

Per capire cosa è accaduto, bisogna ricostruire la storia di quei giorni. Il bonifico, secondo quanto è possibile ricostruire dall'informativa del Nucleo speciale di polizia valutaria, sarebbe stato emesso dal Cavaliere nell'ottobre del 2011. È un momento particolarmente difficile per l'Ape Regina: qualche giorno prima (il 15 settembre) aveva ricevuto un avviso di chiusura delle indagini dalla procura di Bari con l'accusa di aver procurato prostitute proprio a Berlusconi.

lario began berlusconilario began berlusconi

Oggi rischia una condanna durissima (lunedì la prossima udienza preliminare a Bari), le accuse sono pesanti e circoscritte. Ma ciò nonostante, nel pieno dello scandalo, l'attrice sembrava avere le idee chiare: «È un complotto contro Berlusconi - confessava ai giornali a ottobre del 2011 - Altro che prostitute, io ero pazza di lui. Io per amore di Silvio rifiutai George Clooney. Io ho agito con amore verso Berlusconi, l'ho amato e lo amo tuttora. Vorrei essere una geisha per il presidente ».

SABINA BEGAN IN SARDEGNA DA OGGI jpegSABINA BEGAN IN SARDEGNA DA OGGI jpeg

Saranno state queste parole, forse, a commuovere Berlusconi. Che quasi in contemporanea - con i giornali che pubblicavano le sue intercettazioni con il lenone Tarantini e con le decine di prostitute che erano state sue ospiti a Palazzo Grazioli e nelle altre residenze e con il governo che traballava sotto i colpi dello spread (il 14 ottobre ottiene la fiducia alla Camera ma un mese dopo è costretto a cedere il passo a Monti) - decide di mettere mano al portafoglio e "premiare" la Began.

Sabina Began in preghiera da ChiSabina Began in preghiera da Chi

Versando in più tranche un milione e 400mila euro alla società Moon & Stars. Che lavoro avrà svolto Moon & Stars per Berlusconi? L'azienda ha zero dipendenti. Sulla carta si occupa di "Pubbliche relazioni e comunicazione".

Ha un capitale sociale di 10mila euro e un pacchetto azionario controllato al 100 per cento da Sabina Began. Agli atti depositati alla Camera di Commercio non risulta alcun contratto firmato né con il Cavaliere né con le sue aziende. Risulta invece alla Banca d'Italia che qualche giorno dopo aver incassato l'ultima tranche del bonifico, con quel denaro, la società acquisti un immobile in via Baccina, in una splendida palazzina nel rione Monti, nel cuore di Roma.

A vendere è Giovanni Lombardi Stronati, avvocato, ex presidente del Siena calcio, re delle cartolarizzazioni immobiliari, recentemente condannato a tre anni e sei mesi per una bancarotta fraudolenta. La Moon & Stars (che aveva chiuso l'anno con un attivo di 21 euro) diventa a quel punto proprietaria dell'appartamento e dopo nemmeno un anno viene messa in liquidazione. Una situazione sospetta per palazzo Koch che invia la segnalazione alle Fiamme Gialle che, a loro volta, girano alla procura.

SABINA BEGANSABINA BEGAN

I magistrati romani studiano le carte, notano coincidenze temporali di quell'operazione finanziaria con le indagini in corso e decidono di inviare gli atti a Bari dove la Began è imputata, appunto, con l'accusa di aver «favorito e sfruttato la prostituzione» di tre ragazze in «favore di Silvio Berlusconi».

Sabina Began in preghiera da ChiSabina Began in preghiera da Chi

L'incartamento è arrivato mercoledì sul tavolo dei sostituti Ciro Angelillis ed Eugenia Pontassuglia che conducono l'inchiesta su Tarantini e il giro di escort. I reati che però loro contestano alla Began si fermano al 6 settembre del 2008: è difficile, quindi, che possano depositare questi atti nell'udienza preliminare della prossima settimana.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

GLI HATER SONO TUTTI UGUALI: PRIMA FANNO I LEONI MINACCIANDO LA MORTE, POI FRIGNANO – L’UOMO INDAGATO PER I PESANTISSIMI INSULTI A GIORGIA MELONI E ALLA FIGLIA SU TWITTER, NASCOSTO DAL NICKNAME “SASHAMANEXI1”, SI CHIAMA SASHA LUPO E HA 27 ANNI. HA PRECEDENTI PER DROGA, PRENDE IL REDDITO DI CITTADINANZA E IN VITA SUA NON HA PRATICAMENTE MAI LAVORATO. AL TELEFONO CON IL SUO AVVOCATO, HA PIGOLATO: “ORA ANDRÒ A DORMIRE IN GALERA? ERO TERRORIZZATO CHE MI TOGLIESSE IL REDDITO, QUESTO PENSIERO MI HA FATTO PERDERE IL LUME DELLA RAGIONE…”

CHEF RUBIO È RIUSCITO A FAR PERDERE LA PAZIENZA ANCHE A LILIANA SEGRE – C’È ANCHE IL “CUOCO” (PER MANCANZA DI FORNELLI) TRA LE PERSONE DENUNCIATE DALLA SENATRICE A VITA, SOPRAVVISSUTA AD AUSCHWITZ, PER I CONTINUI ATTACCHI ANTISEMITI: AD APRILE RUBIO L’AVEVA CRITICATA DEFINENDO “VERGOGNOSO” IL “SILENZIO SISTEMATICO” SULLA “PULIZIA ETNICA” CONTRO I PALESTINESI IN ISRAELE, ED ERA STATO GIÀ DENUNCIATO PER ISTIGAZIONE ALL’ODIO RAZZIALE PER UN TWEET IN CUI DEFINIVA “ABOMINEVOLE” LO STATO DI ISRAELE…

CONTE, CHE PARA-GURU! – PEPPINIELLO APPULO SI TRAVESTE DA INTELLETTUALE RADICAL CHIC E VA A MILANO PER ASSISTERE ALLA PRIMA DELLA SCALA CON LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ ECONOMICA, ALL’OPERA CARDINAL FERRARI: “NON SONO MAI RIUSCITO AD ANDARE ALLA PRIMA NONOSTANTE GLI INVITI QUANDO ERO PREMIER, MA SONO CONTENTO ORA DI GUARDARLA QUI CON VOI” – IL MELENCHON CON LA POCHETTE HA CAPITO CHE NON TORNERÀ MAI A PALAZZO CHIGI, IL SUO UNICO OBIETTIVO È SOFFIARE SUL FUOCO DEL DISAGIO SOCIALE E CANNIBALIZZARE L’OPPOSIZIONE…