1. AZZECCAGARBUGLI AL LAVORO: COME AGEVOLARE LA "GREXIT" E VIVERE FELICI E CONTENTI
2. UN EVENTUALE ADDIO DI ATENE NON PUÒ ESSERE SANCITO DA UNA DECISIONE DEL CONSIGLIO, NÉ DA UN VOTO PARLAMENTARE, DEL RESTO NON CI SONO REGOLE CHE LO PREVEDANO
3. LO SCENARIO CHE I GIURISTI DI BRUXELLES STANNO VALUTANDO PREVEDE CHE IN MANCANZA DI INTESE SU RIFORME E TAGLI, ATENE SCIVOLI VIA DALLA MONETA UNICA PER ESAURIMENTO DI VALUTA EUROPEA MA NON E’ COSÌ AUTOMATICO. L’ASSENZA DI REGOLE E L’IRREVERSIBILITÀ DELL’EUROZONA PRESCRITTA DAI TRATTATI RENDONO OGNI SCENARIO UNA VERA INCOGNITA
 

Condividi questo articolo


tsipras draghi merkel tsipras draghi merkel

Marco Zatterin per “la Stampa”

 

La morte sopraggiungerà per mancanza di ossigeno», sintetizza a denti stretti un pezzo grosso della Commissione Ue. Vuol dire che un eventuale addio della Grecia dall’Eurozona non sarebbe sancito da una decisione del Consiglio, né da un voto parlamentare, del resto non ci sono regole che lo prevedano.

 

Lo scenario che i giuristi di Bruxelles stanno valutando, con la speranza che il loro lavoro si riveli inutile, prevede che in mancanza di intese su riforme e tagli la repubblica ellenica scivoli via dalla moneta unica per esaurimento di valuta europea.

 

draghi tsipras draghi tsipras

«Accertato il default nei confronti della Bce - spiega la fonte -, sarebbe automatica la decisione di Francoforte di chiudere il rubinetto della liquidità. Senza interventi esterni, le banche fallirebbero». Gli euro uscirebbero dal mercato e il mercato dall’euro. Detta così, è drammaticamente semplice. 
 

L’apparenza non inganni. L’assenza di regole e l’irreversibilità dell’Eurozona prescritta dai Trattati sono armi a doppio taglio. «Ho uno scenario preciso per l’uscita della Grecia dall’euro», ha assicurato martedì il presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Ha detto scenario, non piano.

 

draghi tsipras merkel lagarde hollande draghi tsipras merkel lagarde hollande

I piani sono quasi impossibili, soprattutto perché si vorrebbe evitare che l’addio all’Eurozona di Atene portasse anche all’uscita dall’Ue che, invece, è prevista dall’art. 50 della costituzione europea attraverso un processo complesso e ratificato da tutti i parlamenti nazionali. Si potrebbe ricorrere all’art. 352, norma che consente di fare qualsiasi cosa dia beneficio all’Unione se tutti sono d’accordo per estromettere chi disturba la stabilità comune. Ma è una ipotesi vaga.
 

Il pensatoio di Juncker studia gli aspetti legali di «Grexit» e, per il momento, ritiene che la soluzione migliore consista nel farli andar via per impossibilità di restare dentro. Funziona così. Il 20 luglio la Grecia non rimborsa i 3,5 miliardi alla Bce. L’evento creditizio elimina automaticamente la possibilità che la Francoforte possa immettere soldi nelle banche elleniche che resterebbero a secco molto in fretta.

 

tsipras juncker tsipras juncker

Per mantenere in vita l’economia, Atene dovrebbe a quel punto dotarsi d’una moneta diversa: potrebbe essere la dracma, anche se richiederebbe tempo; oppure si potrebbe stabilire un sistema di «pagherò» non dissimile dai miniassegni italiani degli Anni 70, che avrebbe però solo valore interno. Per le transazioni internazionali bisognerebbe acquistare (a prezzo maggiorato) euro, dollari o quel che serve. 
 

renzi tsipras rutte juncker all eurogruppo renzi tsipras rutte juncker all eurogruppo

L’Europa dovrebbe a quel punto istruire un pacchetto di emergenza per contenere gli effetti sul mercato comune a dodici stelle e sulla Grecia stessa. Si richiederebbe un riorientamento virtuoso dei fondi strutturali, un piano di aiuti di prima necessità per i cittadini (farmaci ecc.) e un’azione parallela della Bce per evitare il contagio finanziario sui Paesi deboli e ad alto debito: «Con la Qe di Draghi non dovrebbero esserci grossi incidenti», si stima a Bruxelles. Quanto ad Atene, una volta rinunciato all’euro, dovrebbe comunque rinegoziare il debito col Fmi e l’Eurotower, che terrebbero conto della probabile recessione e della svalutazione, oltremodo dannosa per un paese che esporta poco. Un dramma. Restano quattro giorni per evitarlo.
 

grexit grexit grexit grexit

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)