DI BOSCO E DI RIVERA – MARCO TRAVAGLIO: “GLI EMERITI GIORNALONI LACRIMANO PER LA DIPARTITA DI ALCUNI IRRINUNCIABILI FENOMENI DEL DEEP STATE. LE LACRIME PIÙ COPIOSE SONO PER L'USCITA DI ALESSANDRO RIVERA DALLA DIREZIONE GENERALE DEL TESORO, DOVE IL BOIARDO REGNA DA VENT' ANNI CON I BEI RISULTATI A TUTTI NOTI (VEDI ALLE VOCI MPS, ETRURIA, GIÙ GIÙ FINO A ITA). MA È IL ‘PUPILLO DI DRAGHI’, QUINDI UN ‘CIVIL SERVANT’, ERGO GUAI A ORBARCENE, PERCHÉ 'POI CHI PARLA CON L'UE?'. PROVATE CON MAZZOLA…”

-

Condividi questo articolo


MARCO TRAVAGLIO MARCO TRAVAGLIO

Estratto dell’articolo di Marco Travaglio per “il Fatto quotidiano”

 

In spudorata concorrenza con i funerali del Papa Emerito, gli emeriti giornaloni lacrimano da giorni per la dipartita di alcuni irrinunciabili fenomeni del Deep State (in italiano: il Sistema di potere dei soliti noti), vittime inermi del cruento spoils system (lottizzazione) del governo Meloni.

 

Di cui noi, com' è noto, pensiamo tutto il peggio. Ma non fino al punto di berci le lagne del Pd e dei suoi gazzettieri per una pratica che tutti i governi hanno sempre attuato da che mondo è mondo.

 

Inclusi quelli del Pd, che è uso governare e lottizzare senza mai vincere un'elezione. Del resto è la legge Bassanini (non un fascista meloniano, ma un sincero democratico pidino) a stabilire che gli "incarichi di funzione dirigenziale cessano decorsi 90 giorni dal voto di fiducia", cioè il 24 gennaio.

 

ALESSANDRO RIVERA ALESSANDRO RIVERA

Le lacrime più copiose sono per l'uscita di Alessandro Rivera dalla direzione generale del Tesoro, dove il boiardo dal cognome francamente eccessivo regna da vent' anni con i bei risultati a tutti noti (vedi alle voci Mps, Etruria e altre banche in splendida forma, giù giù fino a Ita). Ma è - assicura Repubblica - il "pupillo di Draghi", quindi un "civil servant", ergo guai a orbarcene, perché "poi chi parla con l'Ue?" (domanda ridicola che Rep attribuisce a fonti anonime, perché nessuno oserebbe mai firmarla col suo nome). Provate con Mazzola. […]

ALESSANDRO RIVERA ALESSANDRO RIVERA GIOVANNI LEGNINI LUCA PALAMARA GIOVANNI LEGNINI LUCA PALAMARA ALESSANDRO RIVERA ALESSANDRO RIVERA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”