BEGA NORD – UFFICIALMENTE TOSI E SALVINI HANNO ROTTO IL 14 MARZO, MA IL SITO “TOSIPRESIDENTE” È STATO REGISTRATO UN MESE PRIMA – ALTRO CHE ORGOGLIOSA RIVENDICAZIONE DELL’AUTONOMIA VENETA CONTRO “LO STRAPOTERE LUMBARD”. ERA TUTTO GIÀ PRONTO

E quando le agenzie della Lega sono andate dai concessionari a prenotare gli spazi per le affissioni hanno scoperto che gli emissari di Flavio Tosi avevano già prenotato gli spazi addirittura da metà gennaio… -

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

DOMINIO DEL SITO TOSI PRESIDENTE DOMINIO DEL SITO TOSI PRESIDENTE

Il sindaco di Verona e segretario veneto della Lega, Flavio Tosi, aveva deciso di uscire dalla Lega e candidarsi contro Luca Zaia ben prima del 14 marzo quando, nel corso di un drammatico faccia a faccia fra i leader del Carroccio, il segretario federale Matteo Salvini ordinò il commissariamento della segreteria veneta.

 

La causa del dissenso é stata la decisione del segretario Tosi di stabilire liste, alleanze e candidati senza sentire nè il parere di Salvini nè quello del candidato presidente, Luca Zaia. E fin qui semplice dissenso ma se, come risulta a Dagospia, la registrazione del sito "tosipresidente.it" é avvenuta un mese prima dell'incontro, il 17 febbraio, allora la storia va letta in modo diverso.

 

Tosi non avrebbe abbandonato la Lega nè per una orgogliosa rivendicazione dell'autonomia della segreteria veneta contro le mire egemoniche dei lumbard, nè tantomeno per riaffermare il disagio politico causato dall'eccessivo spostamento a destra impresso da Salvini alla Lega Nord.

STEFANIA VILLANOVA E FLAVIO TOSI STEFANIA VILLANOVA E FLAVIO TOSI

 

Forse le motivazioni erano anche queste ma, principalmente, l'obiettivo era quello di preparare la strada, anche mediatica, alla sua discesa in campo alla presidenza della Regione cercando di lasciare il cerino in mano a qualcun altro.

FLAVIO TOSI MATTEO SALVINI ROBERTO MARONI jpeg FLAVIO TOSI MATTEO SALVINI ROBERTO MARONI jpeg

 

Il 16 febbraio Tosi aveva riunito il Consiglio veneto e imposto il blitz contro Salvini e contro Zaia su liste e candidature, dopo essersi lavorato ai fianchi le segreterie regionali.

E il 17, appena 24 ore dopo, dava via libero ad Alessandro Scardino per registrare il sito "Tosipresidente.it". Lo stesso Scardino che aveva curato la presentazione di Ricostruiamo il Paese al PalaBam di Mantova (ottobre 2013), in cui Tosi diceva di voler gettare le basi alla sua candidatura alle Primarie del centrodestra.

FLAVIO TOSI E STEFANIA VILLANOVA FLAVIO TOSI E STEFANIA VILLANOVA

 

Inutile aggiungere, che quando le agenzie della Lega sono andate dai concessionari a prenotare gli spazi per le affissioni hanno scoperto che gli emissari di Tosi avevano giá prenotato gli spazi da metá gennaio.

 

luca Zaia DSC luca Zaia DSC

Discesa in campo strategica e premeditata da un mese, altro che "fatwa contro la sua Fondazione" come aveva dichiarato il giorno dopo il commissariamento della Segreteria veneta. Una strategia evidentemente subodorata dai vertici del Carroccio che con il commissariamento hanno obbligato Tosi a venire allo scoperto forse prima di quanto previsto e che ora gli impone di sostituire un possibile blitz elettorale sotto data in una vera e propria campagna di due mesi.

TOSI E ZAIA TOSI E ZAIA LUCA ZAIA LUCA ZAIA

 

Condividi questo articolo

politica

“IL PD DEVE BANDIRE IL GIUSTIZIALISMO. ALLA FINE DELLA SUE VICENDE GIUDIZIARIE LOTTI USCIRÀ COME UNA VITTIMA. PERCHE’ NON CANDIDARLO?” - L’EX TESORIERE DEI DS UGO SPOSETTI SI APPELLA A LETTA E CHIEDE DI NON ESCLUDERE L’EX BRACCIO DESTRO DI RENZI LUCA LOTTI, IMPUTATO NEL CASO CONSIP E INDAGATO PER CORRUZIONE NELL’INCHIESTA OPEN. L’EX RENZIANO  E' STATO INTERCETTATO CON PALAMARA MENTRE DISCUTEVANO SU CHI PIAZZARE A CAPO DELLA PROCURA DI ROMA - SPOSETTI: “LOTTI NON POTEVA ESSERE INTERCETTATO” 

GRILLO SFANCULA CONTE E PREPARA IN CASO DI FLOP ELETTORALE IL "VAFFA DAY" PER L'AVVOCATO IN POCHETTE - SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10%, PEPPINIELLO, COME DAGO-RIVELATO, POTREBBE MOLLARE PER CREARE IL SUO PARTITO (E CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGA…) - CONTE HA PERSO LA BATTAGLIA CON BEPPE GRILLO: DAL VETO A DI BATTISTA AL NO AL NOME DI CONTE NEL SIMBOLO DEL MOVIMENTO. L’ELEVATO DI TORNO SI È OPPOSTO IN TUTTI I MODI: NON VUOLE UN’ECCESSIVA PERSONALIZZAZIONE, E SOPRATTUTTO NON VUOLE CHE LA SUA CREATURA SIA IDENTIFICATA CON L’AVVOCATO DI PADRE PIO, CHE DETESTA…