BIDEN NON CI STA: C’È QUALCOSA CHE NON TORNA NELLA CATASTROFE AFGHANA - PERCHÉ IL PRESIDENTE ASHRAF GHANI, CONSIDERATO UN FANTOCCIO IN MANO AMERICANA, È STATO IL PRIMO A SCAPPARE DA KABUL PER RIFUGIARSI AD ABU DHABI, DOVE L’ATTENDEVA LO SCEICCO DEGLI EMIRATI ARABI, MOHAMMED BIN ZAYED? E ZAYED E’ IL NEMICO NUMERO UNO DELLO SCEICCO DEL QATAR, DOVE È AVVENUTO L’ACCORDO DI TRUMP CON I TALEBANI - ANCORA: COME MAI ALL’INDOMANI DELLA FUGA DELL’EX PRESIDENTE AFGHANO ASHRAF GHANI, IL DI LUI FRATELLO HASHAMT GHANI AHMADZAI, HA GIURATO FEDELTÀ AI TALEBANI?

Condividi questo articolo


tony blinken joe biden tony blinken joe biden

DAGOREPORT

Biden nel fortino, Biden sotto attacco, Biden al minimo nei sondaggi. La vicenda Afghana ogni giorno assume connotati nuovi e indica responsabilità, dove "negligenze” fa rima con intelligence.

 

Prima presi per il culo, poi legnati, infine sbattuti al muro, Biden e il suo sottosegretario di Stato Blinken, pur storditi stanno cercando di difendersi. E riavvolgendo il bandolo della matassa. Si sono insospettiti di molte stranezze e stanno indagando: c’è qualcosa che non torna nella catastrofe afghana.

 

ahsraf ghani. ahsraf ghani.

Ad esempio: perché il presidente Ashraf Ghani, considerato un fantoccio in mano americana, è stato il primo a scappare da Kabul per rifugiarsi ad Abu Dhabi, dove l’attendeva, reverentissimo ospite, lo sceicco degli Emirati Arabi, Mohammed Bin Zayed?

 

Cronaca vuole che l’accordo tra Usa e talebani, condotto dal sottosegretario di Stato di Donald Trump, Mike Pompeo, sia avvenuto a Doha, capitale del Qatar, dove gli Usa hanno la più grande base navale del Medio Oriente (l’altra è nel Barheim). Ed notorio che tra l’emiratino Bin Zayed e lo sceicco qatarino, Tamim bin Hamad al-Thani non scorra buon sangue. Aggiungere infine che Pompeo non aveva informato della trattativa di Doha con i talebani il presidente Ashraf Ghani. Una volta tagliato fuori, il “fantoccio” afghano si era incazzato.

mike pompeo abdul ghani baradar mike pompeo abdul ghani baradar

 

Altro fatto strano: come mai all’indomani della fuga dell’ex presidente afghano Ashraf Ghani, il di lui fratello Hashamt Ghani Ahmadzai, ha giurato fedeltà ai talebani durante una cerimonia che si è tenuta nella capitale Kabul, davanti a Jalil al Rahman Haqqani, un esponente dei Talebani associato alla rete Haqqani?

 

Ancora. Nel suo primo discorso, all’indomani della caduta di Kabul, Biden ha balbettato davanti alle telecamere di aver ricevuto dall’intelligence l’assicurazione che l’esercito afghano di Ghani sarebbe riuscito a mantenere l’ordine per almeno 8 mesi. E’ durato 8 minuti. Come mai?

 

TRUMP TAMIM AL THANI TRUMP TAMIM AL THANI

Il passaggio di consegne, tra le quali c’era l’accordo di Doha con i talebani, tra l’amministrazione di Trump e quella di Biden è avvenuto in maniera più che caotica con Donald che contestava la regolarità del voto. Insomma, non è avvenuto. Né si sa cosa abbia trattato nelle segrete stanze Pompeo. Insomma, a Biden e Blinken la catastrofe afghana puzza di bruciato….

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE