L’APE REGINA VAL BENE UN MILIONE (E MEZZO): IL REGALONE DI SILVIO A SABINA BEGAN

Imputata a Bari con l’accusa (ma tu guarda) di aver procacciato mignotte a Berlusconi, Sabina Began ha ricevuto dal Patonza un milione e 400mila euro attraverso una società che non hai mai fatto nulla di nulla - I soldi utilizzati per l’acquisto di un appartamento - Segnalazione di Bankitalia…

Condividi questo articolo


Giuliano Foschini e Maria Elena Vincenzi per La Repubblica

BERLUSCONI SABINA BEGAN GEORGE CLOONEYBERLUSCONI SABINA BEGAN GEORGE CLOONEY

Mentre i giornali pubblicavano i suoi colloqui con Gianpaolo Tarantini («la patonza deve girare») e i magistrati arrestavano Lavitola con l'accusa di averlo ricattato per ottenere il suo silenzio, Silvio Berlusconi regalava un milione e 400mila euro, con bonifico bancario, alla sua adorata imputata Sabina Began.

A che serviva quel denaro? Era un regalo a una vecchia amica? O il prezzo perché lo tenesse fuori dall'inchiesta giudiziaria? È la risposta che cercheranno ora di dare le procure di Roma e di Bari che hanno ricevuto a febbraio la segnalazione dalla Banca d'Italia con tutti i dettagli dell'operazione sospetta.

CENA BERLUSCONI CLOONEY A PALAZZO GRAZIOLI DA VANITY FAIRCENA BERLUSCONI CLOONEY A PALAZZO GRAZIOLI DA VANITY FAIR

Per capire cosa è accaduto, bisogna ricostruire la storia di quei giorni. Il bonifico, secondo quanto è possibile ricostruire dall'informativa del Nucleo speciale di polizia valutaria, sarebbe stato emesso dal Cavaliere nell'ottobre del 2011. È un momento particolarmente difficile per l'Ape Regina: qualche giorno prima (il 15 settembre) aveva ricevuto un avviso di chiusura delle indagini dalla procura di Bari con l'accusa di aver procurato prostitute proprio a Berlusconi.

lario began berlusconilario began berlusconi

Oggi rischia una condanna durissima (lunedì la prossima udienza preliminare a Bari), le accuse sono pesanti e circoscritte. Ma ciò nonostante, nel pieno dello scandalo, l'attrice sembrava avere le idee chiare: «È un complotto contro Berlusconi - confessava ai giornali a ottobre del 2011 - Altro che prostitute, io ero pazza di lui. Io per amore di Silvio rifiutai George Clooney. Io ho agito con amore verso Berlusconi, l'ho amato e lo amo tuttora. Vorrei essere una geisha per il presidente ».

SABINA BEGAN IN SARDEGNA DA OGGI jpegSABINA BEGAN IN SARDEGNA DA OGGI jpeg

Saranno state queste parole, forse, a commuovere Berlusconi. Che quasi in contemporanea - con i giornali che pubblicavano le sue intercettazioni con il lenone Tarantini e con le decine di prostitute che erano state sue ospiti a Palazzo Grazioli e nelle altre residenze e con il governo che traballava sotto i colpi dello spread (il 14 ottobre ottiene la fiducia alla Camera ma un mese dopo è costretto a cedere il passo a Monti) - decide di mettere mano al portafoglio e "premiare" la Began.

Sabina Began in preghiera da ChiSabina Began in preghiera da Chi

Versando in più tranche un milione e 400mila euro alla società Moon & Stars. Che lavoro avrà svolto Moon & Stars per Berlusconi? L'azienda ha zero dipendenti. Sulla carta si occupa di "Pubbliche relazioni e comunicazione".

Ha un capitale sociale di 10mila euro e un pacchetto azionario controllato al 100 per cento da Sabina Began. Agli atti depositati alla Camera di Commercio non risulta alcun contratto firmato né con il Cavaliere né con le sue aziende. Risulta invece alla Banca d'Italia che qualche giorno dopo aver incassato l'ultima tranche del bonifico, con quel denaro, la società acquisti un immobile in via Baccina, in una splendida palazzina nel rione Monti, nel cuore di Roma.

A vendere è Giovanni Lombardi Stronati, avvocato, ex presidente del Siena calcio, re delle cartolarizzazioni immobiliari, recentemente condannato a tre anni e sei mesi per una bancarotta fraudolenta. La Moon & Stars (che aveva chiuso l'anno con un attivo di 21 euro) diventa a quel punto proprietaria dell'appartamento e dopo nemmeno un anno viene messa in liquidazione. Una situazione sospetta per palazzo Koch che invia la segnalazione alle Fiamme Gialle che, a loro volta, girano alla procura.

SABINA BEGANSABINA BEGAN

I magistrati romani studiano le carte, notano coincidenze temporali di quell'operazione finanziaria con le indagini in corso e decidono di inviare gli atti a Bari dove la Began è imputata, appunto, con l'accusa di aver «favorito e sfruttato la prostituzione» di tre ragazze in «favore di Silvio Berlusconi».

Sabina Began in preghiera da ChiSabina Began in preghiera da Chi

L'incartamento è arrivato mercoledì sul tavolo dei sostituti Ciro Angelillis ed Eugenia Pontassuglia che conducono l'inchiesta su Tarantini e il giro di escort. I reati che però loro contestano alla Began si fermano al 6 settembre del 2008: è difficile, quindi, che possano depositare questi atti nell'udienza preliminare della prossima settimana.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL PRESIDENTE DEL SENATO, IGNAZIO LA RUSSA: “NON È MIA ABITUDINE RIVOLGERMI ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA NEANCHE DI FRONTE ALLE PIÙ INVEROSIMILI E OFFENSIVE BAGGIANATE DI QUOTIDIANI E RIVISTE. QUESTO ABITUALE MIO COMPORTAMENTO VACILLA PERÒ DI FRONTE A QUANTO SCRIVE OGGI DAGOSPIA. IL TENTATIVO DI ACCREDITARE, INVENTANDOLO DI SANA PIANTA, UN DISSIDIO INTERNO A FDI A MILANO PROPRIO DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE REGIONALE COSTITUISCE UN INGIUSTO DANNO ARBITRARIAMENTE CAGIONATO ANCOR PIÙ CHE A ME AL PARTITO FDI….”

DAGONEWS – GIORGIA MELONI SI SENTE TRADITA NON SOLO DAI GABBIANI DI RAMPELLI NEL LAZIO MA ANCHE DA LA RUSSA IN LOMBARDIA. E DOPO LE REGIONALI NULLA SARA' COME PRIMA - NON POTENDO COMMISSARIARE LA LOMBARDIA, COME E' SUCCESSO NEL LAZIO, “IO SO’ GIORGIA” HA RECAPITATO UNA LETTERA A ‘GNAZIO: RICORDATI CHE SEI IL PRESIDENTE DEL SENATO, SECONDA CARICA ISTITUZIONALE DELLO STATO. LA RUSSA MANCO HA RISPOSTO ALLA LETTERA E LA DUCETTA HA SPEDITO A MILANO DONZELLI  – E' SCATTATO L'ALLARME ROSSO PER LA BORGHESIA MILANESE SALA&PEPE PER L'EVENTUALE SBARCO DEI FRATELLI LA RUSSA AL PIRELLONE CON LA SCORTA MEDIATICA DELLA FAMIGLIA ANGELUCCI. PER SALVARSI LA SINISTRA LOMBARDA HA MOLLATO LETIZIA MORATTI ED E' PASSATA CON IL BROCCOLO LESSO DI MAJORINO - LA SMENTITA DI LA RUSSA

CHI SONO I 38 PARLAMENTARI NON RIELETTI CHE CONTINUANO A VIAGGIARE GRATIS SUI TRENI AD ALTA VELOCITÀ? – POCO PRIMA CHE LE CAMERE FOSSERO SCIOLTE, SAPENDO DI NON ESSERE RIELETTI, 30 GRILLINI, 4 RENZIANI, 2 LEGHISTI, UN PARLAMENTARE DI FRATELLI D’ITALIA E UNO DEL PD SONO ANDATI NELL’AGENZIA VIAGGI DELLA CAMERA A FARE INCETTA DI BIGLIETTI DEL TRENO DA UTILIZZARE ANCHE DOPO LA FINE DELLA LEGISLATURA – IL CASO DELL’EX PARLAMENTARE PIEMONTESE NO-TAV CHE DAL 20 LUGLIO SI È ACCAPARRATO 11MILA EURO DI CARNET

“GLI AIUTI ARRIVERANNO – POCHI E TARDI – CON UN CARICO DI PROBLEMI” – FEDERICO RAMPINI: “I TANK IN ARRIVO SONO POCHE DECINE CONTRO LE MIGLIAIA DI TANK RUSSI. LE TRUPPE UCRAINE VANNO ADDESTRATE E I MEZZI BLINDATI HANNO BISOGNO DI ESSERE RIFORNITI COSTANTEMENTE DI CARBURANTE, PEZZI DI RICAMBIO, E SOPRATTUTTO MUNIZIONI. QUI SI TOCCA UN TASTO DOLENTE" - "LA GIUSTIFICAZIONE PRINCIPALE PER LE NOSTRE ESITAZIONI È QUELLA DI NON PROVOCARE PUTIN. MA I TANK NON CAMBIANO NULLA..."