ARABIA REPRESSA - BIDEN TENTA DI RIACQUISTARE POPOLARITÀ ORDINANDO DI RIESAMINARE I DOCUMENTI DELL'FBI SUGLI ATTENTATI DELL’11 SETTEMBRE, COSÌ DA POTERLI DECLASSIFICARE ENTRO SEI MESI: LE FAMIGLIE AVEVANO INTIMATO AL PRESIDENTE DI NON PRESENTARSI A NESSUNA CERIMONIA COMMEMORATIVA A MENO CHE NON AVESSE RIMOSSO IL SEGRETO DAL MATERIALE SULLA POSSIBILE COMPLICITÀ DELL'ARABIA SAUDITA CON I 19 DIROTTATORI AEREI, 15 DEI QUALI ERANO SAUDITI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da "www.tgcom24.mediaset.it"

 

joe biden 8 joe biden 8

A pochi giorni dal ventesimo anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle e al Pentagono dell'11 settembre 2001, il presidente americano, Joe Biden, ha ordinato al dipartimento di Giustizia e ad altre agenzie governative Usa di riesaminare i documenti dell'Fbi sugli attentati, così da poterli declassificare entro sei mesi. Si tratta di una svolta storica rispetto alla posizione dei precedenti presidenti, che era stata promessa nel programma elettorale.

 

mohammed atta 11 settembre mohammed atta 11 settembre

Quello di quest'anno è già un anniversario che si celebra tra le polemiche per il caotico ritiro dell'Afghanistan, dove gli Stati Uniti hanno combattuto contro Al Qaeda la loro guerra più lunga, ma almeno viene accolto l'ultimatum degli oltre 2.000 familiari delle vittime che, il 6 agosto, avevano ammonito il presidente a non presentarsi a nessuna cerimonia commemorativa a meno che non avesse rimosso il segreto dal materiale sulla possibile complicità dell'Arabia Saudita con i 19 dirottatori aerei, 15 dei quali erano sauditi. Complicità che intendono comunque provare in una causa ancora pendente a New York contro Riad.

joe biden 14 joe biden 14

 

"Mentre ci avviciniamo al 20esimo anniversario di quel tragico giorno - ha spiegato Biden dopo aver firmato l'ordine relativo ai file - sto onorando l'impegno preso in campagna elettorale di garantire trasparenza sulla declassificazione dei documenti degli attacchi terroristici dell'11 settembre. Non dobbiamo mai dimenticare il duraturo dolore delle famiglie e delle persone care dei 2.977 innocenti che furono uccisi nel peggior attacco terroristico all'America nella sua storia. Per loro non è solo una tragedia nazionale ed internazionale, ma una devastazione personale".

 

foto rare dell 11 settembre 8 foto rare dell 11 settembre 8

"Il mio cuore - ha proseguito il presidente nel messaggio - continuerà ad essere con le famiglie dell'11/9 che stanno soffrendo, e la mia amministrazione continuerà a coinvolgere rispettosamente i membri di questa comunità".

 

Nel 2004 il rapporto della commissione parlamentare sull'11 settembre non trovò prove che il governo saudita, "come istituzione" o attraverso "alti" dirigenti, avesse finanziato "individualmente" i dirottatori ma ammise la "probabilità" che "fondazioni di beneficenza con sponsor significativi del governo saudita abbiano deviato fondi ad Al Qaeda". I familiari delle vittime sostengono che da allora "sono state scoperte molte evidenze

joe biden risiko joe biden risiko

investigative implicanti dirigenti del governo saudita nel supportare gli attacchi" e che "attraverso varie amministrazioni il dipartimento di giustizia e l'Fbi hanno cercato attivamente di tenere queste informazioni segrete impedendo agli americani di conoscere la piena verità sull'11/9".

 

Per questo hanno chiesto all'ispettore generale del ministero della giustizia di indagare sulle gestione delle prove da parte dell'Fbi, affermando che certi documenti sono apparentemente mancanti o persi. Tra questi, registrazioni di telefonate tra i cosiddetti co-cospiratori, interviste di testimoni, la foto di un diplomatico saudita con due dirottatori  (Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar) all'esterno di una moschea californiana poco

foto rare dell 11 settembre 9 foto rare dell 11 settembre 9

 

dopo il loro arrivo in Usa, un video che mostrerebbe un saudita ospitare un party a San Diego per due autori dell'attentato.

 

La scorsa settimana, poi, Cbs News ha riferito dell'esistenza di un block notes appartenuto ad uno "studente" saudita di San Diego sulla busta paga di Riad e stretto collaboratore di quei due dirottatori: dentro c'è un disegno fatto a mano di un aereo e una equazione matematica che potrebbe essere stata usata per identificare un bersaglio e poi calcolare la velocità di discesa sul target.  Misteri che forse saranno

joe biden va alla guerra joe biden va alla guerra

svelati entro marzo, al termine dei sei mesi indicati da Biden per la declassificazione, e che potrebbero mettere in ulteriore imbarazzo Riad, dopo che il presidente ha desecretato anche il rapporto dell'intelligence Usa che ritiene il principe ereditario Mohammed bin Salman il mandante dell'omicidio Kashoggi.

joe biden in mezzo ai soldati 4 joe biden in mezzo ai soldati 4 joe biden joe biden joe biden guarda l'orologio durante il rientro delle salme dei militari morti a kabul 6 joe biden guarda l'orologio durante il rientro delle salme dei militari morti a kabul 6 foto rare dell 11 settembre 2 foto rare dell 11 settembre 2 11 SETTEMBRE 2001 11 SETTEMBRE 2001 foto rare dell 11 settembre foto rare dell 11 settembre foto rare dell 11 settembre 1 foto rare dell 11 settembre 1 foto rare dell 11 settembre 10 foto rare dell 11 settembre 10 foto rare dell 11 settembre 11 foto rare dell 11 settembre 11 foto rare dell 11 settembre 12 foto rare dell 11 settembre 12 foto rare dell 11 settembre 13 foto rare dell 11 settembre 13 foto rare dell 11 settembre 14 foto rare dell 11 settembre 14 foto rare dell 11 settembre 15 foto rare dell 11 settembre 15 foto rare dell 11 settembre 16 foto rare dell 11 settembre 16 foto rare dell 11 settembre 17 foto rare dell 11 settembre 17 foto rare dell 11 settembre 5 foto rare dell 11 settembre 5 foto rare dell 11 settembre 3 foto rare dell 11 settembre 3 foto rare dell 11 settembre 4 foto rare dell 11 settembre 4 joe biden 1 joe biden 1 foto rare dell 11 settembre 6 foto rare dell 11 settembre 6 foto rare dell 11 settembre foto rare dell 11 settembre joe biden 3 joe biden 3 joe biden 2 joe biden 2 joe biden in guerra joe biden in guerra

 

foto rare dell 11 settembre 7 foto rare dell 11 settembre 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA