BRUSH HOUR! LEGGI OGGI LE NOTIZIE DI DOMANI - OLTRE ALLA RETATA QUOTIDIANA (OGGI TOCCAVA AI BANCHIERI, I MEDICI SONO PREOCCUPATI), IL PALAZZO FA I CONTI CON IL CICLONE GRILLO - BERLUSCONI AMMETTE CHE VINCE BEPPONE E SI PORTA AVANTI: SUBITO ELEZIONI

La retata di banchieri impreziosisce un finale di campagna elettorale all’insegna del grande cagotto. I barbari grillini sono alle porte e il Berlusca chiede già le elezioni anticipate. Anche Renzi e tutti gli altri costretti a parlare solo dei Cinque Stelle. Ma uno che ci crede, al governo, ancora c’è. Si chiama Alfano e dice: “Credo che il governo uscirà rafforzato dal voto”…

Condividi questo articolo


Francesco Bonazzi per Dagospia

GRILLO RITWITTA IL FOTOMONTAGGIO VECCHIOTTO DI RENZI E BERLUSCONI FUSI INSIEME GRILLO RITWITTA IL FOTOMONTAGGIO VECCHIOTTO DI RENZI E BERLUSCONI FUSI INSIEME

Tra una retata e l’altra (oggi è toccato ai banchieri amici dei politici della scorsa settimana) il Palazzo si prepara a fronteggiare il prevedibile scossone delle elezioni europee con lo stesso entusiasmo di una Papi-girl affidata alle Dame di San Vincenzo. Se davvero domenica Grillo farà il botto che dice lui, ma che in realtà si aspettano anche i suoi avversari, bisognerà ammettere che sulle strategie di marketing e comunicazione elettorale se li è incartati tutti. Oppure, se si preferisce vederla dal punto di vista del cosiddetto “Paese reale”, toccherà riconoscere che dal suddetto Paese reale sta arrivando ai partiti un sonoro vaffa.

YALTA CON BERLUSCONI RENZI GRILLO YALTA CON BERLUSCONI RENZI GRILLO

In quest’ultima settimana non si è parlato altro che di Beppone Grillo e del suo movimento che terrorizza Napolitano, Renzi, Berlusconi e Draghi. Tutti a contro-cianciare di lui e della terribile sciagura, nazionale e continentale, politica e finanziaria, che si abbatterà sul popolo in caso qualcuno vada a votare Grillo, ma anche Farage e Le Pen. A torto o ragione, un drammatico errore strategico. Con Renzi che fatica a conquistare i titoli e leader come Alfano che, se non presentasse un libro al giorno sulla Polizia, diresti che sia andato in vacanza in Kazakhstan.

ALFANO RENZI FOTO LAPRESSE ALFANO RENZI FOTO LAPRESSE

Come al solito, il più “onesto” della compagnia, quello che canta più chiaro, è anche colui che sta messo peggio. Silvio Berlusconi ha in mano sondaggi con un numero che notoriamente porta male e che non trova spazio sugli aerei. E allora confessa: “In caso di vittoria dei Cinque Stelle, bisogna andare subito a elezioni politiche”. Poi, non pago del suddetto numero, aggiunge un accorato appello al “voto utile”. Chi ha qualche anno in più ricorderà che l’appello al “voto utile” è stato la lunga marcia funebre della Democrazia cristiana prima di ogni elezione.  

L’ex Cavaliere del lavoro si è esibito all’Eur, perché piazza del Popolo è occupata da Renzie. Il premier in carica continua a dipingersi “forza tranquilla” e “speranza”, in contrapposizione alla “rabbia” dei grillini. In più dice che porterà lì’Italia fuori dalla palude e dalle “sabbie mobili di chi gioca sulle rendite”. Se finanziarie o di posizione, lo scopriremo solo votandolo.

Grillo invece lancia la mobilitazione globale in vista della manifestazione (oceanica, off course) di domani a Roma, in piazza San Giovanni. Tra i suoi, la convinzione di arrivare testa a testa con il Pd è quasi granitica.

GRILLO A SAN GIOVANNI GRILLO A SAN GIOVANNI

 Assai ottimista anche Alfano per il suo Ncd e per il governo tutto: “Io credo che il governo uscirà rafforzato dal voto”. Solo, non ha specificato quale governo. 

GRILLO A SAN GIOVANNI GRILLO A SAN GIOVANNI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)